Ambiente e Natura

Il fiume Tevere - Un lungo viaggio dalla Romagna

Un fiume storico che ha accompagnato una grande civiltà

Il lungo viaggio

Il prestigioso fiume che tutti noi siamo soliti associare alla Capitale trova origine nell’Appennino tosco-romagnolo. È dal Monte Fumaiolo infatti che esso sfocia per giungere fino a Roma; con i suoi 405 km di lunghezza è il terzo fiume più lungo d’Italia.

Ora che abbiamo dato un’occhiata “da lontano”, scendiamo più nel dettaglio per conoscere da vicino la storia di questo fiume incredibile.

Le origini del nome

La storia ci racconta che il primo e più antico nome del Tevere era"Albula", appellativo determinato dai riflessi aurei delle sue acque. Ad esso seguì “Rumon”, nome di origine etrusca che ancora oggi si è soliti collegare al nome di Roma.
Non sappiamo esattamente quando gli fu attribuito il nome attuale e tutte le fonti a nostra disposizione sembrano essere discordanti: se da un lato Virgilio narra che già gli Etruschi battezzarono Thyberis il corso d’acqua , l a tradizione propende per l’ipotesi che prese il nome dal re albano Tiberino, il quale vi annegò.

Il percorso

Sgorgando da una sorgente nascosta del Monte Fumaiolo, il Tevere esce dalla Romagna per entrare in Toscana (provincia di Arezzo), sfociando nel Lago di Montedoglio per poi riprendere il suo percorso e arrivare fino in Umbria. All’altezza di Alviano nel corso del tempo ha preso forma una vera e propria Oasi naturalistica inglobata nei 50 km per i quali il fiume attraversa la regione: siamo nel Parco fluviale del Tevere.
Entrando nel Lazio il Tevere taglia poi Roma dopo aver accolto le acqua dell’Aniene. Dopo una corsa di altri 30 km sfocia a Fiumicino nel Mar Tirreno.

La funzionalità del Tevere

Il Tevere ebbe un ruolo fondamentale come via di comunicazione. Infatti durante l’età romana molte delle merci che arrivavano via mare venivano poi trasportate nell’entroterra fino ai piedi dell’Aventino, dove si trovava un grande Emporio nel quale venivano immagazzinati tutti i prodotti. Il primo ponte di Roma di cui si ha traccia è il Ponte Sublicio, situato a valle dell'Isola Tiberina; esso per molti secoli rimase in legno, per essere poi sostituito dal marmo in epoca imperiale.

Nonostante il ridursi della portata del fiume, merci e passeggeri continuavano a giungere a Roma via fiume trainate su chiatte e barconi che venivano rimorchiati dalla riva con l’aiuto di buoi e uomini stessi. Bisognerà aspettare la metà dell’800 per vedere i buoni sostituiti da macchine trainanti a vapore. Pian piano, con il tempo, l’uso del Tevere per trasporti venne sempre più abbandonato; si hanno notizie circa l’ultimo trasporto via fiume dei marmi delle Alpi Apuane destinati all'obelisco del Foro Italico, nel 1929.

Il Tevere oggi

In epoca moderna, lo sviluppo del trasporto stradale e ferroviario e la costruzione di ben 23 dighe hanno portato al progressivo abbandono del Tevere come via di navigazione sia commerciale che da diporto. Oggi il Tevere ospita barconi per feste ed eventi trasformati in deliziosi locali e qualche battello per la navigazione turistica.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Animaletti di piccola taglia per piccoli appartamenti

Una delle classiche strenne di Natale: il dono di un animale domestico per i propri i figli.
In una vasta serie di offerte animali, quali sono i migliori animali da compagnia domestica?   Un animaletto domestico è sempre un regalo gradito, per grandi e bambini Regalare ai propri figli un animale da compagnia da tenere in casa, è uno dei classici doni/strenna delle festa natalizie, o della celebrazione del compleanno.
Tra le tante possibilità, esc [...]

Continua a leggere

Il giusto materiale per le cucce

In questo articolo parleremo del giusto materiale per le cucce e scopriremo perché il legno è quello migliore.
  Quali tipi di cucce esistono in commercio La cuccia è un elemento fondamentale per i nostri amici a quattro zampe ed è importante scegliere quella giusta non solo in base alla taglia del nostro pet, ma anche in base al materiale di cui è costituita.
Il mercato offre una vasta scelta, ma le cucce più diffuse sono in plastica, legno o me [...]

Continua a leggere

Utilizzare la carta riciclata in ufficio per salvaguardare l'ambiente

Ogni giorno, con piccoli gesti, possiamo restituire qualcosa al pianeta.
Possiamo limitare i danni ambientali e limitare le ripercussioni su noi stessi.
Pe resempio diminuendo la deforestazione e l'inquinamento prodotto dalle cartiere.
Come farlo? Usando la carta riciclata e magari anche in ufficio.
  Cos'è la deforestazione? La deforestazione, o disboscamento, è la distruzione di foreste in molte zone del mondo.
Questa attività viene svolta dall [...]

Continua a leggere