Economia e Lavoro > Finanza

Investire in un paradiso fiscale

Si sente spesso parlare di come si guadagnino soldi facilmente e senza particolari sforzi investendo in uno dei tanti paradisi fiscali. Ma si può davvero diventare ricchi? E come si investe in un paradiso fiscale?

 

Come funzionano i paradisi fiscali

I paradisi fiscali identificano dei territori nel mondo dove la tassazione è molto bassa e le regole per gli investimenti stranieri sono poco trasparenti o addirittura inesistenti. In particolare, i paradisi fiscali sono delle zone d'ombra dove gli speculatori creano società off-shore per poter sfuggire al pagamento delle tasse e non giustificare i propri profitti, insomma una scappatoia per chi vuole guadagnare tanti soldi e in pochissimo tempo. Nel paradiso fiscale vige il segreto bancario quindi è quasi impossibile che il fisco o le autorità giudiziarie scoprano l'ammontare dei capitali investiti e chi è l'intestatario del conto off-shore, la domanda che molti si pongono é: Perché non tutti investono nei paradisi fiscali, visti i numerosi vantaggi che ne derivano? La risposta è molto semplice, è illegale non pagare le tasse e trasferire denaro all'estero senza dichiararli.
 

Quali sono i paradisi fiscali più redditizi

Se in ogni caso si vuole correre il rischio di investire in un paradiso fiscale, ci sono alcuni paesi in cui è molto più conveniente trasferire i propri soldi rispetto ad altri. La convenienza del paradiso fiscale dipende da alcune contingenze politiche e dalle agevolazioni fiscali, infatti gli Stati dove non vi è una forma di governo stabile è più permeabile a favorire l'ingresso di capitali stranieri. Alcuni piccoli Stati come le isole dell'Oceania o dei Caraibi hanno dei regimi fiscali agevolati grazie al numero limitato di abitanti e alla poca estensione territoriale, diventando così terreno fertile per gli speculatori d'oltreoceano. Anche in Europa vi sono dei paradisi fiscali (Principato di Monaco, Malta, Lussemburgo) ma sono adatti a speculatori che investono ingenti somme e soprattutto la UE sta cercando di stipulare degli accordi per eliminare le agevolazioni fiscali e ridurre l'evasione.
 

Come investire in un paradiso fiscale

Ma quali sono i primi passi per investire in un paradiso fiscale? Innanzitutto bisogna scegliere il sito dove creare una società offshore, ne esistono diversi e si affidano tutti a consulenti legali che operano direttamente nei paradisi fiscali. Per aprire una società offshore non servono molti dati, basterà investire un capitale e fornire un documento di identità dove si evince il paese di residenza, è normale che se non si vuole figurare in prima persona è opportuno usare i documenti di terze persone. In pratica è tutto molto semplice, ma nella realtà bisogna essere spregiudicati e soprattutto essere pronti a rischiare sia il capitale investito che i futuri guadagni.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Definizione di fair value

L’ espressione fair value significa letteralmente “valore equo”, ma assume sfumature di significato diverse a seconda degli ambiti di applicazione.
Nei bilanci che adottano i principi contabili IAS/IFRS, il fair value si definisce come il valore corrispettivo a cui un’attività può essere scambiata durante una libera transazione tra le parti.
Quali soni i principi contabili internazionali con l’uso del fair value I principi contabili internazional [...]

Continua a leggere

La complessità degli investimenti

Investire, in generale in obbligazioni, titoli di stato e ancora nei ben più famosi BTp di cui si parla tanto oggi, risulta quanto mai complicato, il mercato economico è quello che detta le gole ma il rendimento BTP globale non si trova in equilibrio stabile ma al contrario risulta in caduta da circa 30 anni, con costanti oscillazioni, presenti in particolare negli ultimi anni.
I rendimenti di un bond riflettono tre elementi: il primo è il livell [...]

Continua a leggere

Prezzo Oro e Argento secondo la Relazione GSR

Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.

L'argento è da sempre considerato l' alter ego povero dell'oro, il metallo prezioso più comune da utilizzare per dare valore a monete, oggetti e gioielli.  Sul mercato dei metalli preziosi esiste un parallelismo che accomuna le quotazioni di oro e argento, una relazione conosciuta anche come gsr ovvero gold silver ratio.
Secondo questa relazione tra argento e oro esiste una proporzione attraverso la quale si può stabilire se i prezzi dei singoli [...]

Continua a leggere