Economia e Lavoro > Finanza

Economia Italiana verso una recessione sicura, sarà la quinta dal 2008

La diffusione del Covid-19 nelle regioni più produttive del paese avrà ripercussioni gravissime

L'incubo della recessione si fa sempre più concreto, e almeno per quanto riguarda l'Italia pare inevitabile. Se ne era già parlato nelle settimane scorse, quando non si poteva immaginare una espansione del Covid-19 così forte anche nel nostro paese, e adesso che il numero di contagi continua a crescere (siamo il terzo Paese al mondo come numero di casi), le ripercussioni sull'economia sono fortissime.

I danni all'economia italiana

La chiave del problema sta nella zona geografica dove il contagio si è diffuso in misura maggiore. Il coronavirus infatti ha stretto in una morsa la Lombardia, il Veneto e l'Emilia Romagna, ovvero le regioni che fungono da traino per l'intera economia italiana, le più produttive del Paese. Il fatto che la diffusione si stia propagando a macchia d'olio, non fa che peggiorare le cose. Questo porterà inevitabilmente a delle serie conseguenze anche sulla nostra economia.

Recessione inevitabile

Bisogna aggiungere che le premesse non erano neppure incoraggianti. Già prima dello scoppio della epidemia, il PIL italiano evidenziava una flessione. I dati dell'ultimo trimestre del 2019, quindi prima che scoppiasse l'epidemia, evidenziavano un calo dello 0,3% del nostro prodotto interno lordo. Se il buongirono si vede dal mattino, il morning star pattern che rappresentava la nostra economia prima del covid-19 non era certo un buon segnale. Insomma, il dato già negativo che c'era prima è destinato sciuramente a peggiorare. Dal momento che bastano due trimestri col PIL in calo per entrare ufficialmente in recessione tecnica, la strada sembra inesorabilmente tracciata.

Quanto potrebbe calare il PIL?

Si tratterebbe (o meglio, si tratterà) della quinta recessione tecnica in Italia dopo il 2008. Inoltre secondo gli esperti, il 2020 potrebbe chiudersi con una contrazione del PIL tra lo 0,5% e l'1%. In quale punto di questo range effettivamente si collocherà il calo, dipenderà dal fatto che si riesca a risolvere la situazione presto o più tardi. E' chiaro infatti che più a lungo si protrarrà questa situazione, maggiori saranno le conseguenze sull'economia italiana.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Ripresa economica, ciò che la sostiene oggi può renderla instabile domani

Per superare la crisi acuta da Covid, governi e banche centrali hanno spalancato i rubinetti del credito

Inutile girarci intorno, senza il forte sostegno delle banche centrali e l'indebitamento dei governi, la ripresa economica non sarebbe stata possibile a un passo così rapido (se di rapido si puà davvero parlare).
Ma tutto questo deve alimentare due preoccupazioni riguardo al futuro che ci aspetta.
I dubbi sulla ripresa economica La prima è cosa succederà se scoppiasse davvero una seconda e violenta ondata di contagi, oppure se la ricerca di un va [...]

Continua a leggere

Economia globalizzata e Covid, in futuro i paesi emergenti avranno un vantaggio

La ripresa economica richiederà un cambiamento che i paesi sviluppati avranno più difficoltà a implementare

La crisi santiaria provocata dalla pandemia da Covid ha colpito tutti i Paesi del mondo.
Si contano davvero sulle dita delle mani quelli che possono dire di essere usciti pressoché indenni da questa tragedia.
Gli effetti economici invece coinvolgono tutti quanti, per via dell'effetto a catena che caratterizza l'economia globalizzata.
Il futuro dell'economia globalizzata C'è però una forte differenza che caratterizza i sistemi economici, soprattut [...]

Continua a leggere

Stimoli fiscali per combattere Covid, ma le conseguenze saranno pesanti

Per combattere la crisi innescata dalla pandemia, i governi hanno fatto ricorso a misure straordinarie

Per rispondere alla crisi innescata dalla pandemia, oltre al massiccio intervento delle banche centrali, sono dovuti intervenire i governi di tutto il mondo.
La medicina per la crisi è stata cercata soprattutto negli stimoli fiscali.
Sostanzialmente lo Stato ha rinunciato in parte a quanto gli spetta (in realtà spesso ha spostato solo in là nel tempo), lasciando così il denaro nelle tasche dei cittadini, al fine i sostenere i consumi.
L'abuso nec [...]

Continua a leggere