Economia e Lavoro > Professioni

Food Logistics Manager nella ristorazione: i professionisti del settore

Ottimizzare l’approvvigionamento di ristoranti e punti vendita di generi alimentari è un lavoro che richiede spiccate competenze, come quelle del Food Logistics Manager.

Ogni giorno centinaia di tonnellate di materie prime alimentari vengono spostate da una parte all’altra del pianeta per raggiungere luoghi di trasformazione, punti vendita e ristoranti. L’approvvigionamento dei prodotti alimentari richiede un elevato numero di competenze: merceologiche, economiche, geografiche, produttive e commerciali.

Garantire al ristorante o al punto vendita una disponibilità di prodotto adeguata e condizioni economiche sostenibili è la sfida quotidiana che ogni manager o direttore si trovano a dover affrontare. In particolar modo, bisogna porre grande attenzione su alcuni punti dell’approvvigionamento della ristorazione:

  • reperire i giusti fornitori, che possano garantire la sostenibilità etica e ambientale di tutti i processi produttivi e la loro tracciabilità
  • gestire in maniera oculata gli acquisti e stipulare contratti vantaggiosi
  • assicurarsi un trasporto che garantisca la freschezza del prodotto
  • sviluppare soluzioni strategiche attinenti alla logistica e alla logistica inversa, che si occupa della movimentazione dei prodotti resi o giunti a fine ciclo di vita
  • compiere valutazioni economiche e finanziarie sulla filiera complessiva, sapendo calcolare spese e guadagni e prevedendo, dove necessario, investimenti

Food Logistics Management: un lavoro da professionisti

Nell’ambito della grande ristorazione, affidarsi a dei veri professionisti del food può fare la differenza: basta sottovalutare l’importanza di uno solo degli anelli della supply chain per invalidare tutta la filiera e sprecare preziose risorse, economiche e alimentari.

Esistono delle figure altamente specializzate nel Food Logistics Management, che si rivelano fondamentali nell’ottimizzazione dei processi in tutte quelle aziende che hanno a che fare con il settore alimentare. Catene di ristorazione, punti vendita, aziende che producono alimenti o li trasformano, per rivenderli con il proprio marchio o in conto terzi: tutte queste realtà hanno bisogno che la macchina logistica funzioni alla perfezione, per evitare sprechi e perdite deleterie.

Il Food Logistics Manager ha un ruolo davvero importante: è grazie a questa figura, infatti, che tutta la Food Supply Chain è controllata ed ottimizzata. Un consulente specializzato nell’ottimizzazione dei processi logistici del settore alimentare è colui che può garantire risparmio di risorse, efficientamento della catena di approvvigionamento e l’efficacia di tutti i processi lavorativi.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Vasetti cosmetici: perché sceglierli in PET

Rispetto ai modelli in vetro, i vasetti cosmetici in PET offrono maggiori vantaggi in termini di protezione, praticità e qualità.

Quando vediamo dei vasetti cosmetici in vetro, immediatamente pensiamo che si tratti di un prodotto di qualità superiore, perché riteniamo che tale materiale sia di qualità superiore.
Tuttavia, nella sfida qualitativa del packaging, spesso e volentieri il vero vincitore è un altro: il PET.
Questo materiale, spesso snobbato a causa della minore capacità di riutilizzo, presenta in realtà numerose caratteristiche che lo rendono più vantaggio del vet [...]

Continua a leggere

Rifiuti Tecnologici una Miniera d'Oro in Crescita Costante

Il riciclo oro dai rifiuti tecnologici può essere un'importante opportunità per la creazione di ricchezza e posti di lavoro

Il riciclo dei rifiuti tecnologici può essere un'importante opportunità per la creazione di ricchezza e posti di lavoro, parallelamente ai classici rifiuti che riempiano le discariche ci  sono altri materiali che tutt'altro devono essere considerati che immondizia priva di valore.
Per quanto riguarda i rifiuti tecnologici questi sono composti da oro e metalli rari e preziosi, tanto da far assomigliare questa tipologia di rifiuti a come vere e pro [...]

Continua a leggere

Chi aiuta il datore di lavoro a garantire la sicurezza?

Rspp e servizio di prevenzione e protezione

Il datore di lavoro, servendosi del servizio di prevenzione e protezione-SPP esterno che lo supporta nella valutazione dei rischi lavorativi, non ha un obbligo formativo specifico in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
L’obbligo sorge solo nel caso in cui è consentito allo stesso di svolgere internamente i compiti del SPP.
In particolare, per gli studi professionali, il monte ore della formazione del datore di lavoro-RSPP è di 16 ore, con u [...]

Continua a leggere