Scienza e Tecnologie

Energia: accordo Italia-USA sul condizionamento aria

AiCARR e ASHRAE hanno stretto un accordo, formalizzando l’impegno delle due associazioni per la promozione di attività comuni all’interno del settore HVAC&R.

AiCARR (acronimo di Associazione italiana Condizionamento dell’Aria, Riscaldamento e Refrigerazione) e ASHRAE (che sta per American Society for Heating, Refrigerating and Air Conditioning Engineers), hanno recentemente stretto un accordo, il Memorandum of Understanding (MoU), formalizzando l’impegno delle due associazioni per la promozione di attività comuni all’interno del settore HVAC&R .

L’accordo consente sia ad AiCARR che ad ASHRAE di avere un quadro di riferimento per quel che concerne la condivisione dei reciproci punti di forza e il raggiungimento di obiettivi comuni a livello organizzativo, con l’obiettivo di favorire al meglio i associati, professionisti e, perché no, entrambe le organizzazioni. Grazie a questa intesa, quindi, una nuova strategia unirà le due associazioni nella definizione dei servizi offerti ai rispettivi Soci, che siano in Italia o negli Stati Uniti, attraverso la creazione di un gruppo comune

AiCARR e ASHRAE hanno già collaborato per oltre 50 anni, fornendo contributi fondamentali in tutti i settori di competenza della refrigerazione industriale“, ha affermato Bjarne W. Olesen, oresidente di ASHRAE “Sono felicissimo di firmare questo accordo a nome di ASHRAE e proseguire con la nostra collaborazione per la promozione e il progresso delle scienze e delle tecniche relative alle applicazioni in campo HVAC&R, alla sostenibilità, alle energie rinnovabili e alle problematiche ambientali”.

Nell’ambito dell’accordo, ASHRAE e AiCARR svilupperanno nei due paese programmi di formazione e istruzione congiunti, con l’obiettivo di creare nuovi spazi di dibattito destinati a promuovere in maniera rapida ed efficace la diffusione delle tecnologie di settore. Il Memorandum of Understanding pone anche una particolare attenzione al rafforzamento delle reti delle due associazioni, al coordinamento dei programmi relativi alla ricerca e all’esplorazione delle opportunità di collaborazione.

“La firma di questo accordo conferma l’impegno di lunga data delle due organizzazioni per il raggiungimento di una strategia unita di sostenibilità a livello mondiale”, ha dichiarato Francesca Romana d’Ambrosio, presidente di AiCARR. “Adesso siamo pronti a proseguire con entusiasmo il nostro lavoro comune”. Il MoU è stato siglato il 22 gennaio scorso dai due presidenti all’interno del corso di ASHRAE Winter Conference 2018 a Chicago.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Cosa sono le stampanti 3D

Con questi strumenti è possibile creare qualunque oggetto, dal più semplice al più complesso. Ecco come funzionano e perché già molte aziende le usano.

Le stampanti 3D sono strumenti che usano la progettazione assistita da computer (CAD) per creare oggetti in tre dimensioni a partire da diversi tipi di materiali, per esempio plastica fusa o polveri.
Nulla a che vedere con certe "scatole magiche" che vedi nei film di fantascienza, tuttavia.
Per creare gli oggetti desiderati, le stampanti 3D si avvalgono di un metodo di stratificazione: in pratica, strato dopo strato dànno vita a una rappresentazi [...]

Continua a leggere

Cos'è e a cosa serve il rifrattometro

Tutto quello che vuoi sapere a proposito di questo strumento tipico dei laboratori di analisi.

Il rifrattometro è uno strumento scientifico utile per misurare l'indice di rifrazione di un campione liquido o solido.
Questo tipo di strumento è usato soprattutto nell'industria, in particolare nel settore dell'alimentare e delle bevande.
In pratica, il rifrattometro misura la quantità di luce che viene piegata, o rifratta, quando si sposta dall'aria in un campione.
In genere, i rifrattometri sono usati per misurare l'indice di rifrazione di un [...]

Continua a leggere

Digital signage: la nuova frontiera del lavoro in ufficio

Con l’emergenza sanitaria ed il lockdown la necessità di socialità e contatto con il mondo esterno ha portato ad un utilizzo esponenziale, e quindi ad un sempre maggiore sviluppo, di diverse forme di comunicazione.
Tra queste, il digital signage.
  Covid 19: le opportunità del Digital signage negli uffici Tra i formati che hanno avuto un notevole sviluppo durante il periodo di lockdown, quello che sicuramente ha registrato forse l’incremento magg [...]

Continua a leggere