Economia e Lavoro > Finanza

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione. Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.

Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value

I principi contabili internazionali che prevedono l’applicazione del fair value in qualità di parametro di valutazione sono:

  • IAS 18 (International Accounting Standards) Ricavi;

  • IAS 19 Benefici per i dipendenti;

  • IAS 39 Strumenti finanziari, rilevazione e valutazione;

  • IAS 40 Investimenti immobiliari;

  • IAS 41 Agricoltura;

  • IFRS 2(International Financial Reporting Standards) Pagamenti basati su azioni.

I modelli di valutazione previsti si suddividono in:

  • Modelli basati sul costo storico (cost model): prevede la valutazione di attività e passività di bilancio al cosiddetto costo storico al netto di ammortamenti, svalutazioni e perdite.

  • Modelli basati su valori correnti (fair value model): la valutazione delle attività e passività di bilancio sono esposte al fair value della data di riferimento del bilancio.

L’impiego della valutazione basata sul fair value model è obbligatorio per le seguenti voci di bilancio:

  • Prodotti derivati;

  • Investimenti in equità;

  • Altre attività e passività derivate dal trading;

  • I prodotti oggetto di fair value hegde;

  • I piani pensione a benefici definiti;

  • Alcune attività del settore biologico.

La valutazione impostata sul fair value model è invece, facoltativa nei casi seguenti:

  • Investimenti immobiliari;

  • Impianti e macchinari;

  • Immobilizzazioni immobiliari;

  • Prestiti, crediti, debiti e altre passività finanziarie.

Le valutazioni basate sul fair value consentono l’iscrizione in bilancio di plusvalenze non ancora realizzate e questo conferisce al reddito maggiore volatilità e incertezza, per questo motivo l’ordinamento italiano – in sede di recepimento della normativa internazionale – per evitare distribuzione e utilizzo di utili non realizzati o incerti, ha emanato il D. lgs. 38/2005 con il quale introduce la “riserva” in caso di plusvalori indisponibili derivanti dall’applicazione del fair value model.

Rischi finanziari e livelli di fair value

Per illustrare i rischi finanziari in merito alle valutazioni sul modello del fair value, è stato emanato il Regolamento (CE) n. 1165 del 27 novembre 2009 della Commissione per la corretta individuazione dei livelli di fari value. Sono stati, così, definiti 3 livelli:

  • Livello 1 nel caso in cui la valutazione si effettui su strumenti finanziari quotati in un mercato attivo;

  • Livello 2 in caso di misurazioni basate su valutazione che hanno per riferimento parametri osservabili sul mercato diversi dalle quotazioni dello strumento finanziario;

  • Livello 3 nel caso di valutazioni del fair value su parametri non osservabili sul mercato.

La corretta individuazione del livello di fair value richiede un’oculata ponderazione da parte delle società che redigono i bilanci. Per i criteri di determinazione del fair value si deve far riferimento ai paragrafi dello IAS 39 AG69 e AG82, dove, tuttavia, si presuppone che l’impresa si trovi in regime di normale esercizio delle proprie attività senza problemi di liquidazione o condizioni sfavorevoli


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Erronea segnalazione alla centrale dei rischi della Banca d'Italia

Cosa fare per risolvere e accedere nuovamente al credito

Tutti sanno che la centrale dei rischi della Banca d'Italia ha il compito di acquisire e fornire le informazioni relative alle posizioni debitorie e rischi creditizi di coloro i quali ti chiedono di accedere al credito.
Questo è dunque un enorme sistema che racchiude tutte quelle informazioni relative ai rapporti tra gli enti finanziari e i propri clienti.
Tale scambio di informazioni, tra gli intermediari e la Banca Centrale d'Italia, avviene su [...]

Continua a leggere

Ripresa economica, ciò che la sostiene oggi può renderla instabile domani

Per superare la crisi acuta da Covid, governi e banche centrali hanno spalancato i rubinetti del credito

Inutile girarci intorno, senza il forte sostegno delle banche centrali e l'indebitamento dei governi, la ripresa economica non sarebbe stata possibile a un passo così rapido (se di rapido si puà davvero parlare).
Ma tutto questo deve alimentare due preoccupazioni riguardo al futuro che ci aspetta.
I dubbi sulla ripresa economica La prima è cosa succederà se scoppiasse davvero una seconda e violenta ondata di contagi, oppure se la ricerca di un va [...]

Continua a leggere

Economia globalizzata e Covid, in futuro i paesi emergenti avranno un vantaggio

La ripresa economica richiederà un cambiamento che i paesi sviluppati avranno più difficoltà a implementare

La crisi santiaria provocata dalla pandemia da Covid ha colpito tutti i Paesi del mondo.
Si contano davvero sulle dita delle mani quelli che possono dire di essere usciti pressoché indenni da questa tragedia.
Gli effetti economici invece coinvolgono tutti quanti, per via dell'effetto a catena che caratterizza l'economia globalizzata.
Il futuro dell'economia globalizzata C'è però una forte differenza che caratterizza i sistemi economici, soprattut [...]

Continua a leggere