Arte e Cultura

I segni del battesimo spiegati ai bambini: il lavaggio del capo con l'acqua santa

Come organizzare il battesimo: il servizio fotografico

Il servizio fotografico è un dettaglio che spesso viene trascurato durante l'organizzazione di un battesimo, ma che in realtà può fare la differenza, non solo nel presente, ma anche nella vita futura del bambino, o della bambina, dei genitori e dei parenti coinvolti nella cerimonia.

 

Non sono rari infatti i casi in cui, pur di risparmiare qualche euro, le mamme affidano il compito di fotografare il battesimo ad un parente o ad un amico, correndo il serio rischio (a meno che quest'ultimo non sia un fotografo professionista) di ritrovarsi con foto sgranate, sfocate o, peggio ancora, scene importanti che non sono state immortalate.

 

La difficoltà della cerimonia del battesimo è proprio il fatto che, a differenza della prima comunione, non solo si ha a che fare con soggetti molto imprevedibili come i bambini, ma in più bisogna sempre stare attenti a non perdere nessun gesto del celebrante.

 

Una situazione che può essere molto stressante, soprattutto se non si è abituati, per questo è importante affidarsi unicamente alle mani di un fotografo professionista e che sappia cogliere ogni attimo del rituale del battesimo.

 

Fatta questa premessa, vediamo quali sono i momenti più importanti del battesimo che non devono assolutamente mancare in un album fotografico e che si possono anche richiedere al nostro studio di fotografo a Milano.

 

Il rituale del Battesimo

 

Il rituale del battesimo più importante, che sicuramente non potrà mancare nell'album dei ricordi, è il lavaggio del capo del bambino con l'acqua santa.

 

Si tratta di uno dei momenti più importanti, perché l'acqua rappresenta il lavaggio dal peccato originale e la rinascita in Gesù Cristo. Ma è anche uno di quei momenti in cui, proprio perché i bambini sono molto piccoli (l'età giusta per il battesimo sarebbe di 6-7 mesi, ma ci sono genitori che fanno battezzare i loro bambini ad appena 3 mesi), scatta il pianto, quindi è molto difficile fare una foto ad effetto.

 

Proprio per questo è uno degli attimi preferiti dai fotografi, perché non si sa mai quello che può capitare. Il tutto avviene in una frazione di secondo e, per questo motivo, preferiscono rimanere concentrati.

 

Il rito del battesimo spiegato ai bambini: l'unzione con il crisma

 

Anche l'unzione con il crisma, che indica la rinascita completa in Gesù e nel suo sacerdozio, è un momento molto bello e toccante, ma dove è difficile ottenere delle immagini interessanti, perché spesso genitori, il padrino o la madrina offuscano la scena.

 

In questo caso la soluzione potrebbe essere la ripresa ravvicinata, se non che si verrebbe a creare un altro elemento di disturbo che potrebbe irritare non solo i parenti, ma anche il bambino o la bambina.

Per questo motivo i fotografi professionisti, prima dell'inizio della cerimonia, scelgono un punto da cui hanno la giusta visuale e predispongono la macchina reflex per lo scatto.

 

Cerimonia di battesimo: i preparativi prima del momento clou

 

Anche se in sé non fanno parte del battesimo vero e proprio, i preparativi prima della cerimonia e il ricevimento sono due soggetti molto amati dai professionisti della fotografia e che, spesso, completano sempre un servizio fotografico Battesimo fatto a regola d'arte.

 

I genitori inoltre, se lo desiderano, potranno chiedere al fotografo di stampare anche delle foto in bianco e nero oltre che a colori. In questo modo non solo avranno dei ricordi preziosi di quel giorno così speciale, ma in più potranno usare le fotografie del battesimo per dei quadri o per realizzare dei biglietti di ringraziamento per gli amici e i parenti.

 

Se ne volete sapere di più o/ volete prenotare un Fotografoco specializzato in Servizi per Battesimo, non esitate a contattare il Fotografo Giovanni Miele


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

A proposito di Barnie.

Barnie Sanders

Il senatore del Vermont ,Barnie Sanders ,ha inscritto il suo socialismo democratico nel cuore della tradizione americana.
Una storia che ha il suo perno nella filosofia politica di F.
D.
Roosevelt e nel suo scontro con alcuni dogmi del libero mercato, pur restando in un'ottica liberale:dal salario minimo alla settimana lavorativa di 40 ore, dalla contrattazione collettiva ai sussidi di disoccupazione e alla regolamentazione delle banche (si pensi [...]

Continua a leggere

Di che colore è li il cielo.

Pensando alla Siria

Pensando alla Siria oggi, al volto rigato dalle lacrime e dal sangue che mostra al mondo, la tendenza è quella di dimenticare o di ignorare la bellezza che quello stesso volto possedeva prima che un conflitto quasi decennale interessasse i suoi territori.
Prima del conflitto, in ogni angolo del paese, era possibile ammirare resti di una cultura millenaria, resti di una serie di dominazioni (fenici, civiltà mesopotamiche, romani, arabi, mongoli e [...]

Continua a leggere

La banalità del male

Lo straniero

Una persona può fare del male senza essere malvagia? Era questa la complessa domanda che assillava la filosofa Hannah Arendt mentre, nel 1961, seguiva per il New Yorker il processo per crimini di guerra ad Adolf Eichmann, il funzionario nazista responsabile di aver organizzato il trasporto di milioni di ebrei – e non solo – nei campi di concentramento per la Soluzione Finale.
Arendt pensava che Eichmann fosse un burocrate ordinario, se non addiri [...]

Continua a leggere