Cucina > Cibi

Il Bistrot 4.5

Il ristorante all'EUR

Quante volte vi siete trovati con la solita patata bollente in mano, rappresentata dalla domanda: “stasera dove andiamo a mangiare?” .
Non vorrei esagerare, con proiezioni troppo ardite, ma credo che almeno una volta al mese, questa ardua scelta vi attanagli. State tranquilli perché questa volta avrete un asso nella vostra manica.

Sorprenderete tutta la vostra comitiva, compreso chi solitamente sbuffa o non è mai d’accordo. In questo locale non solo avrete la possibilità di trovarvi in una location arredata in maniera superlativa e confortevole, dal tocco rustico ma cool.

Per la serie “l’abito non fa il monaco”, all’interno di questo ristorante avrete la possibilità di gustare dei piatti gourmet assolutamente unici nel loro genere, studiati, pensati e voluti fortemente dallo chef Guido Boemio.

La sua esperienza e la passione per il buon cibo italiano lo potrete percepire dal primo assaggio. In tutto questo mi sono resa conto, di non avervi detto il nome del ristorante: Bistrot 4.5.

Questo ristorante Il Bistrot 4.5 è situato nella zona dell’ Eur a due passi dalla metro e dal laghetto, in via Amsterdam 140, 00144 Roma (RM) e in Viale America 3, 00144 Roma. Aperto tutti i giorni della settimana, tranne la domenica, dal lunedì al venerdì dalle 08.00 alle 23.00 e il sabato dalle 09.00 alle 23.00. Potrete prenotare il vostro tavolo attraverso il sito internet www.bistroteur.it oppure attraverso i contatti telefonici.

Se siete persone che amano particolarmente avere tutto sotto controllo, di seguito potrete leggere il menù previsto. Per iniziare, potrete dare un’occhiata ai primi piatti: fettuccine ajo, oio, peperoncino, alghe; spaghettoni con molluschi, lime e funghi; paccheri verrigni cacio e pepe, cozze, peperone crusco, ravioli gamberi, burrata, cipolla rossa; linguine ricci e nduja.

Passando per i secondi piatti, da leccarsi i baffi, come: polpo, finocchietto, fagioli; ombrina, cedro, patate e basilico; rana pescatrice, guanciale, zucchine e pomodorini; manzo, soia, cipollotti e parmigiano; verdure, patate e zafferano. Per concludere con la terza portata, ossia i dolci: melone, fior di panna, frutti rossi e Campari; semifreddo al mosto d’uva e fichi; yogurt, Philadelphia, maracuja ed osvego; cioccolato bianco, zenzero ed aceto balsamico ed infine il classico intramontabile, pane e Nutella, così da accontentare anche i più piccoli.

Molti di voi si staranno chiedendo ma i vini? Tranquilli perché il Bistrot 4.5 dona molta attenzione alla parte che riguarda i vini. La loro filosofia punta sulla qualità e non sulla quantità. Tutti i vini che troverete all’interno della sezione dedicata al wine bar sono accumunati da meravigliosi sapori intensi ed inimitabili.

Sia i vini bianchi e i rossi saranno acquistabili sia nella versione di calice e sia nell’acquisto della bottiglia, magari per accompagnare i piatti dello chef. I nomi che troverete nella carta dei vini provengono dalle migliori e ricercate cantine italiane e francesi, così da poter accontentare i gusti anche dei più puntigliosi.

Proprio per loro, è stato deciso di allegare una scheda organolettica, all’interno della quale sarà possibile identificare gli aromi, le spezie, la frutta, le affumicature fino ai sapori più aspri.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Affettatrice a volano: da chi acquistarla?

Vorreste acquistare un’affettatrice a volano made in Italy di grande qualità ma non sapete a chi rivolgervi? Ecco qualche consiglio per voi!

Chi per necessità o per passione si imbatte nell’esigenza di effettuare l’acquisto di un’affettatrice a volano, sa che il mercato offre una grandissima quantità di marche e modelli tra i quali l’impresa di scegliere si rivela molto ardua.
La scelta di un’affettatrice è dettata non solo dalle specifiche esigenze di chi la acquista, ma anche da una serie di fattori estetici: se, per esempio, l’affettatrice in questione deve fare bella mostra di sé [...]

Continua a leggere

Adoro

Il ristorante champagneria in zona Ponte Milvio

Non c'è bisogno di cercare una buona motivazione per cenare fuori con altre persone.
Mangiare in compagnia, soprattutto in locali carini e accoglienti dove non soltanto si è serviti, ma il cibo è cucinato da professionisti che sanno come fare, è sempre un'attività piacevole e merita di essere vissuta tutte le volte che si può.
Ci sono però delle occasioni un po' più particolari, momenti e celebrazioni importanti, giorni che segnano la vita intera [...]

Continua a leggere

A Parma la pasta fresca tradizionale solo da "I Du Reazdòr"

Da "I Du Rezdòr" tortelli, anolini, gnocchi e passatelli secondo la tradizione parmigiana

Se siete a Parma e dintorni non potete non provare almeno uno dei piatti tipici del posto.
Non solo prosciutto e Parmigiano Reggiano, la tradizione culinaria emiliana è ricca di piatti a base di pasta fresca.
Ma quali sono quelli che non potete assolutamente perdervi? I TORTELLI- Chiamati così per la loro forma che ricorda quella di una piccola torta, sono da sempre al centro di una disputa tra Parma, Mantova e Reggio Emilia sull'originalità dell [...]

Continua a leggere