Economia e Lavoro > Finanza

Draghi difende l'euro

Draghi all'europarlamento


All'Europarlamento il presidente della Bce Mario Draghi  sottolinea che i timori nei confornti dell'euro sono infondati e che "dobbiamo continuare su questa strada". "Le decisioni di politica monetaria prese in dicembre", ribadisce "sono quelle giuste nel contesto attuale".
Lui nomina una "ripresa resistente" che  negli ultimi due anni ha avuto un aumento del pil procapite del 3% per quel che riguarda l'eurozona, e la disoccupazione al 9,6%, ovvero a un livello più basso di sempre dal  maggio 2009, secondo Draghi "sono passi nella giusta direzione ma sono solo i primi passi".

Egli guarda con diffidenza le idee protezionistiche e dice che "L'Ue è stata creata sul  libero scambio - e ancora -  dovremo giudicare quando vedremo quello che è stato annunciato".

Questo è il monito del presidente della Bce in particolare riferito alle intenzioni di Trump di modifica delle regole nel settore finanziario. "Il fatto che non abbiamo visto svilupparsi rischi per la stabilità finanziaria è una ricompensa per le azioni intraprese da regolatori e legislatori sin dallo scoppio della crisi", dice Draghi.

Dice anche che la situazione nell'eurozona è migliorata però sono ancora presenti "i rischi per le previsioni dell'eurozona restano al ribasso e sono prevalentemente legati ai fattori globali".  

"I benefici della  politica" monetaria accomodante "superano   i potenziali effetti collaterali"  . Draghi ripete che  tutto quello fatto dalla Bce "è stato una chiave di volta nel sostenere la ripresa in corso", e  "le nostre misure hanno giocato un ruolo chiave nel preservare la stabilità nell'eurozona, e questo include la stabilità finanziaria".

parlando poi del Trattato di Maastricht dice che fu una "decisione coraggiosa" la quale "segnò 'una nuova tappa nel processo dell'integrazione europea'" essendo proprio adesso alla vigilia del 25esimo anniversario del Trattato, e ricordando che "con la moneta unica abbiamo forgiato bond che che sono sopravvissuti alla peggiore crisi economia dalla Seconda guerra mondiale".

"L'euro è irrevocabile, questo dice il Trattato".  Quanto a un'Unione Europea  a varie e diverse velocità,  ha poi osservato: "E' un concetto ancora da sviluppare, una visione appena abbozzata su cui non sono in grado di esprimere alcun commento, almeno al momento".
 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Aprire conti correnti su banca offshore

Aprire un conto corrente su banca offshore è un tipo di operazione meno complessa di quanto si possa immaginare.
Ecco come procedere in modo corretto e concreto.
L'apertura del conto: fase iniziale Aprire questo particolare conto non rappresenta un tipo di operazione complessa ma, trattandosi di un procedimento importante, occorre cercare ovviamente di evitare di muoversi senza essere adeguatamente informati sulla situazione.
Bisogna infatti mett [...]

Continua a leggere

Il paradiso fiscale Olanda

"Tax Battles", ora anche in Europa LA così detta tax battles, ovvero la battaglia delle tasse è ormai giunta anche da noi, in Europa.
E tra gli stati che maggiormente si sono voluti esporre ed immergere in questa lotta alla tassazione ecco spuntare in testa a tutti proprio l'Olanda.
Uno dei paesi nordici che assieme al Belgio predica duramente ed aspramente contro il regime a lor dire "lassista" dei paesi mediterranei per quanto riguarda i conti [...]

Continua a leggere

Come aprire una società offshore

Aprire una società offshore, a differenza di una società di persone onshore, offre importanti vantaggi, riducendo il carico fiscale e proteggendo i risparmi mediante le interessanti agevolazioni legislative di cui godono i cosiddetti paradisi fiscali.
  Cos'è una società offshore Una società offshore è un'organizzazione con sede legale all'estero.
In genere, per l'apertura si prediligono quasi sempre i paradisi fiscali in cui le restrizioni e le [...]

Continua a leggere