Economia e Lavoro > Finanza

Il Lussemburgo non è solo una piazza della finanza


Il Granducato di Lussemburgo è uno dei più piccoli in termini di superficie degli Stati membri dell'Unione europea e la popolazione del Lussemburgo è solo di circa 525.000. Ma in altre aree il Lussemburgo sa come impressionare. Uno sguardo agli indicatori economici rivela ciò che è veramente  questo stato, ovvero che il Lussemburgo è un paradiso fiscale.

Ad esempio, il PIL pro capite del mondo è il terzo più alto. Il reddito medio in Lussemburgo è alto come la media europea di circa 2,5 volte.

Una quota molto consistente di queste cifre, è data dal settore finanziario. Il settore bancario da al Lussemburgo nel 2010 quasi il 40% del prodotto interno lordo e circa il 30% delle entrate fiscali.

Quello che in un primo momento suona come numeri positivi, non è una situazione acritica ad un esame più attento.

Per prima cosa, il Lussemburgo è considerato un paradiso fiscale. In secondo luogo, questa dipendenza dal settore finanziario è un grave rischio per l'economia.

Dalle condizioni favorevoli in Lussemburgo circa 150 banche beneficiano. Dalla Germania hanno origine circa 40 di queste istituzioni finanziarie . Lussemburgo è il centro europeo della negoziazione di titoli obbligazionari e fondi.

Nonostante tutti i vantaggi che il Granducato prende dall'industria finanziaria fiorente, tuttavia, ci sono  anche degli svantaggi. La dipendenza dal settore bancario è enorme.

Questo nel Lussemburgo dal 2008 ha risentito molto della crisi finanziaria che si è sviluppata come una minaccia per tutta l'Europa. Da allora, ha fatto un tentativo forte per promuovere altri settori dell'economia. Il Lussemburgo è un paradiso fiscale
ed esiste ancora in quanto tale così bene, ma i recenti sviluppi suggeriscono che il Lussemburgo si sta preparando per il futuro.

Il settore finanziario sarà certamente molto importante per un certo tempo, ma il Lussemburgo ha più da offrire e questo lo mostrerà più chiaramente. Probabilmente dietro di esso c'è la consapevolezza che il benessere di tutto il paese non deve dipendere dal mondo finanziario.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione.
Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.
Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value I principi contabili internazional [...]

Continua a leggere

La complessità degli investimenti

Investire, in generale in obbligazioni, titoli di stato e ancora nei ben più famosi BTp di cui si parla tanto oggi, risulta quanto mai complicato, il mercato economico è quello che detta le gole ma il rendimento BTP globale non si trova in equilibrio stabile ma al contrario risulta in caduta da circa 30 anni, con costanti oscillazioni, presenti in particolare negli ultimi anni.
I rendimenti di un bond riflettono tre elementi: il primo è il livell [...]

Continua a leggere

Prezzo Oro e Argento secondo la Relazione GSR

Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.

L'argento è da sempre considerato l' alter ego povero dell'oro, il metallo prezioso più comune da utilizzare per dare valore a monete, oggetti e gioielli.  Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.
Secondo questa relazione tra argento e oro esiste una proporzione attraverso la quale si può stabilire se i prezzi dei singoli [...]

Continua a leggere