Società > Persone

Il cimitero Flaminio di Roma

Tra quelli della Capitale, non sarà antico e maestoso come il Verano o affascinante e discreto come l'Acattolico, tuttavia il cimitero Flaminio o di Prima Porta possiede, comunque, un'interessante e funzionale struttura architettonica e rappresenta quello più esteso in Italia. E così come negli altri, i diversi servizi funebri e i loro addetti, come quelli della Cattolica San Lorenzo, hanno visto la seppellitura in questo luogo di tanti cittadini tradizionali e personaggi celebri.

Andiamo a scoprire la storia del cimitero Flaminio, la sua struttura, la sua ubicazione rispetto agli altri siti cimiteriali cittadini e, infine, anche le personalità più note che qui hanno trovato sepoltura e la loro ultima dimora. Personaggi celebri che hanno fatto non solo la storia della Capitale ma anche del Paese intero, in diversi ambiti della società.

Conosciamo il cimitero Flaminio o di Prima Porta

Situato nella parte Nord della Capitale, tra le antiche strade consolari della Flaminia (da cui deriva il nome) e la Tiberina, nella zona denominata "Prima Porta", quest'area sacra si estende per circa 140 ettari di superficie ed è percorsa, al suo interno, da oltre 37 chilometri di strade e viali, in cui si può circolare con diversi mezzi, tra cui anche degli autobus. Consacrata nel 1941, il progetto di tale struttura si deve all'insigne architetta Elena Luzzatto.

Al suo interno sono sorti, nel corso del tempo, varie chiese, templi e settori dedicati a diversi culti, tra cui quello ebraico, islamico ed evangelico, dove trovano sepoltura i fedeli di tali credi religiosi. In questi anni, inoltre, è stata dedicata una parte della struttura, chiamata "Giardino dei ricordi", in pratica alcuni ettari consistenti in prati e zone alberate, alle cerimonie di dispersione delle ceneri dei defunti che hanno optato per la cremazione.

Oltre a cappelle, lapidi e opere funerarie, sono presenti all'interno del sito e ne fanno parte integrante anche un monumento in ricordo dei partigiani jugoslavi della 2a guerra mondiale, una piccola area cimiteriale situata in questa zona sin dagli ultimi anni del XIX° secolo e resti archeologici di un'antica villa romana, risalente attorno al 25 a.C., quindi al tempo dell'imperatore Ottaviano Augusto.

I personaggi sepolti nel cimitero Flaminio

Tra le celebrità che riposano all'interno di quest'area sacra, vi sono diversi e straordinari attori teatrali e cinematografici, quali Gino Cervi, Renato Rascel, Paolo Panelli, Pupella Maggio ed Elena Fabrizi, meglio nota come l'amatissima "Sora Lella". Altrettanto famosi anche i registi, quali Luigi Comencini ed Elio Petri. Vi si trova anche l'ultima dimora di politici del calibro di Amintore Fanfani e del compianto Enrico Berlinguer.

Inoltre, volti noti dello spettacolo come il presentatore Corrado Mantoni (meglio conosciuto come Corrado) e cantanti quali Renato Carosone e Domenico Modugno. A questi si aggiungono poi l'esploratore Umberto Nobile, gli sportivi Pietro Mennea e Giorgio Chinaglia e, infine, l'indimenticata giornalista Ilaria Alpi.     


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Scoprire un tradimento Oggi : Tecniche e Segnali da non sottovalutare

Segnali da non sottovalutare in caso di tradimento

Hai da tempo il sospetto che il tuo compagno/compagna ti stia tradendo ? Ci sono diversi modi per scoprirlo, ad esempio puoi controllare la chat del tuo amato/amata, spiare le sue conversazioni private mentre è al telefono, oppure frugando fra le sue cose e cercando nella sua cronologia.
Tutti metodi immorali per stare insieme ad una persona che a volte diventano quasi necessari per conoscere la verità.
In ogni caso per avere la certezza che il t [...]

Continua a leggere

Trovare l'amore ai giorni nostri

L'amore nel 2020

La paura più comune alla base di questo nuovo modo di vivere l’amore ai giorni nostri è quella di legarsi e di perdere la propria libertà, oltre alla convinzione di non aver bisogno dell’amore e che bastino le serate con gli amici e gli incontri occasionali.
Chi vuole trovare l’amore e ha oltre 30 anni farà sicuramente più fatica a fare nuove conoscenze, ma non è il caso di disperare.
Sono tanti, infatti, i consigli per le over 30 che sono stanch [...]

Continua a leggere

Il fenomeno dell’espansione del telefono erotico

Oramai si tratta di un dato di fatto oggettivamente acquisito quello relativo all’esponenziale sviluppo delle linee dedicate all’hard come il telefono erotico.
Facilitato da internet che funge da cassa di risonanza con siti che promuovono ogni possibile sfumatura di questa forma di erotismo virtuale e, alimentato dallo sviluppo della rete e dei tanti device che agiscono da terminali, le linee erotiche hanno trovato il proprio humus che ha aumenta [...]

Continua a leggere