Motori > Moto

Interfono moto: quali sono i modelli in commercio?

Un piccolo dispositivo può trasformare il viaggio in moto in un’esperienza unica: parliamo dell’interfono, un sistema per la comunicazione che si connette al casco.

Fino a qualche tempo fa, viaggiare in moto significava isolarsi dal resto del mondo. Certo, c’era sempre il suono del motore e la bellezza del paesaggio a fare compagnia, ma le comunicazioni tra persone erano molto difficili se non praticamente impossibili, quando si trattava di prendere in mano uno smartphone, ad esempio.

Poi, sono arrivati gli interfoni per moto, che hanno finalmente permesso una comunicazione più rilassata tra pilota e passeggero e tra più piloti, senza dover ricorrere necessariamente alle pantomime e a quel gesticolare convulso che molto motociclisti mettono in atto per farsi capire dai compagni.

Gli interfoni, infatti, permettono di parlare con il passeggero e con gli altri rider, rispondere al telefono e ascoltare la musica o le indicazioni del GPS, senza mai perdere di vista la strada. Se, da una parte, la solitudine del motociclista gli permette di instaurare un rapporto con il viaggio in sé stesso e con tutto ciò che incontra per strada e ha certamente un non so che di romantico, d’altra parte, la possibilità di scambiare qualche parola con altri esseri umani e rispondere a una telefonata sono elementi di cui ormai le persone non possono più fare a meno.

I sistemi di comunicazione come l’interfono cambiano radicalmente il modo di vivere qualsiasi spostamento, e averne uno è un’opportunità da non sottovalutare, soprattutto se volete fare telefonate in sicurezza.

Tipologie di interfono: quale è la migliore?

Le principali tipologie di interfono per moto sono 3.

Interfono penumatico

È quello più semplice e più economico e permette solo la comunicazione con il passeggero. Non ha centralina e batterie, per cui la trasmissione della voce avviene attraverso dei tubicini che collegano fra di loro i caschi. Un po’ come quando da bambini giocavamo al gioco del telefono collegando due bicchieri allo stesso filo, questo interfono rende impossibile qualsiasi comunicazione in situazioni in cui il rumore di sottofondo è grande, tipo in autostrada. Inoltre, la connessione con i tubi è un vincolo tra pilota e passeggero, che dovranno sganciarsi a ogni sosta.

Interfono a cavo

Il secondo tipo di interfono è quello a cavo: si tratta di un kit per pilota e passeggero che comprende una centralina con le batterie ed è il cuore del sistema (si mette nella tasca della giacca durante gli spostamenti), le cuffie che vanno inserite all’interno del casco e il microfono (a filo per caschi integrali o ad asta per i modelli jet). Il segnale audio viene trasmesso dalla centralina alle cuffie tramite i fili, quindi, anche in questo caso, pilota e passeggero sono vincolati. Grazie a questo interfono si può ascoltare anche della musica, collegando via cavo un classico lettore MP3. I comandi della centralina sono semplici da azionare, anche indossando i guanti. Questi interfoni si trovano a un buon prezzo, ma è un sistema scomodo per via dei fili, che possono interferire nei movimenti tra pilota e passeggero e non consente la comunicazione con altri rider. Altro difetto: questi interfoni dialogano con gli smartphone solo via cavo.

Interfono Bluetooth

Un prodotto versatile e comodo è la terza tipologia di interfono, quello con tecnologia Bluetooth. Questo consente di parlare con il passeggero e altri motociclisti, telefonare, ascoltare il navigatore, la radio, la musica dallo smartphone. Il prezzo è sicuramente superiore rispetto agli altri interfoni, ma la qualità è senza dubbio di un altissimo livello!

I kit in vendita sono composti, di norma, da una centralina da applicare sul casco, gli auricolari e il microfono ad asta e a filo. Nella scatola c’è anche il caricabatterie, che sulla maggior parte dei modelli prevede un’uscita micro USB o nano USB da collegare alla centralina.

L’installazione dell’interfono Bluetooth è abbastanza semplice. Con un peso contenuto, dimensioni compatte ed essendo senza fili, la presenza del sistema non influisce sul casco. I pulsanti, solitamente, si trovano sulla centralina; comodi, se presenti, i comandi vocali, tanto che per accettare una chiamata o dialogare con un altro dispositivo non si tolgono le mani dal manubrio.

Il vantaggio di questi modelli è che consentono di comunicare con altri sistemi dotati della medesima tecnologia; sui modelli più recenti è inoltre possibile mettere in collegamento più centraline per creare una vera e propria rete. Quest’aspetto è da tenere presente qualora si viaggi con altri motociclisti, se tutti dotati di questo sistema di comunicazione parlarsi durante i trasferimenti sarà semplicissimo.

Negli ultimi anni l'offerta si è ampliata, ma se si vuole un prodotto di qualità che funzioni bene sempre e ovunque, meglio puntare su marchi che hanno una tradizione consolidata e offrono la garanzia di prodotti robusti, affidabili che possono durare nel tempo.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Noleggio auto a lungo termine di vetture e veicoli commerciali

Gimax, dal 1988 protagonista nel noleggio a breve termine di auto e furgoni, si è strutturata per offrirti anche il servizio di noleggio a lungo termine.
Grazie ai suoi successi commerciali e alla copertura territoriale, la Gimax collabora con i principali noleggiatori a lungo termine italiani, riuscendo sempre a trovare la giusta soluzione al giusto prezzo per le tue esigenze di mobilità.
Devi cambiare auto e non sai se optare nuovamente per l’a [...]

Continua a leggere

Controllare la storia di un veicolo usato: ecco come fare

Non commettere errori! Ecco come comportarti prima di acquistare un veicolo usato e come controllare la storia del mezzo.

Se sei intenzionato ad acquistare un’auto usata, scoprire la storia del veicolo è un fattore di fondamentale importanza.
Secondo recenti dati statistici, sono circa un terzo le autovetture controllate che nascondono qualche insidia e, nel caso peggiore, la storia nascosta potrebbe comportare la perdita dell’auto, senza che tu ottenga nemmeno un centesimo della cifra che hai pagato.
Quali informazioni mostrerà un controllo del veicolo? Un controll [...]

Continua a leggere

E-bike: come scegliere il motore più adatto ai tuoi bisogni

La scelta del motore della bici elettrica è fondamentale e dipende dal tipo di utilizzo che si fa del mezzo. Ecco le migliori soluzioni su strada urbana e per trekking.

La crescita del settore biciclette elettriche sta invogliando un numero crescente di nuovi adepti ad entrare nel mondo della viabilità su due ruote.
Per i meno esperti dell’ambito, selezionare la bici a pedalata assistita più adatta non è una questione semplice.
La prima scelta da compiere riguarda la tipologia di motore che meglio si sposa alle proprie esigenze di mobilità e qui le alternative sono in tutto tre: il motore centralizzato, l’hub mo [...]

Continua a leggere