Società > Persone

E-commerce e mercato fisico: comprendere i cambiamenti

La rete modifica i consumatori e questi ultimi ri-configurano le strutture della rete. Così cambiano i mercati oggi, tra e-commerce e store fisici.

Il mercato e-commerce si è fatto largo nella società dei consumi in punta di piedi, affrontando lo scetticismo della gente e la diffidenza di chi non era mai stato abituato a comprare senza toccare la merce con mano. Oggi il settore e-commerce contribuisce per oltre il 6% del PIL italiano, una percentuale impensabile fino a un decennio fa.

E-commerce: rappresenta una minaccia?

Per un segmento di commercianti che sorride grazie al web c’è il rovescio della medaglia di quanti hanno visto entrare nel proprio mercato di competenza una serie di concorrenti imprevisti e che erodono il margine di guadagno e il bacino di potenziali acquirenti.

Tale prospettiva, però, è limitante: siamo portati a pensare che il mercato fisico sia in naturale opposizione a quello elettronico, come se le due vie di acquisto procedessero su mondi non comunicanti. In realtà, il commercio tramite la rete è a portata di tutti e valorizza la qualità, l’innovazione e il coraggio. Molto spesso, le piattaforme e-commerce sono una vetrina che si integra al mercato fisico di un’attività, che permette di affacciarsi su un fronte potenzialmente globale. L’ampissima varietà di alternative oggi a disposizione del consumatore fa sì che, ora, a raggiungere il successo siano le aziende maggiormente in grado di valorizzarsi. Una valorizzazione che va, da una parte, verso la raffinazione della propria proposta commerciale e, dall’altra, in una maggiore abilità nel sapersi strutturare anche in chiave digitale. L’e-commerce rappresenta una minaccia, ma solo per chi non è in grado di percepire il cambiamento e di adeguarsi.

Un mercato che non ha più confini

Inizialmente, il commercio elettronico si è sviluppato soltanto verso alcune tipologie di mercato, non intaccando altri comparti come, ad esempio quello del food. Acquistare alimenti pronti al consumo nel settore alimentare appariva, in principio, impensabile. Adesso anche tale logica è venuta meno: la gente può ordinare torte a domicilio, comprare frutta e verdura, prenotare beni di immediato consumo. Simboli inequivocabili di una società che non è più quella di cinque anni fa e che, presumibilmente, tra altri cinque anni sarà diversa da ora. Non è un male, può non esserlo per nessuno. Di certo, però, è una trasformazione e, in quanto tale, genera cambiamenti tangibili; in quanto tale, porta a nuove configurazioni; in quanto tale, premierà i più scaltri e penalizzerà i meno lungimiranti. Ma è il merito, sarà ancora il merito, l’elemento discriminante.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Gasolio sporco in alcuni distributori in Puglia

Rifornimenti di gasolio sporco Gasolio sporco a Lecce, Brindisi e Taranto e  auto in panne e tanti danni per molti automobilisti.
Poco dopo Natale tra le province pugliesi di Brindisi, Taranto e Lecce vi è stato un allarme gasolio sporco per i rifornimenti del carburante auto.
Centinaia di automobilisti per qusto motivo sono rimasti in panne e hanno riposrtao gravi danni alle loro autovetture dopo aver fatto dei rifornimenti a diverse pompe di be [...]

Continua a leggere

Matrimonio estivo: 3 idee per stupire i vostri ospiti

Scopri come organizzare un matrimonio estivo. 3 idee per stupire i tuoi ospiti con originalità, estro e un pizzico di fantasia.

Amate il mare e i matrimoni estivi? In questo caso, il tema che più fa per voi è sicuramente quello marino.
Organizzare un matrimonio che ricordi l'estate in tutto e per tutto non è così difficile come si pensa.
Basta solo munirsi di pazienza, forza di volontà e tanta dose creativa.
  Avete intenzione di realizzare un matrimonio estivo ma non sapete da cosa partire? Eccovi 3 idee per stupire i vostri ospiti con tanta originalità.
  1.
Location ma [...]

Continua a leggere

Il cimitero Flaminio di Roma

Tra quelli della Capitale, non sarà antico e maestoso come il Verano o affascinante e discreto come l'Acattolico, tuttavia il cimitero Flaminio o di Prima Porta possiede, comunque, un'interessante e funzionale struttura architettonica e rappresenta quello più esteso in Italia.
E così come negli altri, i diversi servizi funebri e i loro addetti, come quelli della Cattolica San Lorenzo, hanno visto la seppellitura in questo luogo di tanti cittadini [...]

Continua a leggere