Ambiente e Natura

Insieme per il clima. Al G7 ambiente di Bologna, e con Banca Interprovinciale

Due giorni di incontri per decidere le misure migliori per soccorrere il clima. Domenica 11 e lunedì 12 giugno 2017, a Bologna, si è svolto il G7 Ambiente. Organizzato in occasione della presidenza italiana, che ha portato le grandi potenze mondiali a incontrarsi dapprima a Firenze per parlare di cultura, quindi a Taormina per il meeting principale, quindi nella città emiliana per parlare della Terra, ormai da decenni in costante pericolo.

Un tema più che mai complesso, in particolare da quando gli Stati Uniti, per volontà del nuovo presidente Trump, hanno deciso di abbandonare gli Accordi di Parigi, sanciti durante la Conferenza sul Clima del 2015, che si è svolta nella capitale francese, e fortemente voluti dall'ex-presidente Obama. Nonostante tutto, però, le altre potenze riunite nel G7, ovvero Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Canada e Giappone, insieme agli stessi Stati Uniti, avranno un'occasione in più per confrontarsi sulle politiche ambientali necessarie per migliorare la tragica situazione in cui versa, oggi, il nostro pianeta, specialmente in vista della prossima Conferenza (a Bonn, Germania, il prossimo novembre) e dell'Agenda ONU 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

È stato proprio il tentativo di ricucire lo strappo degli USA al centro della discussione, nella speranza di poter firmare un documento comune, in grado di incontrare le idee di Washington con le esigenze ambientali. I principali temi di discussioni sono stati: i rifiuti in mare, le tasse, il riciclo.

L'ambiente, una vera e propria emergenza che dipende, dunque, da accordi internazionali, ma alla cui risoluzione si può contribuire semplicemente, con qualche accorgimento che non richiede né perdite di tempo né costi aggiuntivi. Lo sa bene Banca Interprovinciale, che da sempre si è fatta promotrice di uno stile di vita "green-oriented", puntando su filiali efficienti dal punto di vista dell'energia, sulla dematerializzazione dei documenti e su tante altre azioni che contribuiscono a rafforzare la sua missione verde quotidiana.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Rifiuti Speciali, cosa sono

L'avanzare del progresso e dell'industria ha portato innumerevoli vantaggi da diversi punti di vista, tuttavia ha portato anche alla creazione di rifiuti di ogni tipo, tra cui anche alcuni pericolosi per la stessa salute umana.
E' solo negli ultimi decenni, comunque, che autorità ed aziende hanno cercato di controllarne la produzione e un corretto stoccaggio di questi, anche grazie a società specializzate nello smaltimento rifiuti speciali a Roma [...]

Continua a leggere

Rifiuti, quelli più difficili da smaltire

Da alcuni decenni a questa parte, fortunatamente, il problema dei rifiuti e del loro corretto smaltimento è divenuto una delle priorità delle amministrazioni centrali e soprattutto locali.
Queste si stanno sempre più impegnando, assieme a diverse società che offrono consulenza rifiuti a Roma o in altre località, come la Nova Ecologica nella Capitale, nel favorire la raccolta differenziata e il riciclo della maggiore quantità possibile di material [...]

Continua a leggere

La Francia Concede Concessioni per Miniera d'Oro nella Foresta Amazzonica

Il sito minerario sfrutterebbe le risorse aurifere della Guiana

La Francia sta per aprire un altro sito minerario che sfrutterebbe le risorse aurifere della Guiana.
Al di la dei proclami e delle iniziative ufficiali che vedano la Francia tra i paesi occidentali che vorrebbero ridurre l'inquinamento climatico la realtà è ben diversa.
Un eredità proveniente dalla colonizzazione francese dell’Amazzonia risalente al XX secolo, ecco il territorio per lo più ricoperto dalla foresta amazzonica che il governo frances [...]

Continua a leggere