Economia e Lavoro

Ingegneria navale: gli acciai speciali per la costruzione di grandi chiatte

Nel campo delle costruzioni navali civili, per quel che riguarda gli acciai speciali, non ci sono applicazioni di tipo particolare, a meno di qualche porta/boccaporto, sensibile all’effrazione o a qualche parte di ponte con caratteristiche di resistenza all’usura. Il fasciame è costruito con lamiere con caratteristiche di media tenuta e collaudate secondo enti di controllo Nazionale e le sovrastrutture sono costruite con doti di robustezza ma niente di più sofisticato.

Invece le attrezzature sono le medesime che operano sulla terra ferma come gru di sollevamento, gru semoventi, porta containers, reach stacher, convogliatori, tramogge e così via. L’acciaieria in questo periodo sta facendo una ricerca sul possibile utilizzo degli acciai speciali per la costruzione delle grandi chiatte: per accrescere la capacità di portata e diminuire il peso della costruzione.

Soprattutto nel nord Europa navigano tantissime chiatte a motore o a spinta che trasportano ogni tipo di merce, dalle derrate alimentari, agli inerti per costruzione, fino ai rifiuti urbani. I volumi o le masse trasportate sono contenuti in chiatte di grandissima portata ma sempre più pesanti. Lo studio e la campagna di informazione sta procedendo e sono stati costruiti alcuni prototipi per agenzie olandesi.

Altre applicazioni con gli acciai antiusura sono state sperimentate e consolidate nel settore della pesca pelagica, su pescherecci di dimensione medio grande, relativamente ai distanziali di certe reti da pesca a strascico, di notevoli dimensioni. Però i quantitativi impegnati in questo settore non valgono una ricerca di mercato, dato che piccoli fornitori locali, sono già una risorsa sufficiente.

L'ingegneria navale è un ramo dell'ingegneria che si occupa della progettazione, della costruzione e del mantenimento in esercizio dei mezzi navali.

 

Ingegneria Navale

L'ingegneria navale è un ramo dell'ingegneria che si occupa della progettazione, della costruzione e del mantenimento in esercizio dei mezzi navali. Nell'ingegneria navale è possibile distinguere tre aree separate:

  • l'Architettura Navale, cioè lo studio delle forme idrodinamiche dei mezzi navali come navi, battelli, imbarcazioni di vario tipo, sottomarini o mezzi offshore,
  • la Costruzione Navale, che si dedica allo studio e alla progettazione delle strutture,
  • l'Allestimento e Propulsione, che si occupa degli impianti di bordo in genere.

L'ingegneria navale vede il suo impiego in diversi settori: mercantile, passeggeri, militare, diporto ed altri. Questa distinzione non è banale in quanto, a seconda dell'impiego del mezzo navale, variano chiaramente struttura, materiali impiegati e impianti.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Progettare una scaffalatura: cosa serve?

Le regole che definiscono e stabiliscono gli standard per l’installazione e l’utilizzo di sistemi di scaffalature metalliche ed industriali sono inserite all’interno del documento EN 15635:2008, elaborato dal Comitato Europeo per la Standardizzazione nell’ambito del tavolo tecnico 344.
La segreteria è stata affidata quindi all’Uni, Ente Nazionale di Normazione.
Le norme, valevoli per i paesi all’interno dell’Unione Europea e per quelli dell’EFTA [...]

Continua a leggere

Il nuovo centro di tornitura con torretta inferiore: scopriamo PUMA SMX

Doosan Machine Tools ha recentemente annunciato che i suoi centri di tornitura super multitasking PUMA SMX sono ora disponibili con in dotazione una torretta inferiore che possa aumentarne la versatilità e la produttività.
La torretta sarà disponibile per entrambi i modelli con mandrino da 10 "(PUMA SMX2600ST) e con mandrino da 12" (PUMA SMX3100ST).
Facciamo un passo indietro.
La serie PUMA SMX di Doosan è un centro di tornitura multitasking a do [...]

Continua a leggere

Decodificare al meglio il ciclo di lavoro dei compressori

Diverse tipologie di compressori, come per esempio quelli a vite e quelli centrifughi, sono sviluppati per funzionare in continuazione e a velocità massima, pur mantenendo il flusso d'aria di picco.
I loro motori e i loro sistemi di raffreddamento sono dunque progettati per operare al 100% nel tempo e senza pericolo di surriscaldamento.
Tuttavia, questo non vale per tutte le tipologie di compressori.
Nel caso ad esempio dei compressori a pistoni, [...]

Continua a leggere