Economia e Lavoro

Decodificare al meglio il ciclo di lavoro dei compressori

Diverse tipologie di compressori, come per esempio quelli a vite e quelli centrifughi, sono sviluppati per funzionare in continuazione e a velocità massima, pur mantenendo il flusso d'aria di picco. I loro motori e i loro sistemi di raffreddamento sono dunque progettati per operare al 100% nel tempo e senza pericolo di surriscaldamento. Tuttavia, questo non vale per tutte le tipologie di compressori.

Nel caso ad esempio dei compressori a pistoni, questi non hanno le capacità di raffreddamento per funzionare in continuazione e per lunghi periodi di tempo. Quindi, ogni compressore a pistone deve avere un output ben definito di portata e pressione, e soprattutto una percentuale di tempo in cui questo possa funzionare senza danneggiare la macchina. Questa percentuale di esecuzione e fermo viene chiamata con il nome di ciclo di lavoro di un compressore.

Il ciclo di lavoro, un termine normalmente usato nella valutazione dei motori elettrici, è il tempo in cui un compressore lavora rispetto al tempo totale del ciclo, ovvero il tempo totale di corsa e fermata. Per esempio un compressore che ha un tempo di ciclo totale (Tc) di 10 minuti e un tempo di esecuzione (Tr) di 6 minuti ha un ciclo di lavoro (stimato) del 60 per cento.

Mentre nel settore dell’industria dell'aria compressa sono presenti svariati standard a cui i produttori devono obbligatoriamente aderire, per il ciclo di lavoro non vi è alcuna restrizione. Una mancanza che però può generare confusione e indurre gli operatori ad acquistare compressori esosi che si vantano di avere un ciclo di lavoro del 100 per cento. Un dato fisicamente e praticamente impossibile.

Per questa ragione è fondamentale rivolgersi a professionisti del settore dell’aria compressa, in grado di fornire un servizio completo, dalla progettazione alla realizzazione, fino all’assistenza post-vendita. Aziende che, grazie alla competenza dei propri tecnici, possono offrire la miglior assistenza tecnica e consigliare i migliori ricambi per compressori, sulla base delle vostre esigenze di produttività.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

L'importanza dei dispositivi di protezione individuale per la sicurezza sul lavoro

Per dispositivo di protezione si intende una qualsiasi attrezzatura che permette a chi la indossa di essere protetto, nella situazione idonea all'utilizzo dell'attrezzatura.
Lo scopo principale è assicurare la sicurezza nel posto di lavoro, dove non sia possibile rimuovere l'origine dei rischi o limitarne la pericolosità.
Il lavoratore è obbligato, in alcuni casi per legge, a farne utilizzo, a non apportare modifiche e in alcuni casi a seguire co [...]

Continua a leggere

Il successo di Xiaomi in Europa (e in Italia)

Xiaomi arriva in Europa (e in Italia) e i grandi nomi del mercato tecnologico iniziano a tremare.
In pochi anni, infatti, l'azienda cinese ha raggiunto il quarto posto tra i produttori di telefoni a livello mondiale e, a giudicare dall'incremento del suo fatturato, il dato è destinato a crescere.
Solo nel 2017, infatti, Xiomi ha venduto 92 milioni di smartphone con un guadagno di circa 16 miliardi di dollari.
Non a caso il fondatore, Lei Jun, è s [...]

Continua a leggere

Saldare con precisione: gli accoppiatori per tubi

La saldatura è un procedimento che permette l’unione irreversibile di due componenti: affinché tale giunzione risulti funzionale, è necessario che le due parti siano saldate con estrema precisione.
Piuttosto semplice con tubi di piccole dimensioni, questo procedimento diventa progressivamente più complicato con l’aumentare del diametro: per mantenere la contiguità tra due condotte e aumentare l’efficacia della produzione è comodo, oltre che sicur [...]

Continua a leggere