Economia e Lavoro > Professioni

I numeri delle Start up innovative in Italia

Rispetto a quanto si poteva immaginare, il numero delle start up innovative attualmente registrate nella sezione speciale del Registro delle Imprese è pari a 5 mila.
Buona parte di esse sono concentrate in Lombardia con 1.000, seguono Emilia Romagna e Lazio, rispettivamente con 579 e 496 imprese, Veneto con 379 e Piemonte 351.

Secondo il rapporto redatto da Unioncamere-Infocamere aggiornato a dicembre 2015, sembra che il fenomeno di far impresa innovativa, sia in costante crescita. Il numero delle start up avviate in ogni regione, rispecchia proporzionalmente la quantità delle aziende presenti su quel territorio.
Le percentuali sono molto precise in merito: nel Nord complessivamente 56,4% suddiviso in 30,7% a Nordovest e 25,6% a Nordest, nel Centro 21,4% e nel Sud 22,3%.

Come accennato in precedenza, la regione che detiene la percentuale più alta di avvii è la Lombardia con il 21,8% segue l’Emilia Romagna con 11,9%, il Lazio 9,8%, Veneto e Piemonte rispettivamente con il 7,5% e 7,1%.
Anche le regioni del sud presentano percentuali che rispecchiano i numeri dell’attività impresariale regionale, Sicilia e Campania con il 4,3% e il 5,8% si collocano, nella classifica nazionale, in settima e ottava posizione.

I settori in cui si concentrano la maggior parte delle imprese riguarda l’informatica: l’industria con la produzione di componenti e computer, i servizi dall’informazione alla consulenza, dalla produzione di software all’area ricerca e sviluppo.

Tra le motivazioni che spingono soprattutto gli under 35 a optare per questo genere di impresa, vi sono le agevolazioni inerenti ai costi legati all’avvio dell’attività: come stabilisce la normativa vigente si può usufruire dei benefit che riguardano anche gli adempimenti presso il registro delle imprese, nello specifico i costi di costituzione.

Nello specifico, le start up innovative sono esonerate sia dal pagamento alle Camere di Commercio del diritto annuale che a quello relativo all’imposta di bollo e ai diritti di segreteria inerenti all’iscrizione nel registro delle imprese.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Avvocato civilista e penalista: cosa cambia

Scopri le differenze tra avvocato civilista e penalista

Chiariamo prima di tutto che in Italia esiste un unico albo degli avvocati, cui un professionista in possesso del titolo di studio adatto può iscriversi dopo il superamento della prova di stato.
Una volta iscritto, il professionista risulta ufficialmente avvocato abilitato, senza che la legge preveda alcuna distinzione specifica tra avvocato penalista e civilista.
Un professionista del settore forense può esercitare la propria professione senza v [...]

Continua a leggere

Ungari Group, leader nella vendita di muletti

State cercando un mezzo per la movimentazione della merce in magazzino? Rivolgetevi a Ungari Group a Cormano!

La movimentazione e la logistica della merce in magazzino richiedono l’impiego di mezzi specifici, studiati per assolvere a mansioni quotidiane, ripetitive e pesanti.
Carrelli elevatori, transpallet, sollevatori: diverse sono le motorizzazioni e la potenza dei mezzi, a seconda della necessità di portata e del tipo di stoccaggio (all’aperto o al chiuso).
Tutti i carrelli elevatori devono rispondere però a dei requisiti fondamentali, come la capaci [...]

Continua a leggere

I professionisti della sicurezza sul lavoro

Il tema della sicurezza sul lavoro è sempre più sentito sia per i lavoratori che per i titolari d’azienda.
Con la formazione obbligatoria  e specifica, tutte le aziende hanno dovuto mettersi in regola per evitare sanzioni e incidenti sul posto di lavoro.
Molte aziende si affidano a società esterne che possano seguire l’attività durante tutto il percorso di formazione e, soprattutto in città più grandi non sarà difficile trovare la professionalità [...]

Continua a leggere