Informatica > Hardware

Gli inchiostri per ricaricare le cartucce delle stampanti

Ricaricare le cartucce con gli inchiostri

Specialmente se si tratta di realtà lavorative di grandi dimensioni, il prezzo delle cartucce diventa una vera e propria spesa da sostenere periodicamente.
Per ovviare il problema, si può ricorre agli inchiostri per cartucce ricaricabili per stampante in modo da non ritrovarsi diverse volte al mese a dover affrontare una spesa abbastanza cospicua per il cambio delle cartucce.
Per effettuare questa operazione bisognerà rivolgersi a negozi specializzati oppure acquistare un set per rigenerare le cartucce in possesso.
Con un pizzico di accortezza e di pratica, qualsiasi utente può eseguire questa operazione, basta semplicemente comprare il kit giusto con i flaconi di ricarica compatibili con la stampante.
Il set è reperibile negli store specializzati ed ha un prezzo piuttosto basso.
Ogni confezione contiene quattro flaconi di colore nero, ciano, giallo e magenta più una siringa per completare la prestazione e riempire le cartucce.
Una volta compreso quale sia il kit adatto alla propria stampante, non bisogna fare altro che prendere la cartuccia, sollevare l'etichetta e ricaricarla con il colore apposito.
Su di essa ci sono alcuni fori che indicano il punto giusto dove si dovrà iniettare l'inchiostro.
Il consiglio è quello di informarsi presso un operatore esperto in modo da non arrecare danni alla strumentazione informatica.
 
Ricaricare le cartucce con perizia
 
Le cartucce non sono difficili da ricaricare a patto che si abbia un minimo di pratica e se la prima volta non ha funzionato tutto alla perfezione, la seconda volta andrà sicuramente meglio.
La cosa migliore è quella di usare un paio di guanti in lattice per evitare di sporcarsi con l'inchiostro.
E' importantissimo evitare di caricare più inchiostro del dovuto, facendo la massima attenzione alle informazioni ricevute dall'operatore dal quale si è acquistato il set di inchiostri per cartucce ricaricabili per stampante.
Bisogna fermarsi di iniettare nel momento in cui si nota che il liquido sta per raggiungere l'orlo della cartuccia.
Inoltre, è basilare pulire la siringa ogni qualvolta si passa ad iniettare un inchiostro di colore diverso altrimenti si rischia di alterare la stampa con risultati disastrosi.
E' fondamentale fare attenzione al posizionamento dei fori poiché non tutte le cartucce sono uguali e l'ubicazione cambia.
Il liquido va iniettato lentamente e sempre cercando di stare attenti a non farlo traboccare.
 
Suggerimenti utili dopo la rigenerazione
 
Dopo aver iniettato l'inchiostro è preferibile chiudere i fori con della carta gommata e lasciare a riposo le cartucce per 4/5 ore, al fine di far assorbire perfettamente l'inchiostro.
Solo dopo questo tempo si possono fare delle prove e stampare qualche foglio per vedere se il risultato è ottimale.
Anche se la stampante riconoscerà la cartuccia come elemento in esaurimento, non bisogna preoccuparsi perché tutto ciò avviene quando la cartuccia non è originale.
La cartuccia non va rigenerata per più di quattro volte e non va ricaricata se è rimasta inattiva per molto tempo.
La rete è ricca di informazioni dettagliate sugli inchiostri per cartucce ricaricabili per stampante, con spiegazioni esaustive e video.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Risparmiare grazie alle offerte delle cartuccie

Il costo di gestione di una stampante

È un dato di fatto che il prezzo finale di una stampante non è dato solo dal suo valore di acquisto in negozio.
Sono molti gli altri i fattori che concorrono a determinare quanti soldi stiamo sborsando per quella marca piuttosto che per una altra.
A parte qualche eventuale offerta cartuccie per stampanti, sarà sempre necessario iniziare la valutazione di un prodotto partendo dal prezzo dei materiali di consumo.
Ci sono dispositivi che sono infatt [...]

Continua a leggere

Amico Informatico

Pronto soccorso informatico

Nulla è più fastidioso di un errore critico o di un malfunzionamento che impedisce di utilizzare, del tutto o in parte, il proprio Pc o Mac.
Dopo aver tentato un paio di volte a rimediare, senza alcun successo, si rende necessario individuare qualcuno in grado di risolvere il problema, ma ciò comporta una serie di disagi per l’utente.
Innanzitutto bisogna smontare il Pc, che di solito è sempre un groviglio di cavi che andranno poi nuovamente sist [...]

Continua a leggere

Ricaricare le cartucce Epson

Come risparmiare sull'inchiostro della stampante

Un tema molto sentito dai privati ma soprattutto dalle aziende è quello di ottenere un risparmio sulle stampe.
In questa guida spiegheremo quali sono i metodi funzionanti per risparmiare con una attenzione particolare alla ricarica di cartucce non originali Epson.
Le stampanti Epson infatti sono fra le più vendute e diffuse al mondo per il settore dei privati e delle piccole aziende, offrendo dei modelli a getto d'inchiostro o laser, queste ultim [...]

Continua a leggere