Servizi

L'importanza del microchip per i cani

Il cane viene definito da sempre  il miglior amico dell’uomo e rappresenta l’animale domestico per eccellenza, tanto da essere presente in  una casa su due.
Nel corso degli anni la cura e la sicurezza degli animali, in particolar modo dei cani, hanno subito una netta regolamentazione cominciata con i tatuaggi identificativi e proseguita con l’installazione dei microchip.

La legge, che obbliga tutti i padroni ad installare un microchip nel cane di qualsiasi razza e dimensione, risale al 2005 ed è conseguente alla creazione nel 1991 di un’anagrafe regionale per cani dove è possibile scoprire tutte le informazioni sull’animale che andiamo ad acquistare o che ci viene regalato.

Per quel che riguarda l’installazione di microchip nel cane ci sono delle regole ferree. Il padrone deve essere maggiorenne e incensurato e la residenza deve essere nella Regione di competenza dell’Asl e del veterinario che andranno a impiantare il microchip nel cane.

Il microchip può essere impiantato solo da quei veterinari autorizzati dalla Regione e dall’Asl e non presenta un costo particolare, infatti  si paga solamente la visita di base dal veterinario.
Con lo sviluppo del microchip i padroni hanno avuto diversi vantaggi come ad esempio  quello che in caso di cani smarriti,  si può rintracciare attraverso il microchip in cui sono inseriti i suoi dati. Questo inoltre  può scoraggiare anche qualche furbetto che durante l’estate vuole abbandonare il suo cane, visto che dal microchip è possibile risalire al padrone.

Attraverso il microchip possiamo essere informati su tutto quello che riguarda l’animale, comprese malattie precedenti e se per caso non è stato sottoposto a delle specifiche vaccinazioni.
Come funziona il microchip per cani
Il microchip è una capsula di vetro biocompatibile che presenta una misura di circa  11x2 mm, che non provoca nessun danno al cane.

Questo presenta una tecnologia R.F.ID ( Radio Frequency Identification) che permette ai veterinari abilitati, attraverso l’emissione di onde radiofrequenza, di leggere con un particolare lettore  il codice numerico a 15 cifre dove è contenuta la storia del cane, dalla sua nascita  a quelli che sono stati  i suoi relativi padroni.

Il microchip per cane viene inserito con un’iniezione sottocutenea nella zona laterale sinistra del collo,  la puntura viene fatta con siringa monouso e non provoca nell’animale alcun dolore.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Piegatura lamiere: glossario dei termini

Quando parliamo di piegatura lamiere intendiamo un processo tra i più diffusi che permette di deformare fisicamente un materiale a proprio piacimento.
Per svolgere questa operazione si utilizzano strumenti che permettono di realizzare, nella gran parte dei casi, deformazioni permanenti, creando forme semplici o complesse a seconda delle esigenze.
Accanto a tipologie di lavorazione lamiera come stampaggio, coniatura e imbutitura, la piegatura dell [...]

Continua a leggere

Stegip 4 Communication

La Promozione con gli oggetti

Quando si decide di aprire un business è molto importante che i clienti inizino a familiarizzare con i vostri prodotti/servizi e a fidarsi degli stessi magari provandone l’efficacia.
Discorso ancora più importante è quando devi farti conoscere e farti strada tra brand più forti e affermati di te.
Lì è ancora più importante far provare ai clienti i tuoi prodotti Ovviamente la concorrenza spietata e la voglia di emergere sono i fattori che gli impr [...]

Continua a leggere

Outsourcing della logistica di magazzino: perché e come farlo

L’outsourcing della logistica di magazzino è una soluzione che può permettere alle aziende di migliorare il servizio e, allo stesso tempo, di risparmiare tempo e risorse.

Anche se la logistica di magazzino è una delle attività cruciali all’interno della supply chain, spesso, le aziende che devono ricorrervi non hanno le competenze o le risorse per poterla sviluppare in maniera adeguata, rischiando di compromettere la qualità del proprio operato.
  Fortunatamente, attraverso l’outsourcing (o esternalizzazione), è possibile affidare questo compito a terzi, affinché si occupino di ogni aspetto relativo ad esso, appli [...]

Continua a leggere