Economia e Lavoro > Finanza

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione. Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.

Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value

I principi contabili internazionali che prevedono l’applicazione del fair value in qualità di parametro di valutazione sono:

  • IAS 18 (International Accounting Standards) Ricavi;

  • IAS 19 Benefici per i dipendenti;

  • IAS 39 Strumenti finanziari, rilevazione e valutazione;

  • IAS 40 Investimenti immobiliari;

  • IAS 41 Agricoltura;

  • IFRS 2(International Financial Reporting Standards) Pagamenti basati su azioni.

I modelli di valutazione previsti si suddividono in:

  • Modelli basati sul costo storico (cost model): prevede la valutazione di attività e passività di bilancio al cosiddetto costo storico al netto di ammortamenti, svalutazioni e perdite.

  • Modelli basati su valori correnti (fair value model): la valutazione delle attività e passività di bilancio sono esposte al fair value della data di riferimento del bilancio.

L’impiego della valutazione basata sul fair value model è obbligatorio per le seguenti voci di bilancio:

  • Prodotti derivati;

  • Investimenti in equità;

  • Altre attività e passività derivate dal trading;

  • I prodotti oggetto di fair value hegde;

  • I piani pensione a benefici definiti;

  • Alcune attività del settore biologico.

La valutazione impostata sul fair value model è invece, facoltativa nei casi seguenti:

  • Investimenti immobiliari;

  • Impianti e macchinari;

  • Immobilizzazioni immobiliari;

  • Prestiti, crediti, debiti e altre passività finanziarie.

Le valutazioni basate sul fair value consentono l’iscrizione in bilancio di plusvalenze non ancora realizzate e questo conferisce al reddito maggiore volatilità e incertezza, per questo motivo l’ordinamento italiano – in sede di recepimento della normativa internazionale – per evitare distribuzione e utilizzo di utili non realizzati o incerti, ha emanato il D. lgs. 38/2005 con il quale introduce la “riserva” in caso di plusvalori indisponibili derivanti dall’applicazione del fair value model.

Rischi finanziari e livelli di fair value

Per illustrare i rischi finanziari in merito alle valutazioni sul modello del fair value, è stato emanato il Regolamento (CE) n. 1165 del 27 novembre 2009 della Commissione per la corretta individuazione dei livelli di fari value. Sono stati, così, definiti 3 livelli:

  • Livello 1 nel caso in cui la valutazione si effettui su strumenti finanziari quotati in un mercato attivo;

  • Livello 2 in caso di misurazioni basate su valutazione che hanno per riferimento parametri osservabili sul mercato diversi dalle quotazioni dello strumento finanziario;

  • Livello 3 nel caso di valutazioni del fair value su parametri non osservabili sul mercato.

La corretta individuazione del livello di fair value richiede un’oculata ponderazione da parte delle società che redigono i bilanci. Per i criteri di determinazione del fair value si deve far riferimento ai paragrafi dello IAS 39 AG69 e AG82, dove, tuttavia, si presuppone che l’impresa si trovi in regime di normale esercizio delle proprie attività senza problemi di liquidazione o condizioni sfavorevoli


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

La complessità degli investimenti

Investire, in generale in obbligazioni, titoli di stato e ancora nei ben più famosi BTp di cui si parla tanto oggi, risulta quanto mai complicato, il mercato economico è quello che detta le gole ma il rendimento BTP globale non si trova in equilibrio stabile ma al contrario risulta in caduta da circa 30 anni, con costanti oscillazioni, presenti in particolare negli ultimi anni.
I rendimenti di un bond riflettono tre elementi: il primo è il livell [...]

Continua a leggere

Prezzo Oro e Argento secondo la Relazione GSR

Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.

L'argento è da sempre considerato l' alter ego povero dell'oro, il metallo prezioso più comune da utilizzare per dare valore a monete, oggetti e gioielli.  Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.
Secondo questa relazione tra argento e oro esiste una proporzione attraverso la quale si può stabilire se i prezzi dei singoli [...]

Continua a leggere

Costituzione di una società in Romania

Tempi e costi notevolmente inferiori rispetto l'Italia

La costituzione società in Romania è una pratica decisamente più rapida e semplice rispetto ciò che siamo abituati a pensare in Italia: la burocrazia in Romania è infatti più snella ed evita all’imprenditore lungaggini legate alla produzione di inutili documenti, così come il dover far fronte a tasse eccessive.
È sufficiente infatti recarsi presso uno studio commercialista e fornire un documento d’identità in corso di validità, un indirizzo di po [...]

Continua a leggere