Economia e Lavoro > Professioni

L’utilità di un tampone per timbri

I timbri hanno avuto sempre un fascino tutto loro. Un essere umano deve poter esprimere il proprio estro creativo anche grazie a determinate forme e colori di ogni varietà. Esiste ogni tipo di timbro, però una stampa è caratterizzata dall’inchiostro usato per imprimere il disegno. Liquidi pigmentosi di diversi colori per stampare disegni grandi, scritte, marchi, loghi e quanto la mente umana possa immaginare. Chi è maldestro sa bene che le macchie sono in agguato, quindi ecco la genialata: il tampone di inchiostro. Se prima si usava stampare una forma usando scodelle e tamponando l’eccesso, con un semplice cuscinetto imbevuto si può andare avanti a timbrare all’infinito, o almeno, finché il timbro o il braccio resistono al movimento continuo e ai colpi dati!

Differenze reali tra un cuscinetto imbevuto e l’altro.

I tamponi per timbri non sono altro che dei dischi o dei rettangoli di vario materiale imbevuti di inchiostro colorato o inchiostro nero. Tutti adottano il principio della spugna, ossia assorbono il liquido e lo trattengono cercando di non farlo seccare del tutto, pronto per essere usato. Non è tanto il materiale di un tampone a migliorare o peggiorare lo stampo, quanto la tipologia dell’inchiostro e alcuni accorgimenti da adottare, onde evitare di combinare dei disastri.  Prima di tutto, dipende quale superficie deve essere impressa: esistono tamponi per timbri già imbevuti con l’apposito inchiostro, dai cosiddetti tamponi all-purpouse ( tutti gli usi) al tampone per disegno, con inchiostro atossico adatto ai bambini (e soprattutto lavabile, caratteristica da non sottovalutare). Esistono anche i cuscinetti per timbro autoinchiostrante, da sostituire qualora il tratto risultasse sbiadito, e la grande novità, ossia il kit per timbrare, composto da timbro personalizzato, boccetta di inchiostro, tampone rettangolare. In pratica, si versa una piccola quantità di inchiostro sul tampone per impregnarlo e lo si può ricaricare fino a quando la gomma non si lacera per l’usura. Decisamente un’idea adatta a chi predilige il riciclo.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Un gioiello per le cucine di classe: l’affettatrice di design

Il design arriva in cucina con l’affettatrice a volano vintage di Poligoni Design! Un vero oggetto per intenditori e professionisti che amano stupire amici e clienti.

L’affettatrice è un oggetto entrato a far parte della nostra vita di tutti i giorni: da strumento usato in bottega o al supermercato dal salumiere, oggi l’affettatrice è sempre più diffusa anche nei locali che somministrano alimenti e anche nelle case degli italiani.
Soprattutto negli ultimi due casi, la ricercatezza e l’artigianalità dei modelli influiscono moltissimo sulla scelta dei possibili acquirenti: dovendo comprare uno strumento che sia [...]

Continua a leggere

Ecco Guudcure, il nuovo brand skin care di HSA Cosmetics

Dal laboratorio di HSA Cosmetics nasce il rivoluzionario brand skin care che fonde la filosofia Healthy Aging e Clean Beauty: parliamo di Guudcure!

Guudcure, una buona cura della pelle: questa la filosofia alla base del brand ideato, prodotto e commercializzato da HSA Cosmetics, azienda italiana tra le più conosciute al mondo non solo per i propri brand skin care e hair care (Guudcure, Eslabondexx, Nuovelle e Silky), ma anche e soprattutto per la produzione nel proprio laboratorio cosmetico conto terzi di linee completamente personalizzate per altre aziende del settore.
  Guudcure, per una p [...]

Continua a leggere

Una gestione intelligente di tutte le fasi della logistica alimentare

Quando pensiamo alla terziarizzazione della logistica, pensiamo subito all’affidamento a terzi delle attività pratiche. Perché non affidare a terzi anche il management?

Il settore della logistica gioca un ruolo sempre più essenziale per rendere le aziende realmente competitive nei moderni mercati globali.
In particolare, nel comparto alimentare, dove il made in Italy è uno dei protagonisti assoluti, i fornitori di servizi logistici possono creare valore attraverso la qualità nella movimentazione delle merci, la contrazione dei tempi di consegna e il rispetto delle normative di sicurezza nei processi distributivi [...]

Continua a leggere