Edilizia e Costruzioni

L’importanza della progettazione e del montaggio del magazzino

Nelle moderne strutture di magazzino, non basta una progettazione attenta ed approfondita secondo i parametri tecnici delle norme di progettazione del settore. Occorre infatti tenere conto di un aspetto meno considerato ma altrettanto fondamentale: la corretta esecuzione del montaggio delle strutture. In questo ambito le regolamentazioni di riferimento si sono evolute e nel 2009 è stata pubblicata la nuova normativa europea UNI EN 15620, dal titolo “Sistemi di stoccaggio statici di acciaio - Scaffalature Portapallet - Tolleranze, deformazioni, interspazi”.

Questa norma, che subentra alla precedente linea guida, dà maggior risalto alle tolleranze sulle pavimentazioni che ospitano le strutture, catalogando in 4 classi (da 100 a 400) le varie tipologie di scaffalatura portapallet.

Le tolleranze di montaggio più “semplici” sono quelle legate alle strutture di classe 400, dove troviamo le classiche scaffalature portapallet. Nella classe 300 sono invece comprese le strutture portapallet servite da carrelli trilaterali, mentre a 200 e 100 troviamo le strutture servite da trasloelevatori.

Come è facile immaginare, le tolleranze di montaggio sono ovviamente più restrittive quando ci si avvicina alla struttura servita da trasloelevatore automatico, che necessita di una geometria assolutamente precisa, con tolleranze di verticalità, di allineamento e di flessione ridottissime. Da questi dati, si capisce quindi molto bene come un corretto e preciso montaggio sia fondamentale per soddisfare in pieno le esigenze molto ristrette imposte dalla presenza di sistemi automatici.

Passando invece ad analizzare le problematiche relative alle strutture autoportanti a grande altezza (che sono soggette al carico di neve e vento, oltre al sisma) le dinamiche di progettazione e montaggio arrivano ad assumere un ulteriore e massima rilevanza. È quindi di basilare importanza la precisa esecuzione del montaggio, soprattutto alla luce di un impiego della struttura in 3 situazioni classiche: nel tempo, utilizzata quasi sempre al limite delle sue capacità e con sollecitazioni affatto trascurabili.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Agenzie Immobiliari a Brescia: Curare la qualità della professione per ottenere maggiore credibilità

Migliorare la selezioni del personale e le competenze per lo svolgimento delle attività delle Agenzie Immobiliari

Gli immobili incominciano di nuovo a tirare il mercato a Brescia, nuovi modelli di business e siti Web stanno nascendo sostenendo che renderanno la professione più agevolata, infatti nuovi licenziatari si stanno presentando sul campo.  Cosa rende la professione un così grande obiettivo? Perché sempre più persone vogliono lavorare presso le Agenzie immobiliari a Brescia e diventare professionisti a tuttotondo in questo settore che esiste da tantis [...]

Continua a leggere

Autodesk Revit: molto di più di un semplice software per l'architettura

Realizzare opere architettoniche con Revit

Revit è un software intelligente che consente di pianificare, progettare, costruire e gestire edifici e infrastrutture.
Questo programma di architettura consente, avvalendosi di tavole di disegno (con vista 2D o 3D), di avere una rappresentazione specifica di ciascuna informazione proveniente dallo stesso modello di edificio virtuale.
Autodesck Revit è uno strumento di architettura, è uno strumento per ingegneri strutturali e per ingegneri MEP, m [...]

Continua a leggere

Recinzioni metalliche

Utilizzo delle murette prefabbricate come supporto

Le recinzioni metalliche presenti attualmente nel mercato, siano esse a moduli assemblabili, prefabbricate o costruite in opera, si possono  distinguere in svariati modelli colori e design e possono essere dotate di caratteristiche diverse, a tal proposito è importante poter scegliere la tipologia che si adatta maggiormente alle proprie esigenze, in modo tale da sfruttare al meglio tutte le qualità della tipologia di recinzione metallica scelta.
[...]

Continua a leggere