Ambiente e Natura

Insieme per il clima. Al G7 ambiente di Bologna, e con Banca Interprovinciale

Due giorni di incontri per decidere le misure migliori per soccorrere il clima. Domenica 11 e lunedì 12 giugno 2017, a Bologna, si è svolto il G7 Ambiente. Organizzato in occasione della presidenza italiana, che ha portato le grandi potenze mondiali a incontrarsi dapprima a Firenze per parlare di cultura, quindi a Taormina per il meeting principale, quindi nella città emiliana per parlare della Terra, ormai da decenni in costante pericolo.

Un tema più che mai complesso, in particolare da quando gli Stati Uniti, per volontà del nuovo presidente Trump, hanno deciso di abbandonare gli Accordi di Parigi, sanciti durante la Conferenza sul Clima del 2015, che si è svolta nella capitale francese, e fortemente voluti dall'ex-presidente Obama. Nonostante tutto, però, le altre potenze riunite nel G7, ovvero Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Canada e Giappone, insieme agli stessi Stati Uniti, avranno un'occasione in più per confrontarsi sulle politiche ambientali necessarie per migliorare la tragica situazione in cui versa, oggi, il nostro pianeta, specialmente in vista della prossima Conferenza (a Bonn, Germania, il prossimo novembre) e dell'Agenda ONU 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

È stato proprio il tentativo di ricucire lo strappo degli USA al centro della discussione, nella speranza di poter firmare un documento comune, in grado di incontrare le idee di Washington con le esigenze ambientali. I principali temi di discussioni sono stati: i rifiuti in mare, le tasse, il riciclo.

L'ambiente, una vera e propria emergenza che dipende, dunque, da accordi internazionali, ma alla cui risoluzione si può contribuire semplicemente, con qualche accorgimento che non richiede né perdite di tempo né costi aggiuntivi. Lo sa bene Banca Interprovinciale, che da sempre si è fatta promotrice di uno stile di vita "green-oriented", puntando su filiali efficienti dal punto di vista dell'energia, sulla dematerializzazione dei documenti e su tante altre azioni che contribuiscono a rafforzare la sua missione verde quotidiana.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Rifiuti speciali: cosa sono e come trattarli

Ogni giorno, utilizziamo una miriade di oggetti, che nonostante siano tipici della nostra quotidianità, se non smaltiti correttamente, possono rappresentare un potenziale pericolo, oltre ad essere, altamente inquinanti.
Questi oggetti sono detti appunto, rifiuti speciali o particolari.
Fanno parte di questo genere di rifiuti, anche tutti quei materiali, a cui è dedicata una raccolta particolare, che si differenzia dai classici contenitori, dati p [...]

Continua a leggere

L’Escursionista

Sentieri di montagna

L’Escursionista è una libreria che dal 1996 offre agli appassionati della montagna il meglio della produzione editoriale del settore.
Gli utenti non hanno che l’imbarazzo della scelta tra volumi specifici per chi ama l’alpinismo, il trekking, la speleologia, l’escursionismo, il cicloturismo, il torrentismo nonché manuali, carte topografiche e dvd, per citarne alcuni.
È possibile navigare tra le diverse macro aree presenti sul sito www.escursionis [...]

Continua a leggere

Rifiuti Speciali, cosa sono

L'avanzare del progresso e dell'industria ha portato innumerevoli vantaggi da diversi punti di vista, tuttavia ha portato anche alla creazione di rifiuti di ogni tipo, tra cui anche alcuni pericolosi per la stessa salute umana.
E' solo negli ultimi decenni, comunque, che autorità ed aziende hanno cercato di controllarne la produzione e un corretto stoccaggio di questi, anche grazie a società specializzate nello smaltimento rifiuti speciali a Roma [...]

Continua a leggere