Economia e Lavoro

Il successo di Xiaomi in Europa (e in Italia)

Xiaomi arriva in Europa (e in Italia) e i grandi nomi del mercato tecnologico iniziano a tremare. In pochi anni, infatti, l'azienda cinese ha raggiunto il quarto posto tra i produttori di telefoni a livello mondiale e, a giudicare dall'incremento del suo fatturato, il dato è destinato a crescere.

Solo nel 2017, infatti, Xiomi ha venduto 92 milioni di smartphone con un guadagno di circa 16 miliardi di dollari. Non a caso il fondatore, Lei Jun, è stato già paragonato a Steve Jobs per la sua capacità di conquistare il mondo con il suo prodotto.

Dopo aver ottenuto un impareggiabile successo in India, Xiaomi si appresta ad aprire nuovi punti vendita in Europa. La novità è importantissima, perché fino a oggi, nel vecchio continente l'unico canale di vendita aperto agli acquirenti era l'e-commerce. Come testimoniano siti come https://xiaomirecensioni.com/ l’acquisto avviene normalmente online. Ora, invece, si inizia a parlare di negozi fisici, quasi come se il colosso cinese volesse sancire una conquista fisica, oltre che economica dell'Europa.

Sono diverse le caratteristiche che rendono gli smartphone Xiaomi così appetibili sul mercato. La prima, sicuramente, è l'ottimo rapporto qualità-prezzo. A parità di specifiche tecniche, gli smartphone cinesi hanno costi molto più competitivi rispetto ai prodotti analoghi europei e americani.

Questo sembrerebbe essere possibile perché pare che Lei Jun sia convinto che i margini di profitto sull'hardware debbano mantenersi sempre al di sotto del 5%. Il fondatore di Xiaomi ha anche aggiunto che, se questi dovessero diventare maggiori della percentuale stabilita, sarebbe disposto a restituire la differenza agli utenti.

Il principio, a quanto pare vincente, non è una prerogativa di Xiaomi. C'è da dire, infatti, che anche altre aziende, una fra tutte Amazon, offrono servizi proiettati più sul risparmio che sull'incremento degli utili, con l'obiettivo di fidelizzare una più ampia quantità di clienti soddisfatti.

La storia di Xiaomi ricorda molto quella di Huawei che, allo stesso modo, dopo aver varcato le porte dell'Europa, ha cominciato a sbaragliare la concorrenza, vendendo una quantità sempre maggiore di smartphone economici ma performanti.

Il risultato ottenuto dalle due aziende cinesi va interpretata comunque come una tendenza sintomatica degli acquirenti del vecchio continente: tutti vogliono risparmiare mantenendo contemporaneamente elevato il livello qualitativo del prodotto e, soprattutto, mettendo da parte i pregiudizi che da tanto tempo bloccano potenziali acquirenti di fronte all'etichetta "Made in China".

Un altro punto di forza di Xiaomi è l'ampia gamma di prodotti che produce, al di là degli smartphone. Sono firmati da Lei Jun anche televisori, smartwatch, scooter elettrici e persino depuratori d'aria. L'intento è sicuramente quello di creare una serie di articoli caratterizzati da un elevato livello di tecnologia, facilmente controllabili in remoto, con un semplice clic sull'app del proprio smartphone.

Riprendendo un po' la filosofia di Apple, che mette facilmente in comunicazione tra di loro tutti i prodotti marchiati con la celebre mela, Xiaomi punterebbe a fidelizzare il cliente per gli acquisti futuri. In altri termini, chi ha acquistato uno smartphone, dovrebbe essere stimolato ad acquistare anche altri prodotti della stessa azienda, sfruttando la vantaggiosa possibilità di metterli tutti a sistema con qualche semplice clic.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Lavorare come Investigatore

I passaggi per diventare investigatore privato

Se sei qui, è perché ti stai chiedendo come diventare un Investigatore Privato , ecco le risposte che cercavi.
Come in tutti i settori lavorativi, bisogna aver compiuto un percorso specifico di studi per diventare un detective, oltre che aver ottenuto una licenza che ti autorizzi ad eseguire indagini per conto di clienti privati.
Di seguito i passaggi necessari per diventare un Investigatore Privato Roma.
  I passaggi per diventare investigatore [...]

Continua a leggere

Aria compressa: piccola azienda, grande spesa

Sembra paradossale, ma quando si parla di aria compressa spesso le piccole aziende spendono molto di più di quelle di grande dimensione. Perchè? E soprattutto: si può cambiare rotta?

La situazione nel nostro Paese Molte aziende ancora oggi devono fare i conti con bollette davvero onerose.
Sebbene infatti il tessuto economico del nostro Paese sia formato perlopiù da imprese di piccole dimensioni, non possiamo dire che i loro consumi rispecchino le loro dimensioni.
Non solo: sembra che oltre il 50% dei loro consumi sia rappresentanto dall’elettricità.
Una spesa senz’altro elevata e che in proporzione supera quello relativo alle [...]

Continua a leggere

Il lavoro di un Investigatore Privato?

In cosa consiste...

In cosa consiste il lavoro di un Investigatore Privato? Oggi andremo a vedere di cosa si occupa un’investigatore Privato e come svolge la sua professione, un’investigatore privato è colui che si mette a disposizione di un privato o di un’azienda per risolvere dubbi che possono essere l’infedeltà del proprio partner, il bullismo od il contro giovani, per quanto riguarda l’ambito del privato mentre i servizi svolti per le aziende sono molteplici co [...]

Continua a leggere