Economia e Lavoro > Finanza

Draghi difende l'euro

Draghi all'europarlamento


All'Europarlamento il presidente della Bce Mario Draghi  sottolinea che i timori nei confornti dell'euro sono infondati e che "dobbiamo continuare su questa strada". "Le decisioni di politica monetaria prese in dicembre", ribadisce "sono quelle giuste nel contesto attuale".
Lui nomina una "ripresa resistente" che  negli ultimi due anni ha avuto un aumento del pil procapite del 3% per quel che riguarda l'eurozona, e la disoccupazione al 9,6%, ovvero a un livello più basso di sempre dal  maggio 2009, secondo Draghi "sono passi nella giusta direzione ma sono solo i primi passi".

Egli guarda con diffidenza le idee protezionistiche e dice che "L'Ue è stata creata sul  libero scambio - e ancora -  dovremo giudicare quando vedremo quello che è stato annunciato".

Questo è il monito del presidente della Bce in particolare riferito alle intenzioni di Trump di modifica delle regole nel settore finanziario. "Il fatto che non abbiamo visto svilupparsi rischi per la stabilità finanziaria è una ricompensa per le azioni intraprese da regolatori e legislatori sin dallo scoppio della crisi", dice Draghi.

Dice anche che la situazione nell'eurozona è migliorata però sono ancora presenti "i rischi per le previsioni dell'eurozona restano al ribasso e sono prevalentemente legati ai fattori globali".  

"I benefici della  politica" monetaria accomodante "superano   i potenziali effetti collaterali"  . Draghi ripete che  tutto quello fatto dalla Bce "è stato una chiave di volta nel sostenere la ripresa in corso", e  "le nostre misure hanno giocato un ruolo chiave nel preservare la stabilità nell'eurozona, e questo include la stabilità finanziaria".

parlando poi del Trattato di Maastricht dice che fu una "decisione coraggiosa" la quale "segnò 'una nuova tappa nel processo dell'integrazione europea'" essendo proprio adesso alla vigilia del 25esimo anniversario del Trattato, e ricordando che "con la moneta unica abbiamo forgiato bond che che sono sopravvissuti alla peggiore crisi economia dalla Seconda guerra mondiale".

"L'euro è irrevocabile, questo dice il Trattato".  Quanto a un'Unione Europea  a varie e diverse velocità,  ha poi osservato: "E' un concetto ancora da sviluppare, una visione appena abbozzata su cui non sono in grado di esprimere alcun commento, almeno al momento".
 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Segreto bancario in Svizzera

La Svizzera, che gestisce il 25% delle attività estere depositate con le sue 266 banche che   da oggi devono dire addio al suo sacro suo segreto bancario  , che le ha permesso di attirare fortune per decenni, ma era stato già incrinato negli ultimi anni da pressioni internazionali.
La Svizzera, che ha goduto per anni di un sistema bancario impenetrabile dai tentativi degli altri paesi per ottenere i dati dei suoi cittadini con conti in Svizzera, [...]

Continua a leggere

Conto corrente in UK

Oggi data la crisi molte persone  si spostano all'estero per lavoro o   aprono conti correnti e aziende sempre all'estero.
Tra i paesi più gettonati per aprire aziende e conti si trova l'Inghilterra.
Aprire un conto corrente a Londra è peraltro molto semplice e si può fare anche online basta informarsi di come si fa e magari se non si è tanto sicuri invece che agire da soli chiedere l'aiuto a un intermediario finanziario del luogo.
Sono molti i p [...]

Continua a leggere

Aprirsi un conto in Svizzera

Perché aprire un conto svizzero?

La Svizzera, seppur poco distante dal nostro Paese, è considerata da sempre un vero e proprio paradiso fiscale in cui trasferire i propri risparmi, attraverso l'apertura di un conto corrente.
Aprire un conto corrente in Svizzera non presenta grandi difficoltà.
Negli ultimi anni sempre più persone hanno deciso di trasferire i propri risparmi in territorio elvetico.
L'apertura di un conto svizzero è perfettamente legale, se dichiarata al fisco ital [...]

Continua a leggere