Economia e Lavoro > Finanza

Investitori in fuga, la colpa è del Covid-19 che ha innescato un mix esplosivo

La pandemia dichiarata ormai ufficialmente dall'OMS è alla base di diversi fattori di criticità per il mercato

Speculazione o no, ci sono pochi dubbi che i mercati siano alle prese con diversi fattori di stress che stanno interagendo, facendo precipitare la situazione. Usando una metafora marittima, gli investitori parlano di "tempesta perfetta". E non c'è settore che non sia coinvolto: valutario, azionario, obbligazionario. Tantissime spine, poche rose.

I fattori che scatenano la fuga degli investitori

Sullo sfondo di tutto c'è il Covid-19, perché è chiaro che la pandemia sia il fattore principale da cui - a cascata - sono venuti giù tutti gli altri. Gli investitori leggono quotidianamente quello che è sempre più un bollettino di guerra. Soltanto in Italia i contagi sono stati più di 10mila. E siccome siamo il primo paese occidentale nel quale si è diffuso largamente il contagio, si teme che tutti gli altri seguiranno la stessa sorte. La pandemia più recente risale a 12 anni fa, quandos coppiò il virus H1N1 (100.000 e i 400.000 decessi a livello globale nel solo primo anno).

Meno consumi, meno petrolio

Il panico da Covid-19 ha innescato altri fattori di fuga per gli investitori. Fattori concatenati tra loro, con un impatto complessivo che quindi risulta aumentato. Il calo del petrolio ad esempio, per via della diminuzione dell'attività economica globale. Si sperava che l'OPEC potesse intervenire, ma la Russia si è messa di traverso, facendo così scoppiare una guerra dei prezzi che va nella direzione esattamente opposta a quella sperata. Infatti anzoché esserci un taglio di 1,5 milioni di barili al giorno, la produzione mondiale salirà di altrettanto. Il danno così è stato amplificato.

Il crollo dell'azionario

Un altro fattore di criticità è il mercato azionario. Fino a poche settimane fa volava ed era in piena euforia. Sono bastati pochi giorni per rovesciare in modo clamoroso il quadro. Da un mercato che viaggiava aggiornando di continuo i suoi record, si è passati a un mercato che fissa nuovi primati negativi storici (emblematico il crollo del 17% in un giorno di Piazza Affari). Speculazione? Anche sì, ma non si può pensare che sia solo colpa della piattaforme per scalping se i prezzi ballano in modo così isterico.

Questi fattori di stress, che si sommano ai consumi in calo, al rischio ora più che mai presente di default sovrani e privati, sono il mix esplosivo che ha innescato la tempesa perfetta sui mercati, spingendo gli investitori verso la fuga. Almeno di quelli che possono permetterselo, perché coloro che vi erano già invischiati prima che tutto questo accadesse, tremano al pensiero di quanto si sono ridotti i loro risparmi.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Ripresa economica, ciò che la sostiene oggi può renderla instabile domani

Per superare la crisi acuta da Covid, governi e banche centrali hanno spalancato i rubinetti del credito

Inutile girarci intorno, senza il forte sostegno delle banche centrali e l'indebitamento dei governi, la ripresa economica non sarebbe stata possibile a un passo così rapido (se di rapido si puà davvero parlare).
Ma tutto questo deve alimentare due preoccupazioni riguardo al futuro che ci aspetta.
I dubbi sulla ripresa economica La prima è cosa succederà se scoppiasse davvero una seconda e violenta ondata di contagi, oppure se la ricerca di un va [...]

Continua a leggere

Economia globalizzata e Covid, in futuro i paesi emergenti avranno un vantaggio

La ripresa economica richiederà un cambiamento che i paesi sviluppati avranno più difficoltà a implementare

La crisi santiaria provocata dalla pandemia da Covid ha colpito tutti i Paesi del mondo.
Si contano davvero sulle dita delle mani quelli che possono dire di essere usciti pressoché indenni da questa tragedia.
Gli effetti economici invece coinvolgono tutti quanti, per via dell'effetto a catena che caratterizza l'economia globalizzata.
Il futuro dell'economia globalizzata C'è però una forte differenza che caratterizza i sistemi economici, soprattut [...]

Continua a leggere

Stimoli fiscali per combattere Covid, ma le conseguenze saranno pesanti

Per combattere la crisi innescata dalla pandemia, i governi hanno fatto ricorso a misure straordinarie

Per rispondere alla crisi innescata dalla pandemia, oltre al massiccio intervento delle banche centrali, sono dovuti intervenire i governi di tutto il mondo.
La medicina per la crisi è stata cercata soprattutto negli stimoli fiscali.
Sostanzialmente lo Stato ha rinunciato in parte a quanto gli spetta (in realtà spesso ha spostato solo in là nel tempo), lasciando così il denaro nelle tasche dei cittadini, al fine i sostenere i consumi.
L'abuso nec [...]

Continua a leggere