Ambiente e Natura

Edifici a consumo quasi zero di energia: cosa sono?

Gli edifici a energia quasi zero sono ad altissima prestazione energetica. In queste costruzioni, il bilancio tra energia consumata e prodotta è vicina allo zero!

Entro il 2021, tutti gli edifici nuovi o soggetti a una ristrutturazione importante di primo livello dovranno essere a fabbisogno di energia quasi zero (Near Zero Energy Building o NZEB). Per i nuovi edifici pubblici, comprese le scuole, la scadenza è anticipata al 2019.

Ma cosa sono gli edifici NZEB? Sono considerati a consumo quasi zero gli edifici ad altissima prestazione energetica, nei quali il bilancio tra energia consumata e prodotta è vicina allo zero e sono minimi i consumi per il riscaldamento, la climatizzazione, l’illuminazione, la ventilazione e la produzione di acqua calda sanitaria. Queste tipologie di abitazioni sono certificate da sistemi come CasaClima, PassivHaus e Leed.

 

L’Osservatorio nazionale dell’Enea

Per monitorare la realizzazione degli edifici ad alta prestazione energetica in Italia, l’Unità Tecnica Efficienza Energetica di Enea ha avviato un Osservatorio nazionale edifici a energia quasi zero, per fornire a progettisti e decisori statistiche e buone pratiche di tecnologie e procedure che hanno consentito il conseguimento dello standard NZEB.

L’Osservatorio curerà:

  • la definizione di Indicatori rappresentativi
  • la raccolta in una banca dati dei dati relativi a edifici NZEB (prestazioni globali e dei singoli componenti e sistemi)
  • l’elaborazione di schede-tipo
  • la mappatura degli edifici NZEB.

 

I requisiti di un edificio NZEB
Un edificio o residenza a consumo quasi zero deve garantire che tutti i seguenti indici, calcolati secondo i valori dei requisiti minimi vigenti al 2021 (e al 2019 per gli edifici pubblici), risultino inferiori ai valori dei corrispondenti indici calcolati per l’edificio di riferimento:

  • il coefficiente medio globale di scambio termico per trasmissione per unità di superficie disperdente
  • l’area solare equivalente estiva per unità di superficie utile
  • l’indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale
  • l’indice di prestazione termica utile per la climatizzazione estiva, compreso l’eventuale controllo dell’umidità
  • l’indice di prestazione energetica globale, espresso in energia primaria (EPgl), sia totale che non rinnovabile
  • i rendimenti dell’impianto di climatizzazione invernale, di climatizzazione estiva e di produzione dell’acqua calda sanitaria.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

MBSolutions: progetti dalla parte della sostenibilità

MBSolutions: innovazione e rispetto per l'ambiente MBSolutions è uno studio di progettazione a Fidenza, in provincia di Parma, che offre servizi completi in campo architettonico e dell'edilizia.
Da sempre attento ai temi della sostenibilità e del rispetto per l’ambiente, lo studio ha per i suoi progetti un unico obiettivo: fare in modo che case, uffici e negozi commerciali si inseriscano armonicamente nel contesto ambientale circostante.
Per farl [...]

Continua a leggere

Smaltimento rifiuti acciaio: quello che devi sapere

L’acciaio è uno dei materiali più diffusi nel mondo, eppure non tutti conoscono le operazioni che sono alla base del suo smaltimento e del conseguente riciclo.
  Lo smaltimento in cifre Sono quasi 600 mila le tonnellate di rifiuti che ogni anno vengono gettate trai i rifiuti.
Una cifra davvero considerevole, se pensiamo che l’acciaio è il secondo materiale più diffuso al mondo, secondo solo al cemento.
  Smaltimento dell’acciaio: come funziona?   [...]

Continua a leggere

Inquinamento plastica: un’emergenza alimentare

La plastica dispersa nei mari diventa emergenza sanitaria oltre che ambientale

L’uomo mangia 5 grammi di plastica ogni settimana e questa sta diventando un'emergenza sempre più pressante.
Mano a mano che gli scienziati studiano il problema ci si rende conto della gravità della situazione: se fino a qualche anno fa si pensava che il problema principale fosse di natura strettamente ecologica per la vita di flora e fauna, oggi, progressivamente, ci si sta rendendo conto che l'emergenza sta trasformandosi in un problema anche s [...]

Continua a leggere