Salute e Benessere > Medicina

Eliminare la calvizie con la chirurgia

Tecniche di trapianto capelli

Nella società odierna si presta una particolare attenzione all'immagine. Uno dei complessi maggiori che riguarda buona parte della popolazione di sesso maschile ha a che vedere con la perdita dei capelli provocata dalla calvizie. Tanto più giovane sia la persona, quanto più devastanti possono essere le conseguenze psicologiche di questo cambiamento repentino nel percepire la propria immagine allo specchio. Alcuni uomini optano per rasarsi a zero ma questa è più una forma di rassegnazione che altro. Questo problema estetico può essere affrontato e, a disposizione dell'utente, ci sono varie proposte. Nel lungo periodo, la soluzione più efficace a questa piaga è sicuramente rapprensentata dal trapianto dei capelli.

Sono state avanzate diverse proposte per porre rimedio alla calvizie androgenetica. Tuttavia queste hanno mostrato i loro limiti sotto diversi punti di vista. Ad esempio, galenici a base di Minoxidil hanno un'efficacia limitata al loro periodo di applicazione sul cuoio capelluto. Possono contribuire a rallentare il processo di perdita dei capelli ma possono fare ben poco con i capelli già persi che non crescono più. Una soluzione chimica di maggiore efficacia (e con costi sicuramente più alti) è rappresentata dalla finasteride, un principio attivo che può frenare la caduta del capello ma che a lungo andare può provocare gravi effetti collaterali come, ad esempio, il calo della libido. Integratori alimentari come Bioscalin possono essere d'aiuto solo agli inizi del processo di perdita dei capelli. Questi parziali insuccessi sembrano voler suggerire che la soluzione non abbia a che vedere con farmaci, bensì con qualcosa di più mirato ed efficace come il trapianto capelli.

Alcuni uomini, per far fronte alla calvizie, acquistano parrucche e toupet o si fanno impiantare protesi o impianti. Spesso i risultati ottenuti con queste tecniche non sono ottimali. Nonostante i costi non indifferenti, l'impressione che si ha guardando il risultato finale è quella di una capigliatura posticcia, effetto bambola o pelo di gatto. Un esempio di applicazione di queste tecniche è la chioma di Sandro Mayer, il celebre direttore delle riviste settimanali DiPiù e DiPiù TV, spesso preso in giro e sbeffeggiato ovunque, anche sul web. La naturalezza del capello è un aspetto da non sottovalutare e, per questa ragione, il trapianto dei capelli sembra essere la soluzione ottimale.

Studi avanzati nel settore hanno messo a disposizione degli utenti delle tecniche che consentono, attraverso il trapianto autologo dei propri capelli, di avere un risultato assolutamente naturale, soddisfacente e permanente. I bulbi vengono prelevati all'altezza della nunca e reimpiantati lì dove mancano, riuscendo a coprire le zone sprovviste e donando un aspetto più gradevole e attraente. A seconda della tecnica, possono essere prelevate strisce di bulbi oppure bulbi uno a uno. I risultati sono comunque di tutto rispetto e privi di effetti collaterali. Trattandosi del trapianto dei propri capelli, il rischio di rigetto è assolutamente scongiurato.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Cistopiù e Nefropiù, due nuovi brand per Aurora Biofarma

L’azienda comunica il lancio dei prodotti per una presenza ancora più decisa del marchio nelle terapie in ambito urologico veterinario

Il gruppo farmaceutico Aurora Biofarma annuncia il lancio sul mercato di Cistopiù e Nefropiù, due nuovi brand che andranno a completare la presenza del marchio Aurora in ambito urologico all’interno del comparto di medicina veterinaria.
Con una distribuzione sul canale depositi e grossisti iniziata già a fine dicembre 2017, i due prodotti sono stati svelati in via ufficiale nel corso della Convention di Praga e affiancheranno RenUro bustine e pas [...]

Continua a leggere

Denti del giudizio, toglierli o mantenerli

A livello medico sono considerati i terzi molari, tuttavia in generale sono meglio conosciuti come denti del giudizio, in quanto tendono a fuoriuscire in età più tarda rispetto agli altri, tra i 18 ed i 25 anni.
Sono situati nella zona più interna delle arcate dentali e proprio questa loro posizione tende, alcune volte, a creare problemi sia agli altri denti che al cavo orale in generale.
E tutto ciò porta spesso ad affrontare il dilemma se estra [...]

Continua a leggere

Tutto quello che c’è da sapere sullo spazzolino elettrico

Se vi siete recati da un dentista a Roma come lo studio del dottor Carnabuci e vi ha consigliato l’utilizzo di uno spazzolino elettrico ma voi non sapete nulla di questo mondo perché vi siete affidati sempre alla pulizia dei denti attraverso lo spazzolino tradizionale, allora, vorrete sicuramente informarvi su tutti i pro e i contro che questo strumento mette a vostra disposizione.
I primi spazzolini elettrici sono comparsi sul mercato circa cinq [...]

Continua a leggere