Edilizia e Costruzioni

Impianto elettrico industriale: cosa devi sapere

Gli impianti elettrici industriali sono impianti più complessi rispetto a quelli civili (o residenziali). Vediamo le differenze e come devono essere realizzati!

Gli impianti elettrici industriali sono impianti leggermente più complessi rispetto a quelli civili (o residenziali). Ciò si deve in parte al funzionamento di macchinari complessi presenti nell’azienda e in parte al fatto che devono essere progettati e realizzati secondo norme più rigide rispetto agli impianti elettrici di un’abitazione.

Come per qualunque intervento pensato per durare a lungo e realizzato in totale sicurezza, anche per gli impianti elettrici industriali i materiali utilizzati devono essere di qualità e a marchio IMQ. IMQ è la società italiana di prove e certificazioni per la sicurezza e la qualità di prodotti e aziende che, da più di 50 anni, si occupa di verificare e certificare la non pericolosità dei materiali e degli apparecchi elettrici e a gas. I prodotti sono pertanto sottoposti a rigorosi controlli e continui esami; la società rilascia infatti il marchio IMQ solo a quelli che risultano pienamente in regola con le norme di sicurezza e affidabilità.

Per progettare un impianto elettrico industriale che sia a regola d’arte, è necessario garantire la massima protezione delle persone dai contatti diretti ed indiretti. È d’obbligo fissare correttamente coperture e barriere sulle parti attive. Le coperture per impianti industriali devono poter durare nel tempo e resistere all’usura e alle condizioni ambientali, quindi anche qui valgono le stesse indicazioni sui materiali di qualità.

La norma generale CEI 64-8 prevede che siano sempre presenti gli interruttori differenziali (dispositivi di sicurezza in grado di interrompere il flusso elettrico di energia in un circuito elettrico di un impianto elettrico in caso di guasto). Per proteggere le persone dai contatti indiretti invece, la messa a terra dev’essere collegata alle parti metalliche dell’impianto con conduttori di protezione.

Gli impianti elettrici, industriali o domestici, sono delle attrezzature estremamente delicate. Si richiede perciò una particolare attenzione in fase di progettazione, realizzazione e installazione.

Le normative vigenti per l’utilizzo e l’installazione degli impianti sono:

  • la legge 186/68– “tutti i materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici devono essere realizzati e costruiti a regola d’arte”
  • il DL 81/08, sulla sicurezza dei luoghi di lavoro
  • la legge 791/77, sulla responsabilità del costruttore

 

Per l’impianto elettrico della tua azienda non affidarti a elettricisti improvvisati; scegli solo chi può garantirti un servizio che possa durare nel tempo, che non metta in pericolo la vita delle persone e che sia a norma di legge!


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Studio di progettazione: cosa cambia nel progetto di fattibilità per gli appalti pubblici

Il processo edilizio di un’opera pubblica si suddivide in una serie di fasi cui la progettazione rappresenta quella iniziale e il progetto di fattibilità tecnica ed economica (ex progetto preliminare) il punto di partenza.    Progetto di fattibilità: cosa dice il Nuovo Codice Appalti   La progettazione, ossia la fase in cui vengono individuate le caratteristiche ed il contenuto dell’opera, in materia di lavori pubblici si articola, secondo tre li [...]

Continua a leggere

Sismabonus per l’acquisto di case antisismiche: novità della Legge di Bilancio 2020

Che cos’è il Sismabonus e chi ne può beneficiare? Con la Legge di Bilancio 2020 ci sono alcune novità interessanti da valutare.

L’articolo 46-quater del DL 50/2017 ha esteso il Sismabonus anche agli acquisti di unità immobiliari antisismiche, non soltanto agli interventi di messa in sicurezza.
Chi compra unità immobiliari in uno dei Comuni in zona a rischio sismico 1, 2 o 3 può beneficiare di una detrazione del 75% o dell’85% del prezzo di vendita, fino a un imposto massimo di 96mila euro, purché l’immobile sia ceduto, entro i 18 mesi dalla fine lavori, dall’impresa di co [...]

Continua a leggere

Condizionatori su misura, un lavoro da professionisti

Per avere prestazioni ottimali e risparmiare sul costo dell’energia, un impianto di climatizzazione industriale dovrebbe essere realizzato su misura!

Installare un impianto di climatizzazione in un capannone industriale non è esattamente come installarlo in casa: per fare in modo che l’impianto funzioni e renda al massimo, occorre che venga effettuato uno studio dell’ambiente e delle sue necessità, per poi letteralmente progettare un impianto che possa rispondere alle esigenze ambientali e di lavoro.
Condimax Impianti Srl, leader in Italia per la progettazione e lo sviluppo di sistemi di condi [...]

Continua a leggere