Salute e Benessere > Medicina

Il polisonnigrafo: valutare la qualità del riposo

Test di valutazione approfondito per scoprire le problematiche legate al riposo

Si parla spesso dell'importanza di dormire bene, di godere di un sonno di qualità per la nostra salute e per la qualità della nostra vita e dell'importante ruolo che i nuovi materassi memory svolgono a tale riguardo. Per il corpo, dormire bene significa riuscire a recuperare, a tonificarsi, a rilassarsi dopo una lunga giornata di attività, materassisia livello muscolare che mentale. Quando non si riesce a dormire il corpo accumula fatica.

Pertanto, riposare bene gioca una chiave per la sopravvivenza di ogni individuo. Sappiamo tutti gli effetti della carenza di riposo, del dormire poco o male: affaticamento, stanchezza, dolori muscolari, mal di testa, scarsa concentrazione, irritabilità ...

Ma siamo in grado di capire se il nostro riposo è davvero di qualità?

Ovviamente la prima cosa che possiamo notare sono degli indizi abbastanza specifici come la difficoltà ad addormentarsi oppure il risveglio la mattina con addosso ancora la stanchezza oppure ancora la tendenza a dormire durante le ore diurne.

Per capire però la natura del problema abbiamo bisogno di test specifici e precisi che ci permettono di valutare oggettivamente la qualità del nostro riposo.

Il polisonnigrafo: lo strumento che misura la qualità del nostro sonno

Sia che esistano o meno problemi che impediscono di dormire bene, vi è uno strumento che ci permette di determinare se la qualità del sonno è adeguata: il polisonnigrafo.

Si tratta di una una tecnica neurofisiologica che ci permette di eseguire uno studio approfondito del sonno per determinarne la qualità dello stesso in ogni persona. Questo test è solitamente fatto durante la notte, perché ciò che deve essere misurato è l'attività di varie parti del corpo, mentre la persona sta dormendo.

I luoghi in cui viene eseguita la polisonnografia sono ospedali, cliniche private specializzate nel sonno e laboratori di ricerca.

Il funzionamento

Utilizzando un polisonnigrafo, si analizza il segnale elettrico nella corteccia cerebrale. Il sonno è composto da diverse fasi che si alternano lungo la notte.

Ciascuna di queste fasi produce caratteristici segnali elettrici che possono essere raccolti nella corteccia cerebrale.

Queste fasi sono state definiti e stabilite nel 1968 dallo psicologo Allan Rechtschaffen e dal dottor Anthony Kales, e sono ancora in vigore oggi.

Il polisonnigrafo è uno strumento che riesce a registrare questi segnali elettrici, un pò come avviene ad esempio con l'elettrocardiogramma.

Anche in questo particolare esame infatti vengono applicati degli elettrodi su testa e corpo della persona che raccolgono le attività del cervello, la respirazione, i battiti cardiaci, la posizione del corpo i movimenti degli occhi etc.

Gli elettrodi sono collegati ad uno strumento di misura che registra tutti i segnali e le cui informazioni saranno memorizzate su una scheda, che in seguito verrà esportata al computer per l'analisi finale.

Il grafico del sonno


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Cistopiù e Nefropiù, due nuovi brand per Aurora Biofarma

L’azienda comunica il lancio dei prodotti per una presenza ancora più decisa del marchio nelle terapie in ambito urologico veterinario

Il gruppo farmaceutico Aurora Biofarma annuncia il lancio sul mercato di Cistopiù e Nefropiù, due nuovi brand che andranno a completare la presenza del marchio Aurora in ambito urologico all’interno del comparto di medicina veterinaria.
Con una distribuzione sul canale depositi e grossisti iniziata già a fine dicembre 2017, i due prodotti sono stati svelati in via ufficiale nel corso della Convention di Praga e affiancheranno RenUro bustine e pas [...]

Continua a leggere

Denti del giudizio, toglierli o mantenerli

A livello medico sono considerati i terzi molari, tuttavia in generale sono meglio conosciuti come denti del giudizio, in quanto tendono a fuoriuscire in età più tarda rispetto agli altri, tra i 18 ed i 25 anni.
Sono situati nella zona più interna delle arcate dentali e proprio questa loro posizione tende, alcune volte, a creare problemi sia agli altri denti che al cavo orale in generale.
E tutto ciò porta spesso ad affrontare il dilemma se estra [...]

Continua a leggere

Tutto quello che c’è da sapere sullo spazzolino elettrico

Se vi siete recati da un dentista a Roma come lo studio del dottor Carnabuci e vi ha consigliato l’utilizzo di uno spazzolino elettrico ma voi non sapete nulla di questo mondo perché vi siete affidati sempre alla pulizia dei denti attraverso lo spazzolino tradizionale, allora, vorrete sicuramente informarvi su tutti i pro e i contro che questo strumento mette a vostra disposizione.
I primi spazzolini elettrici sono comparsi sul mercato circa cinq [...]

Continua a leggere