Ambiente e Natura

Irrigazione delle piante: ecco come procedere!

Quando annaffiamo le nostre piante, non dobbiamo semplicemente pensare al fatto che stiamo dando loro semplicemente dell'acqua: infatti, attraverso l'irrigazione noi andiamo a donare alla nostra coltivazione anche una serie di sostanze nutritive, alcune ovviamente utili, altre che invece, accumulandosi, potrebbero creare problemi allo sviluppo.

Ecco perchè è fondamentale controllare attentamente l'irrigazione di una pianta, ed eventualmente creare delle soluzioni nutritive che, combinando una serie di sostanze ed elementi, garantiscano il corretto sviluppo durante le fasi di crescita. Ecco alcuni consigli per irrigare piante fatte crescere in casa.

Come annaffiare le piante in casa

Chiunque sa che come prima regola da seguire per l'irrigazione in generale, non bisogna lasciare il terreno troppo secco ma neanche troppo bagnato. Ovviamente non ci sono leggi universali, anche perchè bisogna considerare una serie di fattori come ad esempio:

  • il tipo di pianta
  • il tipo di substrato e di terreno
  • la temperatura dell'ambiente
  • il grado di umidità dell'ambiente

Se state coltivando in ambienti appositi come mini serre o grow room, l'ideale è andare ad irrigare almeno un paio di volte a settimane, facendo particolare attenzione durante i primi giorni. Per capire se è necessario bagnare il terreno, bisogna semplicemente andare a “tastare” il terreno, o meglio la superficie della terra e verificare al tatto se è secco o ancora ha un tasso di umidità tale da non dover procedere con l'irrigazione. Per una corretta irrigazione, dunque, oltre a sfruttare dei sistemi e degli strumenti efficaci per coltivare indoor, bisogna anche verificare la qualità dell'acqua impiegata.

Come “scegliere” l'acqua per le coltivazioni casalinghe

La scelta dell'acqua “giusta” è fondamentale per far assorbire alle piante i nutrimenti in maniera corretta. Quello che serve, per fare in modo che le piante non accusino problemi e patologie, è monitorare tre fattori:

  • il grado del PH
  • la temperatura
  • il grado di conducibilità elettrica (EC)

Garantire un PH corretto è il primo passo per fare in modo che le radici della pianta assorbano correttamente tutte le sostanze nutritivi che andiamo ad addizionare durante la fase di irrigazione. Per correggere il PH bisogna innanzitutto misurarlo attraverso un apposito strumento e capire se è troppo basico o troppo acido. Esistono dei prodotti che fungono proprio da correttori: l'obiettivo è cercare di raggiungere il valore ottimale compreso fra i 6,3 e i 6,8.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il cibo umido per cani di qualità

Molti di noi oggigiorno hanno un cane in casa, e di sicuro tutti ci siamo posti la domanda di quale sia il cibo migliore da dare al nostro cane, che sia arrivato da noi quando era un cucciolo oppure che sia già adulto, dato che siamo noi che gli forniamo il cibo dato che non può procurarselo da solo perchè vive in casa o in appartamento.
Qual è il miglior cibo per cani? La risposta a questa domanda dipende dal tipo di cibo che stai cercando e dal [...]

Continua a leggere

Tutto quello che c'è da sapere sui pannelli solari

I pannelli solari sono una forma sicura e totalmente sostenibile per accumulare energia.
Con il tempo, questa tecnologia si è sviluppata e migliorata,  tanto che il tasso di  installazione di pannelli solari sta aumentando di anno in anno anche in Italia.
L’investimento iniziale di acquisto e posizionamento è infatti molto basso, e si ha la sicurezza di avere energia sufficiente per riscaldare l’acqua sanitaria.
Analizzando più nello specifico gl [...]

Continua a leggere

Il fiume Tevere - Un lungo viaggio dalla Romagna

Un fiume storico che ha accompagnato una grande civiltà

Il lungo viaggio Il prestigioso fiume che tutti noi siamo soliti associare alla Capitale trova origine nell’Appennino tosco-romagnolo.
È dal Monte Fumaiolo infatti che esso sfocia per giungere fino a Roma; con i suoi 405 km di lunghezza è il terzo fiume più lungo d’Italia.
Ora che abbiamo dato un’occhiata “da lontano”, scendiamo più nel dettaglio per conoscere da vicino la storia di questo fiume incredibile.
Le origini del nome La storia ci racco [...]

Continua a leggere