Economia e Lavoro > Finanza

Economia Italiana verso una recessione sicura, sarà la quinta dal 2008

La diffusione del Covid-19 nelle regioni più produttive del paese avrà ripercussioni gravissime

L'incubo della recessione si fa sempre più concreto, e almeno per quanto riguarda l'Italia pare inevitabile. Se ne era già parlato nelle settimane scorse, quando non si poteva immaginare una espansione del Covid-19 così forte anche nel nostro paese, e adesso che il numero di contagi continua a crescere (siamo il terzo Paese al mondo come numero di casi), le ripercussioni sull'economia sono fortissime.

I danni all'economia italiana

La chiave del problema sta nella zona geografica dove il contagio si è diffuso in misura maggiore. Il coronavirus infatti ha stretto in una morsa la Lombardia, il Veneto e l'Emilia Romagna, ovvero le regioni che fungono da traino per l'intera economia italiana, le più produttive del Paese. Il fatto che la diffusione si stia propagando a macchia d'olio, non fa che peggiorare le cose. Questo porterà inevitabilmente a delle serie conseguenze anche sulla nostra economia.

Recessione inevitabile

Bisogna aggiungere che le premesse non erano neppure incoraggianti. Già prima dello scoppio della epidemia, il PIL italiano evidenziava una flessione. I dati dell'ultimo trimestre del 2019, quindi prima che scoppiasse l'epidemia, evidenziavano un calo dello 0,3% del nostro prodotto interno lordo. Se il buongirono si vede dal mattino, il morning star pattern che rappresentava la nostra economia prima del covid-19 non era certo un buon segnale. Insomma, il dato già negativo che c'era prima è destinato sciuramente a peggiorare. Dal momento che bastano due trimestri col PIL in calo per entrare ufficialmente in recessione tecnica, la strada sembra inesorabilmente tracciata.

Quanto potrebbe calare il PIL?

Si tratterebbe (o meglio, si tratterà) della quinta recessione tecnica in Italia dopo il 2008. Inoltre secondo gli esperti, il 2020 potrebbe chiudersi con una contrazione del PIL tra lo 0,5% e l'1%. In quale punto di questo range effettivamente si collocherà il calo, dipenderà dal fatto che si riesca a risolvere la situazione presto o più tardi. E' chiaro infatti che più a lungo si protrarrà questa situazione, maggiori saranno le conseguenze sull'economia italiana.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Debito (ancora) per finanziare la ripresa: per l'Italia la ricetta è già scritta

Non bastasse l'enorme debito che già grava sul bilancio del Paese, l'emergenza pandemia ci costringerà a farne altro

Già prima che scoppiasse l'emergenza coronavirus in tutta la sua gravità, l'economia italiana aveva i suoi grossi problemi.
Con la pandemia le cose sono peggiorate, e ci aspetta una durissima recessione.
Il modo con cui il Paese prova ad affrontarl, è l'unico disponibile: fare debito.
L'Italia e il ricorso al debito Sia chiaro, non sarà una prerogativa dell'Italia.
Tutti i paesi dovranno indebitarsi per finanziare la ripresa.
Quello che però preo [...]

Continua a leggere

Economia, cicli e la lezione che dovremo imparare dalla crisi da pandemia

La diffusione del coronavirus ha fatto da innesco, ma la situazione grave dei mercati covava già da tempo

La vita economica di un Paese si muove secondo cicli, che durante la fase di espansione sono virtuosi, ma prima o poi imboccano la via dell'avvitamento su se stessi.
Come una macchina che corre avanti ma poi dopo rallenta e mette la marcia indietro.
Il coronavirus ha reso questo processo di ritirata molto più rapido, più accelerato.
Dopo una corsa spedita negli ultimi anni, ha fatto tirare il freno a mano bruciando le gomme e sballottando i passe [...]

Continua a leggere

Consulenti finanziari costretti a cambiare ruolo per i clienti: più psicologi che esperti

Il panico da coronavirus ha imposto un necessario cambiamento nell'approccio con il risparmiatore

La crisi innescata dal coronavirus ha portato i consulenti finanziari ad una diversa interpretazione del proprio ruolo.
Mai prima d'ora avevano dovuto svolgere le funzioni di veri e propri psicologi rispetto ai propri clienti.
Questo vale sia per gli indipendenti che per quelli al servizo di banche e grandi istituzioni finanziarie.
Una veste nuova per i consulenti finanziari Bisogna considerare la base di partenza di questa nuova necessità.
I ris [...]

Continua a leggere