Economia e Lavoro > Finanza

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione. Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.

Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value

I principi contabili internazionali che prevedono l’applicazione del fair value in qualità di parametro di valutazione sono:

  • IAS 18 (International Accounting Standards) Ricavi;

  • IAS 19 Benefici per i dipendenti;

  • IAS 39 Strumenti finanziari, rilevazione e valutazione;

  • IAS 40 Investimenti immobiliari;

  • IAS 41 Agricoltura;

  • IFRS 2(International Financial Reporting Standards) Pagamenti basati su azioni.

I modelli di valutazione previsti si suddividono in:

  • Modelli basati sul costo storico (cost model): prevede la valutazione di attività e passività di bilancio al cosiddetto costo storico al netto di ammortamenti, svalutazioni e perdite.

  • Modelli basati su valori correnti (fair value model): la valutazione delle attività e passività di bilancio sono esposte al fair value della data di riferimento del bilancio.

L’impiego della valutazione basata sul fair value model è obbligatorio per le seguenti voci di bilancio:

  • Prodotti derivati;

  • Investimenti in equità;

  • Altre attività e passività derivate dal trading;

  • I prodotti oggetto di fair value hegde;

  • I piani pensione a benefici definiti;

  • Alcune attività del settore biologico.

La valutazione impostata sul fair value model è invece, facoltativa nei casi seguenti:

  • Investimenti immobiliari;

  • Impianti e macchinari;

  • Immobilizzazioni immobiliari;

  • Prestiti, crediti, debiti e altre passività finanziarie.

Le valutazioni basate sul fair value consentono l’iscrizione in bilancio di plusvalenze non ancora realizzate e questo conferisce al reddito maggiore volatilità e incertezza, per questo motivo l’ordinamento italiano – in sede di recepimento della normativa internazionale – per evitare distribuzione e utilizzo di utili non realizzati o incerti, ha emanato il D. lgs. 38/2005 con il quale introduce la “riserva” in caso di plusvalori indisponibili derivanti dall’applicazione del fair value model.

Rischi finanziari e livelli di fair value

Per illustrare i rischi finanziari in merito alle valutazioni sul modello del fair value, è stato emanato il Regolamento (CE) n. 1165 del 27 novembre 2009 della Commissione per la corretta individuazione dei livelli di fari value. Sono stati, così, definiti 3 livelli:

  • Livello 1 nel caso in cui la valutazione si effettui su strumenti finanziari quotati in un mercato attivo;

  • Livello 2 in caso di misurazioni basate su valutazione che hanno per riferimento parametri osservabili sul mercato diversi dalle quotazioni dello strumento finanziario;

  • Livello 3 nel caso di valutazioni del fair value su parametri non osservabili sul mercato.

La corretta individuazione del livello di fair value richiede un’oculata ponderazione da parte delle società che redigono i bilanci. Per i criteri di determinazione del fair value si deve far riferimento ai paragrafi dello IAS 39 AG69 e AG82, dove, tuttavia, si presuppone che l’impresa si trovi in regime di normale esercizio delle proprie attività senza problemi di liquidazione o condizioni sfavorevoli


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Risparmio gestito, l'Italia conferma un trend in crescita

Nel primo trimestre del 2019 la raccolta ha toccato nuovo massimo storico a 2.161 miliardi

Gli italiani sono un popolo di risparmiatori, ma se si presenta l'occasione di investire preferiscono affidarsi ai professionisti del settore.
E' questo il quadro che emerge dall'ultima indagine di Assogestioni, che ha evidenziato un nuovo record assoluto di raccolta per il risparmio gestito.
Risparmio gestito, gli ultimi report Secondo gli ultimi dati infatti, alla fine del mese di marzo il risparmio gestito italiano è giunto a 2.161 miliardi di [...]

Continua a leggere

Valute digitali, UE e Fisco italiano non sono d'accordo su come tassarle

La legge italiana è ancora molto lacunosa riguardo al trattamento fiscale delle crypto-plusvalenze

Quando il mondo della finanza apre a nuovi strumenti, anche il Fisco si muove per capire se e come applicare imposte e tasse.
Non c'è dubbio che nell'ultimo anno mezzo, l'elemento nuovo nel panorama finanziario siano state le valute digitali.
Ma se uno decidesse di investire in quest ambito e ottenesse un guadagno, va tassato? Le "non" valute digitali Bisogna sottolineare subito che il quadro normativo in Italia è zeppo di lacune e incertezze, pr [...]

Continua a leggere

La piattaforma cloud - L’innovazione che porta commercialista e cliente in un solo gestionale

La piattaforma cloud commercialista è la soluzione gestionale che mette in condivisione i dati tra l’azienda e il commercialista – Sai come funziona?

Con la piattaforma cloud commercialista rivoluzioni il tuo rapporto con il commercialista, perché ti consente di dedicare maggior tempo al tuo business e lasciare al commercialista tutte le noie amministrative L’obbligo della fatturazione elettronica ha dato l’avvio ad un’opera di aggiornamento di tutta l’attività contabile dell’impresa e, con la piattaforma in cloud, puoi fare un ulteriore balzo in avanti, perché la piattaforma in cloud consente [...]

Continua a leggere