Economia e Lavoro > Finanza

Economia, cicli e la lezione che dovremo imparare dalla crisi da pandemia

La diffusione del coronavirus ha fatto da innesco, ma la situazione grave dei mercati covava già da tempo

La vita economica di un Paese si muove secondo cicli, che durante la fase di espansione sono virtuosi, ma prima o poi imboccano la via dell'avvitamento su se stessi. Come una macchina che corre avanti ma poi dopo rallenta e mette la marcia indietro. Il coronavirus ha reso questo processo di ritirata molto più rapido, più accelerato. Dopo una corsa spedita negli ultimi anni, ha fatto tirare il freno a mano bruciando le gomme e sballottando i passeggeri (ovvero i mercati).

Come si muove l'economia

Il ciclo di una economia segue sempre lo stesso copione. Quando comincia a espandersi, le previsioni degli analisti diventano rosse e infondono fiducia. La fiducia è il motor di questo sistema, e finisce per coinvolgere anche le banche. Queste ultime partecipano alla festa rivedendo al ribasso gli standard di credito, e quindi facilitando l’indebitamento privato (persone e imprese). Tutto funziona alla grande finché non arriva lo shock: la recessione. Quando si comincia a capire che il cilo è finito, cominciano i danni per molti.

La tesi dell'instabilità finanziaria

E' la testi della eterna instabilità finanziaria. A lunghe fasi di ottimismo, che fanno lievitare il debito, seguono fasi di crisi. E se nel frattempo l'indebitamento è salito a livelli insostenibili rispetto al PIL, la liquidità non basta né a pagare gli interessi, né tantomeno a ripagare il debito. Il terremoto finanziario che ne consegue serve a generare tante "vittime" e pochi vincitori. Poi la gostra ripartirà.

Ecco, il debito. Quello generale che include pubblico, privato, banche, economia reale, ecc. Il debito globale ha raggiunto il 325% del PIL nel 2019, il livello più alto nella storia. Non s'è fatta più attenzione al cash, flow, non s'è pensato più a che cos'è un trailing step, non s'è fatta attenzione alla sostenibilità. La pandemia ha fatto da innesco, ma la crisi è stata così forte proprio per l'enrome ricorso alla leva finanziaria globale. Una lezione che dovremo imparare.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Ripresa economica, ciò che la sostiene oggi può renderla instabile domani

Per superare la crisi acuta da Covid, governi e banche centrali hanno spalancato i rubinetti del credito

Inutile girarci intorno, senza il forte sostegno delle banche centrali e l'indebitamento dei governi, la ripresa economica non sarebbe stata possibile a un passo così rapido (se di rapido si puà davvero parlare).
Ma tutto questo deve alimentare due preoccupazioni riguardo al futuro che ci aspetta.
I dubbi sulla ripresa economica La prima è cosa succederà se scoppiasse davvero una seconda e violenta ondata di contagi, oppure se la ricerca di un va [...]

Continua a leggere

Economia globalizzata e Covid, in futuro i paesi emergenti avranno un vantaggio

La ripresa economica richiederà un cambiamento che i paesi sviluppati avranno più difficoltà a implementare

La crisi santiaria provocata dalla pandemia da Covid ha colpito tutti i Paesi del mondo.
Si contano davvero sulle dita delle mani quelli che possono dire di essere usciti pressoché indenni da questa tragedia.
Gli effetti economici invece coinvolgono tutti quanti, per via dell'effetto a catena che caratterizza l'economia globalizzata.
Il futuro dell'economia globalizzata C'è però una forte differenza che caratterizza i sistemi economici, soprattut [...]

Continua a leggere

Stimoli fiscali per combattere Covid, ma le conseguenze saranno pesanti

Per combattere la crisi innescata dalla pandemia, i governi hanno fatto ricorso a misure straordinarie

Per rispondere alla crisi innescata dalla pandemia, oltre al massiccio intervento delle banche centrali, sono dovuti intervenire i governi di tutto il mondo.
La medicina per la crisi è stata cercata soprattutto negli stimoli fiscali.
Sostanzialmente lo Stato ha rinunciato in parte a quanto gli spetta (in realtà spesso ha spostato solo in là nel tempo), lasciando così il denaro nelle tasche dei cittadini, al fine i sostenere i consumi.
L'abuso nec [...]

Continua a leggere