Casa

Il vantaggio dei materassi in memory: caratteristiche e funzionalità

Scegliere un materasso in memory è la soluzione giusta per garantire ore di riposo salutari e ricche di relax. Partendo dal presupposto che il riposo notturno condiziona la vita, è opportuno scegliere un elemento soffice e accogliente che elimina lo stress accumulato durante la giornata e assicura una postura perfetta. Ma come orientarsi nella scelta di un materasso in memory perfetto? Analizziamone le caratteristiche e le funzionalità. 

Materassi in memory: come funziona?

Questi sistemi di riposo innovativi e all'avanguardia sono realizzati con materiali di ultima generazione: essi incentrano la loro peculiarità oltre che nella struttura in memory e sulla densità, anche sui vari strati che vanno a comporre l'accessorio. La qualità di un sonno ristoratore benefico per la propria salute è garantita dal memory che va a scaricare gli accumuli delle tensioni fisiche, assicurando una postura perfetta durante il sonno. Il memory, schiuma di memoria a lenta cessione, è dotata di una speciale struttura cellulare che riduce i punti di pressione del corpo, assecondando la fisionomia e regalando un rilassamento benefico. Questo meccanismo consente così di ottenere un corretto allineamento della colonna vertebrale, riducendo le sensazioni dolorose. Perfetto sia per letti singoli che per i letti matrimoniali, la soffice schiuma di lattice è preferita anche nelle strutture ospedaliere: per i pazienti che sono costretti a letto per svariate ore consecutive, i materassi in memory antidecubito diventano veri e propri presidi medici. Le ferite da decubito sono provocate in presenza di sfregamento con il materasso, in caso di frizione dove l'osso sporge maggiormente, il memory sensibile anche al calore corporeo è in grado di adattarsi al peso e alla pressione dell'ammalato, scaricando il carico in modo continuo o alternato. L'assenza di molle evita abrasioni e pressioni alla schiena, il memory rispetto ai materassi normali ormai obsoleti, si modella in base alla fisionomia, garantendo sollievo alla cervicale, evitando dolori lombari o reumatici, emicrania. 

I vari strati dei materassi in memory foam. 

I materassi memory non sono mai realizzati in un unico blocco a differenza dei materassi in lattice, ma lo strato di schiuma poliuretanica è sempre alternato ad altri strati di spessore e densità variabili. Solitamente lo strato superiore non deve essere inferiore ai 2,5 cm altrimenti non svolge le sue principali funzioni di benessere. Le altre superfici sono costituite da densità diverse collaudate e realizzano un prodotto performante che dona al corpo una sorta di galleggiamento. Materiali viscoelastici aumentano la traspirabilità tra gli strati e garantiscono maggiore sensibilità al prodotto perchè cambiano in virtù del cambiamento di temperatura, divenendo più soffici in presenza di temperature alte. La copertura del materasso incide enormemente per assicurare freschezza e potenziare il comfort dell'elemento in memory, ecco perchè spesso quest'ultimi sono rivestiti da fresche coperture in cotone 100% che svolgono una funzione traspirante impeccabile, perfetta anche per le persone con sudorazione eccessiva. Alcuni modelli speciali di copertura nell'interno del tessuto combinano la presenza dell'aloe vera, dotata di benefici effetti lenitivi e rilassanti. Da ricordare che i materassi in memory sono anallergici, quindi benefici e salutari anche per le persone che soffrono di malattie respiratorie, asma e allergie anche cutanee.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Responsabile d'impianto, obblighi e bollino blu

In tema di sicurezza ed eco sostenibilità degli impianti di riscaldamento, la legge affida al responsabile d'impianto una serie di obblighi e scadenze da rispettare, compresa quella di rinnovare periodicamente il bollino blu.
Vediamo allora assieme chi è e cosa fa questa figura e, soprattutto, perché è così importante.
  Chi è il responsabile d'impianto   Il responsabile d'impianto è colui che davanti alla legge si fa carico di tutte le incombenz [...]

Continua a leggere

Guida alla manutenzione dei condizionatori

La manutenzione del climatizzatore è un’operazione fondamentale quanto necessaria, atta a migliorarne l’efficienza energetica e a non farci rischiare di riempire i nostri ambienti di aria insalubre.
Partiamo dicendo che la pulizia principale dei condizionatori aria andrebbe fatta a fine stagione, verso settembre/ottobre, per impedire sporco e polvere si incrostino nell’apparecchio nella stagione invernale.
Ad ogni modo, durante l’utilizzo estivo, [...]

Continua a leggere

Arriva l’estate: la manutenzione da fare al condizionatore

Le temperature sono in aumento e se hai un condizionatore (o un climatizzatore) probabilmente lo stai per accendere. Che manutenzione occorre prima dell'avvio?

Le temperature sono in aumento e se hai un condizionatore (o un climatizzatore) probabilmente lo stai per accendere.
Prima però non dimenticarti della manutenzione degli impianti di condizionamento, grazie a cui puoi scongiurare un blocco improvviso, che ti garantisce l’efficienza energetica, consumi equi e un’aria salubre.
Pulisci o sostituisci i filtri, controlla che l’unità esterna non sia intasata e affidati all’assistenza tecnica per eventua [...]

Continua a leggere