Servizi

Il calcestruzzo a base di copertoni

Lo smaltimento degli pneumatici usati è, da sempre, un grosso problema su scala mondiale al quale si sta cercando di porre rimedio. Secondo quanto stimato dalla sola Unione Europea, i copertoni da smaltire già nel 2010 ammontavano a ben 3,3 milioni di tonnellate. Una quantità davvero enorme e spaventosa che tutt’oggi è in aumento specialmente nei paesi in via di sviluppo dove i mezzi per lo smaltimento di questi rifiuti sono del tutto inesistenti o quasi. Per questo motivo le discariche continuano a riempirsi e gli unici tipi di intervento che si attuano oggi per eliminare definitivamente questi rifiuti causano delle dannose emissioni che finiscono nella nostra atmosfera.


Riciclo dei pneumatici nell’edilizia


La buona notizia è che la gomma degli pneumatici può essere in qualche modo riciclata: sembrerebbe che le fibre e i polimeri derivati dagli pneumatici siano parte integrante di un progetto sui metodi di riciclo della gomma promossa dall’Università di Sheffield. L’intento degli studi è dimostrare come sia fattibile l’utilizzo di prodotti di scarto in gomma per produrre un particolare tipo di cemento.

Secondo gli studiosi di quest’Università la fibra polimerica che si trova negli pneumatici potrebbe andare a sostituire completamente il polipropilene nelle riparazioni delle fessurazioni del calcestruzzo, sostituendo questo materiale e facilitando così anche lo smaltimento rifiuti edili. Questo nuovo e particolare tipo di cemento potrebbe essere disponibile sul mercato internazionale entro fine decennio, così da poter essere acquistato ed utilizzato per riuscire a realizzare un particolare cemento iperflessibile e, a quanto sembra anche antisismico, ipotesi da verificare con i test che verranno condotti nei prossimi mesi.

Visti e considerati i promettenti risultati già ottenuti dagli studiosi dell’Università di Sheffield, anche da noi, in Italia, si sta cercando di investire in questa nuova ed importante ricerca; a tal proposito la Regione Puglia, pochi anni fa, ha finanziato ed avviato un Progetto di Ricerca dal titolo “Impiego di particelle di gomma e fibre d’acciaio provenienti da pneumatici fuori uso in conglomerati cementizi” che verrà svolto presso l’Università del Salento e che si terrà in collaborazione con delle aziende locali.

Durante la fase iniziale di questa ricerca è stata inoltre condotta un’indagine sperimentale che punta a valutare anche le proprietà meccaniche dei calcestruzzi rinforzati con le fibre di acciaio provenienti dagli pneumatici fuori uso e di calcestruzzi ottenuti con l’aggiunta di particelle di gomma in sostituzione di parte dell’inerte.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

6 consigli per evitare lo stress del viaggio e godersi le tanto meritate vacanze

È stato un anno particolarmente stancante e avete deciso di riprendere fiato e partire per un viaggio insieme alla volta della Capitale romana?

Partire insieme per una vacanza potrà essere una delle esperienze più belle o più terrificanti della vostra vita, poiché spesso e volentieri un viaggio può risultare stancante e stressante, ed ecco un vademecum per evitare che torniate più stanchi e stressati di prima.
1) Fare una to do list del viaggio Riservate un’ora del vostro tempo per pensare a tutto quello di cui avrete bisogno di preparare prima della partenza.
Lasciate una copia della li [...]

Continua a leggere

Come riconoscere un buon servizio di assistenza informatica

Il servizio di assistenza informatica è il principale alleato delle aziende contro i guasti e gli imprevisti. Ecco perché deve essere scelto con cura.

Sono le 17:50 di venerdì sera, stai per stampare l’ultimo report da presentare al capo e… nessuna stampa.
La macchina è guasta.
E allora, chi chiamerai? No, non gli acchiappa fantasmi, più probabilmente l’assistenza informatica, tuo angelo custode telefonico.
Ma in situazioni come queste, di stress e frustrazione, l’ultima cosa che vuoi è che la persona all’altro capo del telefono non prenda con la giusta serietà il tuo problema.
E fidati, se non [...]

Continua a leggere

Come scegliere l’abbigliamento promozionale migliore per la vostra azienda

L’abbigliamento promozionale dice tanto dell’immagine dell’azienda e deve essere scelto con attenzione.

L’abito non fa il monaco… a parte quando si parla di abbigliamento promozionale! Eh già, perché sia che si tratti dell’outfit dei vostri standisti, sia che si tratti di omaggi per i vostri clienti, l’ultima cosa che potete permettervi è che il vostro logo sia su indumenti brutti o che non rappresentano lo spirito dell’azienda.
   Pensate alle persone che indossano i vostri articoli promozionali come a tanti testimonial: loro porteranno in giro il [...]

Continua a leggere