Economia e Lavoro > Finanza

Decreto "Liquidità" Le misure per il Fondo di garanzia

Il 4 giugno 2020 con l'approvazione del senato è stato trasformato in Legge il Decreto Liquidità; divenendo operative le misure a sostegno delle imprese, professionisti, autonomi o artigiani che si ritrovano ad affrontare le scomode conseguenze che ha portato la pandemia da Covid-19.

Alla luce di tutto ciò, per poter favorire una giusta ripartenza del sistema produttivo italiano una volta passata l'emergenza da Covid-19, il Fondo di Garanzia delle Pmi ora garantisce fino a 100 miliardi di liquidità per le piccole e medie imprese.

Per ottenere la garanzia del fondo, le imprese e i professionisti possono procurarsela tramite banche e confidi che fungono da tramite effettuando la domanda. Infine al soggetto beneficiario verrà consegnata una e-mail di avviso.

Inoltre, le aziende che hanno fatto domanda per un prestito hanno l'opportunità di iniziare a ripagarlo anche tre anni dopo averlo richiesto, ovvimante con la speranza che sia un lasso di tempo abbastanza lungo affinchè le imprese in questione possano riprendersi.

Possiamo distinguere i prestiti alle aziende in prestiti fino a 25.000 euro con garanzia che copre il 100% delle somme. Senza valutazione di merito e di credito. Per i prestiti fino a 800.000 euro, la garanzia di stato copre il 90% arrivando al 100% con la garanzia dei confidi.
Infine per i prestiti fino a 5 milioni di euro c'è una garanzia del 90%.


COSA CAMBIA CON IL FONDO DI GARANZIA


I cambiamenti rappresentati dal nuovo decreto sono diversi e qui di seguito vedremo quali:

  • Crescità della garanzia ovvero un aumento della percentuale di garanzia da parte dello stato e dai confidi.
  • L'importo massimo garantito per ogni singola impresa va dai 2,5 a un massimo di 5 milioni di euro.
  • Una maggiore estensione della garanzia alle piccole e grandi imprese con non oltre i 500 dipendenti.
  • Snellimento burocratico, ovvero tutto sarà effettuato con procedure più rapide e una riduzione dei processi burocratici.
  • La possibilità che la garanzia può essere concessa anche su operazioni che sono gia state erogate, ma ovviamente tutto ciò vale solamente se tale erogazione è stata effettuata non prima del 31 gennaio 2020.
  • Garanzia del fondo automatica per i finanziamenti che sono stati sospesi a causa del Covid-19.
  • Commissioni escluse nei casi di mancato perfezionamento delle operazioni dei finanziamenti garantiti.
  • Richiesta di garanzia gratuita ma ovviamente per poter effettuare l'operazione di attivazione delle garanzie statali, le aziende in questione devono sempre rivolgersi alla propria società finanziaria.
  • La garanzia concessa anche a quelle aziende che dopo il 31 dicembre del 2019, hanno effettuato ristrutturazioni o piani di miglioramento.
  • Possibilità di accumulare la garanzia del fondo con altre garanzie differenti per delle operazioni di investimento immobiliare nel settore del turismo e attività di immobili con la minima durata di 10 anni.

 

ULTERIORI MISURE

Per i liberi professionisti, lavoratori autonomi e grandi imprese con dipendenti di un numero non superiore ai 5000 che hanno esaurito il loro fondo centrale di garanzia, sono previste delle misure di sostegno alla liquidità.

Le garanzie statali sono concesse alle imprese in favore delle banche che attuano finanziamenti in qualsiasi modo; queste garanzie sono effettuate dalla società SACE simest e coprono una percentuale che varia dal 70% al 90%.

La concessione delle garanzie è valida fino al 31 dicembre 2020 per quei finanziamenti non superiore alla durata di 10 anni.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Mutuo o affitto: quale scegliere?

A tutti è capitato di porsi il dilemma su quale soluzione sia migliore rispetto all'affitto oppure all'accensione di un mutuo.
Ovviamente ognuna di queste possibilità presenta dei punti a favore e degli svantaggi: ecco, allora, tutto quello che c'è da sapere sull'argomento.
I vantaggi dell'affitto L'affitto è sicuramente una soluzione molto immediata che consente di poter avere un'abitazione nella quale vivere anche a quelle persone che non hanno [...]

Continua a leggere

Interessi usurari sui mutui e richieste di risarcimento

Secondo una recente analisi, 7 mutui su 10 sono irregolari a causa degli interessi che superano il limite di legge.

Grazie anche a recenti servizi televisivi, sono venuti alla ribalta numerosi casi relativi a mutui irregolari che le banche hanno fatto sottoscrivere agli utenti.
Dalle analisi effettuate, è infatti emerso che in Italia circa 7 mutui su 10 sono irregolari per quel che riguarda il tasso di usura ma non solo.
  Interessi in eccesso e richiesta di rimborso Proprio per questo motivo è bene fare sempre in modo da accertarsi che il proprio mutuo non ab [...]

Continua a leggere

Erronea segnalazione alla centrale dei rischi della Banca d'Italia

Cosa fare per risolvere e accedere nuovamente al credito

Tutti sanno che la centrale dei rischi della Banca d'Italia ha il compito di acquisire e fornire le informazioni relative alle posizioni debitorie e rischi creditizi di coloro i quali ti chiedono di accedere al credito.
Questo è dunque un enorme sistema che racchiude tutte quelle informazioni relative ai rapporti tra gli enti finanziari e i propri clienti.
Tale scambio di informazioni, tra gli intermediari e la Banca Centrale d'Italia, avviene su [...]

Continua a leggere