Internet > SEM e SEO

Gestione dei link interni

La linking interna del tuo sito è ben ottimizzata?

I link interni sono uno di quegli importanti elementi della SEO che è bene curare, così da riuscire a trarre il massimo profitto. Partiamo con il dire che un link interno è un collegamento che da una pagina di un sito porta ad un’altra pagina dello stesso sito. A differenza dei link esterni dunque, i quali puntano ad un sito diverso, i link interni puntano ad altre risorse presenti all’interno di uno stesso sito.

La necessità di utilizzare link interni nasce dal voler guidare i visitatori da una pagina all'altra di una risorsa web per mostrare loro gli approfondimenti necessari in grado di aiutare a comprendere meglio e approfondire un determinato argomento. Ecco in dettaglio quali sono gli elementi da considerare quando si decide di inserire un link interno:

 

  1. Anchor Text

Posizionare il link sulla parola esatta consentirà all’utente di comprendere meglio qual è il contenuto della pagina di destinazione, permettendogli di decidere se approfondire o meno la lettura e garantire al tempo stesso una navigazione più chiara e piacevole.

 

  1. Autorità della pagina linkata

Più una pagina riceve link provenienti da altre risorse interne al sito, più viene percepita come importante dai motori di ricerca rispetto le altre. Assicurati per questo di utilizzare link interni in particolar modo per tutte quelle pagine che sono effettivamente utili per  tuoi utenti.

 

  1. Pertinenza del link

Le pagine che vai a linkare tra loro dovrebbero sempre essere attinenti in quanto ad argomento: solo così potrai aiutare il lettore nell’approfondimento di uno specifico tema. Linkare tra loro due pagine che parlano di argomenti totalmente differenti sarebbe controproducente in quanto andrebbe a confondere l’utente, e ciò avrebbe un pessimo impatto sulla user expericence.

 

  1. Tipo di link

Anche il tipo di link che andiamo ad utilizzare è importante. Il consiglio è quello di utilizzare link nel formato HTML piuttosto che utilizzare ad esempio Javascipt. Anche se Google può tecnicamente riconoscere e seguire quest’ultimo tipo di link, esso non viene considerato alla stessa maniera dai motori di ricerca. Sia che si decida di utilizzare del testo quale link, sia che di opti per una immagine, in entrambi i casi è bene accertarsi che l’attributo alt sia stato correttamente valorizzato.

Struttura ideale di una buona linking interna

Diciamo intanto che dalla home page deve essere possibile raggiungere qualsiasi pagina del sito, e comunque nessuna pagina dovrebbe essere “lontana” più di 3 click da un’altra.  Un sito ben strutturato infatti, deve consentire agli utenti di poter raggiungere qualsiasi tipo di risorsa al suo interno in non più di 3 click: se al momento i tuoi utenti sono costretti a percorsi molto più lunghi prima di poter raggiungere la pagina desiderata, considera di organizzare i contenuti in base a delle categorie e sottocategorie “intelligenti” che possano aiutare i visitatori nell’individuare più rapidamente le risorse necessarie.

Ricorda sempre di limitare l'utilizzo del rel = "nofollow" a specifici link esterni verso siti non attendibili o poco autorevoli. Utilizzando il rel = "nofollow" infatti, diciamo in poche parole ai motori di ricerca di non considerare ai fini del ranking quel determinato link proprio per lo scarso valore che rappresenta o per le informazioni poco attendibile cui rimanda.

Ricorda infine di adoperare link interni soprattutto laddove pensi che possa essere veramente utile per l’utente: immagina il link interno come un’opportunità per il lettore di riuscire ad approfondire la conoscenza di un determinato aspetto, e di reperire ulteriori informazioni in grado di aiutarlo a comprendere meglio l’argomento.

Seguendo questi consigli, e avendo cura di eseguire un’attenta analisi dei link interni già presenti nel tuo sito ottimizzandoli dove necessario, farai in modo che gli utenti possano avere un’esperienza migliore navigando tra le sue pagine e ne ricaverai enormi benefici anche lato SEO. Questo articolo è stato offerto da Egidio Imbrogno, Consulente SEO specialist e siti web a Varese

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Migliorare il posizionamento sui motori di ricerca, consigli e strategie

Le tecniche migliori per ottenere risultati con la SEO

Avere un buon posizionamento sui motori di ricerca permette ai siti web di essere raggiunti più facilmente dagli utenti interessati all’argomento trattato.
Una buona strategia SEO è vantaggiosa per ogni sito web a prescindere dall’argomento trattato: avere la SEO dalla propria parte permette infatti di migliorare il posizionamento del sito su Google e sugli altri motori di ricerca.
Raramente, però, tutto funziona perfettamente sin dall’inizio: l’ [...]

Continua a leggere

Come gestire una recensione negativa del tuo hotel

Trasforma una cattiva recensione in una opportunità

La corretta gestione delle recensioni negative di un hotel riveste un ruolo di primaria importanza all’interno di una efficace strategia di web marketing turistico, ed ogni recensione da parte di ospiti insoddisfatti può trasformarsi in una buona opportunità per mostrare ai potenziali clienti i nostri sforzi per rendere ogni soggiorno una esperienza piacevole e rilassante.
Una recente indagine condotta da TripAdvisor ha rivelato come circa l’85% [...]

Continua a leggere

Calibra

Strategia marketing digitale

Se si dà vita ad una nuova impresa, piccola o grande che sia, è molto importante considerare diversi fattori in riferimento al suo percorso di crescita e sviluppo.
È necessario infatti individuare una strategia specifica per promuovere la nuova attività commerciale, generare la consapevolezza del marchio nei potenziali clienti in modo da farlo percepire come importante e meritevole di fiducia.
Proprio per questo motivo le aziende di maggior succe [...]

Continua a leggere