Salute e Benessere > Medicina

L'otoplastica può avere anche risvolti psicologici

L'otoplastica in estetica

Quando intervenire con un intervento di otoplastica

L'otoplastica è un intervento chirurgico che serve per eliminare eventuali inestetismi che riguardano le orecchie, come potrebbero essere le orecchie a sventola, quelle di dimensione eccessiva o con malformazioni. Per procedere al meglio, visto che comunque essendo un intervento chirurgico può avere delle complicazione anche se non gravi, è sempre bene rivolgersi a professionisti esperti. Gli interventi solitamente prevedono delle incisioni nella parte posteriore dell'orecchio, ma possono variare da caso a caso.

Intervento di otoplastica

Un intervento di otoplastica, essendo un operazione di chirurgia estetica oltre al risvolto estetico che svolge, è in grado anche di avere un effetto psicologico. Infatti riuscendo ad ottenere una fisionomia più vicina alle proprie esigenze, anche la mente gioverà dell'intervento. L'intervento di otoplastica in genere consiste nel rimodellamento della cartilagine ad una forma più consona al resto del volto, in modo da armonizzare i lineamenti. La cartilagine è un tessuto molto elastico e flessibile che presenta delle pieghe molto caratteristiche e che svolgono la funzione di incanalare il flusso di onde sonore nell'orecchio. Le orecchie a sventola sono una malformazione, solitamente spontanea, in cui l'angolo che forma il padiglione auricolare è eccessivo, in questo caso l'otoplastica riporta l'angolazione ad una misura normale. Gli interventi di otoplastica avvengono con anestesia locale e in regime di Day Hospital, con una dimissione dall'ospedale poche ore dopo l'intervento. L'intervento di otoplastica per le orecchie a sventola avviene con una piccola incisione dietro le orecchie, successivamente da questa zona viene asportata una piccola lonsanga di cute, così facendo si può modellare meglio la cartilagine. Successivamente all'intervento si dovrà tenere una fascia elastica per circa 1 giorni per consentire una perfetta cicatrizzazione.

Recupero post operatorio

Nelle primee 48 ore dopo l'intervento è opportuno un assoluto riposo, trascorso il quale si può tornare alla normale attività, evitando ovviamente gli eccessivi sforzi. Il bendaggio protettivo deve essere man tenuto per alcuni giorni, massimo una settimana. Successivamente è consigliato l'utilizzo di una fascia delicata che protegga le orecchie durante la notte per un tempo massimo di 6 settimane. Ovviamente sarebbe opportuno dormire senza appoggiarsi di lato. I capelli non andrebbero lavati fino a quando non venga tolto il bendaggio protettivo per mantenere una buona igiene delle ferite. Per quanto riguarda il ritorno ad attività fisiche i tempi sono variabili a seconda dello sport praticato e arrivano fino ad un massimo di 12 settimane di riposo per alcuni sport.

Rischi di un intervento di otoplastica

I rischi inerenti ad un intervento di otoplastica riguardano la possibilità di cicatrici evidenti dietro l'orecchio, di infezioni che si possono instaurare nella sede dell'incisione, una possibile asimmetria in casi di difficile soluzione o un'infiammazione della cartilagine.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

La chirurgia del polso

L'importanza di una corretta gestione post chirurgica

Su lachirurgiadelpolso.it trovi le risposte alle tue domande circa i dolori che avverti al polso e che non hai ancora deciso di iniziare a curare.
La tempestività di una diagnosi è infatti molto importante perché consente certamente un recupero più veloce ed evita che una situazione preesistente possa peggiorare o cronicizzarsi.
Quella del polso è infatti una struttura molto complessa, e le patologie che possono presentarsi possono interessare ar [...]

Continua a leggere

Riabilitazione della mano

Gli esercizi con la pallina sono veramente efficaci?

Ogni patologia che interessi la mano necessita di un adeguato trattamento riabilitativo con lo scopo di consentirle di acquisire nuovamente il miglior range articolare, nonché il massimo scorrimento tendineo.
Nel periodo immediatamente successivo all’immobilizzazione della mano o all’intervento chirurgico, il terapista dovrà gestire diverse problematiche relative alla patologia quali ad esempio una certa rigidità articolare o gonfiore della mano. [...]

Continua a leggere

La malattia di Peyronie

Cause e cure

La malattia di Peyronie è una patologia benigna che interessa il pene, della quale ancora si ignora l’origine.
In particolare, questa condizione altro non è che una alterazione del rivestimento del tessuto erettile, sulla quale si forma una placca che può essere facilmente scoperta al tatto.
Questa condizione è in grado di causare del dolore durante l’erezione a causa della deformazione all’asta del pene che essa comporta.
In determinati casi è p [...]

Continua a leggere