Motori > Auto

I punti sulla patente e l’assicurazione auto: come funziona?

Il premio dell’assicurazione auto si determina in base a molti fattori di rischio – dall’età del conducente fino alla provincia di residenza – tra cui anche la valutazione dell’abilità come guidatore attraverso i punti sulla patente; sì, perché se si ha la tendenza a compiere infrazioni anche lievi per cui vengono detratti punti sulla patente, si è sicuramente soggetti a premi assicurativi più pesanti; tuttavia, proprio per questa ragione, se sai come disdire l’assicurazione auto e sei in procinto di stipularne una nuova, è bene tener presente che esiste presso la maggior parte delle agenzie assicuratrici la possibilità di aggiungere una garanzia che interviene in caso di ritiro della patente e perdita dei punti. Vediamo cos’è e come funziona.

Cos’è l’assicurazione per ritiro della patente?

Oltre alla copertura base – obbligatoria - sulla responsabilità civile, e compagnie assicuratrici hanno sviluppato servizi e coperture aggiuntive in caso di sinistri, ma anche nel caso di situazioni particolari come il ritiro della patente o la decurtazione dei punti patente.

Le coperture differiscono in base alle compagnie, ma in media, le assicurazioni provvedono a rimborsare le spese per il recupero dei punti fino a un massimo di 500 €; mentre in caso di sospensione o ritiro della patente, l’assicurazione rimborsa le spese per i corsi di aggiornamento, i nuovi esami, le visite di controllo imposte per riottenere la patente. È più raro, ma non impossibile, imbattersi in coperture aggiuntive in grado di rimborsare le spese sostenute per i mezzi di trasporto alternativi all’autovettura per i propri spostamenti, sottoforma di diaria giornaliera. Ovviamente, queste coperture extra prevedono premi assicurativi più alti che vale la pena richiedere se si è consapevoli di essere degli autisti particolarmente indisciplinati.

Alcuni esempi di coperture aggiuntive per ritiro patente e decurtazione punti

Compagnie assicurative come Genialloyd propongono un rimborso mensile di 400 € per sostenere le spese di recupero dei punti persi oppure, in caso di sospensione della patente, la corresponsione di un’indennità giornaliera solo nei casi di sinistri con lesione provocati a terzi senza reato o infrazione del Codice della Strada. Anche l’assicurazione online ConTe.it offre una copertura per decurtazione dei punti pari a 250 € per le spese dei corsi di aggiornamento per recuperare punti sulla patente oppure copre fino a 1.000 € per le spese dell’esame di revisione.

Le offerte variano di anno in anno e in base a molti altri parametri, per cui è sempre bene rivolgersi direttamente alle agenzie di interesse nel caso si consideri l’ipotesi di stipulare contratti che contemplano le coperture aggiuntive.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il ruolo fondamentale che ricopre l'auto oggi

Oggi la macchina ha assunto un ruolo fondamentale nella nostra vita di tutti i giorni, ed è grazie ad essa se abbiamo potuto accettare anche lavori distanti dal nostro quartiere; è grazie ad essa che possiamo spostarci in tutta comodità da un paese ad un altro, o da una regione all'altra; c'è proprio da dirlo: è grazie ad essa se la nostra vita continua! Dal momento che sappiamo che essa oggi è necessaria, siamo anche consapevoli che è altrettant [...]

Continua a leggere

Noleggiare una Range Rover Evoque a lungo termine

Land Rover è un marchio inglese che i fan dei veicoli 4x4 non hanno bisogno di farsi presentare.
Alcuni modelli di questo marchio britannico hanno raggiunto lo status di auto iconiche.  Il marchio È interessante notare che ci sono riusciti, nonostante la mancanza di modifiche nelle versioni successive di un determinato modello (ad esempio, nel caso di Defender).  I Land Rover sono usati non solo dai privati, ma anche da aziende o dall'esercito.
N [...]

Continua a leggere

La Concessionaria di Auto usate informa sulle principali norme del nuovo codice della strada

La vendita di auto usate in Concessionaria è di abitudine - Informare il consumatore sulle norme del codice della strada può essere una buona regola

Forse non ci si chiede o comunque esula dall'essere un pensiero ricorrente, ma è facile comprendere che una volta le strade e le automobili non esistevano per questo non occorreva scrivere un codice che regolasse la circolazione, poi dal 1928 si sentì il bisogno di averne uno per migliorare ogni aspetto legato alla vita in strada, ovviamente in seguito ne uscirono altri a partire dal 1933.
Poi fu la volta del Testo unico del 1959, il primo vero C [...]

Continua a leggere