Salute e Benessere

I dispenser di asciugamani monouso in carta, il top per l’asciugatura

Ecco cosa hanno scoperto i ricercatori della Mayo Clinic americana

Da ormai due decenni a questa parte, nelle toilette a disposizione nei luoghi pubblici (ristoranti, bar, ospedali, palestre, uffici…) gli asciugamani a getto d’aria calda sono si sono diffusi in modo pressoché capillare, complice anche la progressiva diminuzione del loro costo e l’aumento dell’efficienza energetica.


Tuttavia non pochi utilizzatori dei servizi igienici sono solo parzialmente soddisfatti dell’asciugatura effettuata da questi dispositivi azionati elettricamente, dal momento che spesso le mani restano umide e che l’aria non sempre è abbastanza calda (qualche volta è addirittura fredda, se la resistenza si è guastata).


Quando il “servizio” offerto dai dispositivi elettrici risulta inadeguato, talvolta le persone si rassegnano al fatto di avere le mani ancora umide oppure utilizzano della carta monouso per ultimare l’asciugatura. Ed è proprio questo metodo, di lunga data ma sempre attuale, che assicura il miglior risultato finale, secondo una ricerca condotta dalla prestigiosa Mayo Clinic statunitense.


I ricercatori dell’istituto, confrontando asciugamani ad aria e fogli di carta assorbente, hanno scoperto che non solo quest’ultima asciuga più velocemente ma anche che l’azione di strofinamento elimina dalla pelle parte dei germi residui rimasti dopo il lavaggio. I dispenser di asciugamani monouso rimangono quindi accessori fondamentali per l’igiene, anche alla luce del fatto che, rimuovendo praticamente tutta l’umidità, lasciano le mani asciutte e al riparo dall'"incollare" germi e batteri.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

La casa di riposo di Roncobilaccio più ospitale e a misura di anziano

Scopri tutti i plus di Villa del Sole

Le case di riposo purtroppo potrebbero essere viste come dei luoghi in cui è facile annoiarsi e vivere giornate praticamente tutte uguali l’una all’altra.
È anche per questo motivo che, tanto gli anziani quanto le loro famiglie, non considerano con particolare favore la prospettiva di un ricovero all’interno di una di queste strutture.
È doveroso però ricordare che non tutte le residenze per anziani comportano questo tipo di permanenza; al contra [...]

Continua a leggere

Depressione negli anziani, i sintomi che aiutano a riconoscerla

Individuare la depressione negli anziani è spesso complesso soprattutto perché non amano parlare del loro stato d’animo o delle loro preoccupazioni.
Non è raro che affermino di stare bene quando si chiede loro se si sentano tristi o depressi anche quando effettivamente è così.
Spesso tutto ciò accade perché gli anziani non vogliono essere un peso per le persone che amano e preferiscono affrontare da soli le loro battaglie.
La depressione per gli [...]

Continua a leggere

Declino cognitivo anziani: il test del disegno dell’orologio

Un semplice test da poter fare a casa per verificare la salute mentale di una persona anziana

Il test del disegno dell’orologio è un semplice test che viene utilizzato spesso per diagnosticare la presenza di problemi neurologici nelle persone e, in particolare, negli anziani la presenza di demenze o Alzheimer.
In ambito medico viene utilizzato in combinazione con altri test volti a uno screening più approfondito ma anche se utilizzato da solo può riuscire a fornire indicazioni molto utili sulle abilità cognitive di una persona.
Come viene [...]

Continua a leggere