Economia e Lavoro > Finanza

I paradisi della finanza più a portata di mano

I paradisi della finanza più vicini

Per chi avesse intenzione di trasferirsi in un Paese che risulti essere favorevole sotto un punto di vista fiscale e allo stesso tempo facilmente accessibile dal territorio italiano, ecco una lista di Paesi che risultano possedere questi requisiti.

I paradisi fiscali presenti in Europa

La nazione estera che possiede un indice ottenuto dal rapporto fiscalità-vicinanza molto alto è sicuramente la Svizzera. Essa, non rientrando tra i Paesi appartenenti all'UE, non deve sottostare alla normativa comunitaria e proprio questo, oltre alla pressione fiscale molto bassa, risulta essere uno dei vantaggi più importanti per custodire al meglio il proprio patrimonio. Inoltre risulta essere facilmente accessibile anche in automobile. La nota negativa però deriva dal fatto che la Svizzera non venga più considerato un vero e proprio paradiso fiscale, in quanto, nonostante il basso importo delle tasse, il governo svizzero ha incrementato l'ammontare delle contribuzioni obbligatorie.

La Bulgaria è il Paese appartenente all'UE che possiede la pressione fiscale più bassa. Per questo risulta essere la seconda meta preferita dagli italiani, anche perché possiede un costo della vita molto basso. Nonostante la distanza più ampia rispetto alla Svizzera e il problema di ambientamento, causato dalle differenze etniche con i Paesi mediterranei, la Bulgaria è sicuramente una scelta molto appetibile.

Non più distante risulta essere lo Stato iberico di Andorra, che ha basato la strategia governativa sulla bassa imposizione fiscale. Offre un clima favorevole e simile a quello italiano, oltre a paesaggi meravigliosi e per questo, nonostante l'imposizione fiscale bulgara sia inferiore, molti italiani risultano essere più propensi ad un trasferimento in questa ''città-stato''.

Malta, infine, consente di tassare solamente i redditi che vengono generati sul territorio maltese, e quindi, a seconda dei casi, la tassazione potrebbe essere addirittura nulla. L'unica pecca è comportata dal fatto di essere un'isola, anche se molto bella e per questo considerata un paradiso non solo fiscale ma anche paesaggistico, fatto che non ne consente una facile accessibilità.

I paradisi fiscali extra-europei più vicini

Per chi volesse abbandonare addirittura l'Europa, le Canarie risultano essere il paradiso fiscale più a portata di mano per eccellenza. Esse infatti appartengono alla ZEC, ossia una zona riconosciuta dall'UE a bassa pressione fiscale.

Il Medio Oriente, nonostante i vantaggi fiscali, invece, risulta essere molto più distante.

Conclusioni

Dunque, decidendo di abbandonare l'Italia per trasferirsi in Paesi fiscalmente vantaggiosi si possiede una vasta gamma di scelta, basando la decisione finale sull'importo delle tasse o sulla vicinanza dal bel Paese a seconda delle proprie attitudini.
 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Come aprire un conto in Austria

Chi espatria e si trasferise in Austria troverà un passaggio senza intoppi.
L'Austria è una nazione ricca e conosciuta per la sua ospitalità e il multiculturalismo.
Vienna, la capitale austriaca, detiene un quarto della popolazione del paese.
Una delle prime cose che ti serve quando arrivi è un conto bancario austriaco.
  Quali documenti servono per aprire un conto corrente in Austria? L'apertura di un conto bancario in Austria è abbastanza sempl [...]

Continua a leggere

Conto online svizzero

Molti si chiederanno come aprire conto un corrente online in Svizzera.
Questo è molto semplice, basta contattare una banca svizzera e chiedere di aprire un conto presso di loro, tutte hanno l'e-banking che permette anche di risparmiare sui costi di gestione dello stesso.
Solamente si può fare solo da residenti.
Quindi se si risiede in Svizzera o se si ha una ditta in Svizzera si può tranquillamente procedere all'apertura di un conto come si fa an [...]

Continua a leggere

Società offshore a Panama

Ogni paese per conformarsi al cartello OCSE dei paesi con tasse elevate ha installato lo scambio automatizzato di informazioni come obbligo per le banche, che funzionerà almeno in Europa, così come in alcuni mercati emergenti.
Naturalmente, il costrutto può anche - in alcuni casi - non riuscire.
Poi ci sono gli accordi internazionali in materia di reciproca assistenza in materia fiscale - la cosiddetta "assistenza amministrativa reciproca in mate [...]

Continua a leggere