Economia e Lavoro > Finanza

Il trust di famiglia: cos'è e quali vantaggi offre

Recentemente sta diventando sempre più importante il Trust, uno strumento di tutela del patrimonio familiare, non regolamentato dalla legge italiana, ma ugualmente riconosciuto nel nostro Paese e utilizzabile da chiunque ne volesse disporre.

 

Che cos'è il trust di famiglia

Il Trust è un istituto giuridico nato in Inghilterra, con il fine di prendere alcuni beni dal patrimonio di un soggetto e separarli dal patrimonio stesso, per usarli in favore di altri beneficiari o investirli per raggiungere uno scopo e perseguire interessi specifici. Il trust di famiglia si basa sulla fiducia riposta in una figura, chiamata Trustee, o in una società, definita Trust Company, a cui i beni selezionati vengono affidati. L'Italia ha accettato di riconoscere la legittimità del trust con la ratifica della Convenzione dell'Aja, entrata in vigore nel gennaio del 1992. Ad essere riconosciute non sono tutte le tipologie di trust, ma solo quelle provati per iscritto e regolate dalla legge in materia.

 

Cosa comporta il trust di famiglia

Chi ricorre all'istituto del trust deve accettare lo sdoppiamento della proprietà dei beni selezionati, in quanto i diritti ad essi relativi passano al Trustee. Il rapporto di fiducia che viene a crearsi attraverso il trust di famiglia viene spesso tutelato dalla figura del ""guardiano"", che può controllare e istruire il Trustee, nominandolo e revocandogli l'incarico, qualora dovesse seguire condotte inopportune. Nel momento in cui si istituisce il trust, il disponente sottoscrive un atto istitutivo e un atto di conferimento dei beni e dei diritti. Da quel momento il disponente non può più considerare i beni selezionati nella propria sfera patrimoniale, mentre il Trustee diventa l'effettivo proprietario dei beni, amministrandoli e gestendoli per il tempo necessario al raggiungimento dello scopo accordato. Il Trustee ha l'obbligo di rendere conto al disponente. Chi volesse può disporre di un trust nel proprio testamento.

 

Come si può utilizzare il trust

Esistono vari modi per sfruttare i vantaggi offerti da un trust di famiglia. Normalmente il trust si istituisce per proteggere degli immobili, che diventano automaticamente impignorabili. In questo caso il trust è usato per distinguere il patrimonio personale da quello aziendale e tutelare i soggetti che potrebbero perdere una parte o la totalità del proprio patrimonio a causa di attività professionali rischiose o di comportamenti sconsiderati, come il gioco d'azzardo o l'abuso di droghe e alcool.
Chi si affida ad un trust di famiglia per tutelare minori e soggetti diversamente abili instaura il rapporto di fiducia per motivi certamente più meritevoli. In queste situazioni i minori o i diversamente abili possono godere dei beni in trust, pur senza esserne i proprietari. Da ultimo il trust può servire a tutelare il patrimonio per finalità successorie o per fare beneficenza.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione.
Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.
Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value I principi contabili internazional [...]

Continua a leggere

La complessità degli investimenti

Investire, in generale in obbligazioni, titoli di stato e ancora nei ben più famosi BTp di cui si parla tanto oggi, risulta quanto mai complicato, il mercato economico è quello che detta le gole ma il rendimento BTP globale non si trova in equilibrio stabile ma al contrario risulta in caduta da circa 30 anni, con costanti oscillazioni, presenti in particolare negli ultimi anni.
I rendimenti di un bond riflettono tre elementi: il primo è il livell [...]

Continua a leggere

Prezzo Oro e Argento secondo la Relazione GSR

Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.

L'argento è da sempre considerato l' alter ego povero dell'oro, il metallo prezioso più comune da utilizzare per dare valore a monete, oggetti e gioielli.  Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.
Secondo questa relazione tra argento e oro esiste una proporzione attraverso la quale si può stabilire se i prezzi dei singoli [...]

Continua a leggere