Economia e Lavoro > Finanza

Definizione di offshore

Definizione di offshore: ecco qual è.
Nell'ultimo periodo si sente parlare sempre più spesso dell'offshore, ignorando cosa sia questo termine e cosa esso indichi. Usato specialmente in un ambito prettamente economico, d'imprenditoria e finanza, legato al guadagno, la definizione di offshore è tanto bravo quanto precisa. Questa parola indica tutti quei territori che per via delle proprie leggi si trovano al di fuori dei controlli internazionali. Vuoi che sia per un motivo interno dello Stato, o per l'incapacità delle autorità di adeguarsi alle normative internazionali, questa è una zona off-limits che nell'ultimo periodo sta venendo sempre più utilizzata dai privati e dagli enti. Si tratta di una zona in cui vigono delle leggi diverse riguardanti l'informazione e la comunicazioni con gli altri Stati. Anche per questo le zone offshore, che spesso combaciano anche con i paradisi fiscali, vengono utilizzati dalle persone con molti soldi, che vorrebbero evitare di pagare delle tasse al proprio Stato di residenza.

Sotto la definizione di offshore ricadono numerosi Paesi dell'America latina e dell'America centrale, tra cui l'Ecuador, il Panama, le isole Bahamas, le isole Vergini e quant'altro ancora. Nel mondo ci sono diversi Stati che rientrano nella definizione di offshore per via di particolari politiche economiche imposte sul proprio territorio. E, bisogna dire, tali politiche hanno degli effetti alquanto positivi sul PIL dello Stato in questione. Basti pensare che le normative troppo libertarie in tema di possibilità di conservazione delle finanze o di apertura delle società nelle zone offshore sia una valida soluzione per tutti gli imprenditori. Gli imprenditori quindi portano il denaro, che inizia a localizzarsi circolando vicino a questi Stati. In tal modo si riescono ad aumentare i posti di lavoro, alzare il PIL, influire positivamente sulla produzione interna e così via.

Il denaro, insomma, attrae il denaro e tutti i paesi che rientrano nella definizione di offshore ne sono una prova assolutamente tangibile. Nell'ultimo periodo tali Paesi sono aumentati di numero, in quanto gli effetti positivi sono così evidente che diventa davvero difficile fare a meno di una possibilità così economicamente fruttuosa. Vengono trovare sempre delle soluzioni ingegnose su un pianto di vista prettamente legislativo, in modo da avvicinare questi Stati alla definizione di offshore il più possibile. Il progresso in tal ambito, ma anche la collaborazione di Paesi simili, svolta insieme a organi di controllo internazionale, è ciò che in poco tempo potrebbe certamente portare a una rinascita. Perché nessuno vuole perdere un capitale che si stima in miliardi di dollari detratti ai propri Stati depositati nei paradisi fiscali.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il paradiso fiscale Olanda

"Tax Battles", ora anche in Europa LA così detta tax battles, ovvero la battaglia delle tasse è ormai giunta anche da noi, in Europa.
E tra gli stati che maggiormente si sono voluti esporre ed immergere in questa lotta alla tassazione ecco spuntare in testa a tutti proprio l'Olanda.
Uno dei paesi nordici che assieme al Belgio predica duramente ed aspramente contro il regime a lor dire "lassista" dei paesi mediterranei per quanto riguarda i conti [...]

Continua a leggere

Come aprire una società offshore

Aprire una società offshore, a differenza di una società di persone onshore, offre importanti vantaggi, riducendo il carico fiscale e proteggendo i risparmi mediante le interessanti agevolazioni legislative di cui godono i cosiddetti paradisi fiscali.
  Cos'è una società offshore Una società offshore è un'organizzazione con sede legale all'estero.
In genere, per l'apertura si prediligono quasi sempre i paradisi fiscali in cui le restrizioni e le [...]

Continua a leggere

Le tasse a Hong Kong

Hong Kong è considerata da molti economisti e commercialisti un vero e proprio paradiso fiscale.
Molti sono infatti quelli che decidono di trasferirsi nell'ex-colonia inglese per approfittare degli innumerevoli vantaggi che l'economia del paese fornisce.
  Un pò di storia In passato, precisamente nel 1997, il governo inglese abbandonò Hong Kong garantendogli completa autonomia legislativa e fiscale dalla Cina.
Con un accordo che dura 50 anni, il [...]

Continua a leggere