Economia e Lavoro > Professioni

L’utilità di un tampone per timbri

I timbri hanno avuto sempre un fascino tutto loro. Un essere umano deve poter esprimere il proprio estro creativo anche grazie a determinate forme e colori di ogni varietà. Esiste ogni tipo di timbro, però una stampa è caratterizzata dall’inchiostro usato per imprimere il disegno. Liquidi pigmentosi di diversi colori per stampare disegni grandi, scritte, marchi, loghi e quanto la mente umana possa immaginare. Chi è maldestro sa bene che le macchie sono in agguato, quindi ecco la genialata: il tampone di inchiostro. Se prima si usava stampare una forma usando scodelle e tamponando l’eccesso, con un semplice cuscinetto imbevuto si può andare avanti a timbrare all’infinito, o almeno, finché il timbro o il braccio resistono al movimento continuo e ai colpi dati!

Differenze reali tra un cuscinetto imbevuto e l’altro.

I tamponi per timbri non sono altro che dei dischi o dei rettangoli di vario materiale imbevuti di inchiostro colorato o inchiostro nero. Tutti adottano il principio della spugna, ossia assorbono il liquido e lo trattengono cercando di non farlo seccare del tutto, pronto per essere usato. Non è tanto il materiale di un tampone a migliorare o peggiorare lo stampo, quanto la tipologia dell’inchiostro e alcuni accorgimenti da adottare, onde evitare di combinare dei disastri.  Prima di tutto, dipende quale superficie deve essere impressa: esistono tamponi per timbri già imbevuti con l’apposito inchiostro, dai cosiddetti tamponi all-purpouse ( tutti gli usi) al tampone per disegno, con inchiostro atossico adatto ai bambini (e soprattutto lavabile, caratteristica da non sottovalutare). Esistono anche i cuscinetti per timbro autoinchiostrante, da sostituire qualora il tratto risultasse sbiadito, e la grande novità, ossia il kit per timbrare, composto da timbro personalizzato, boccetta di inchiostro, tampone rettangolare. In pratica, si versa una piccola quantità di inchiostro sul tampone per impregnarlo e lo si può ricaricare fino a quando la gomma non si lacera per l’usura. Decisamente un’idea adatta a chi predilige il riciclo.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Ferramenta in Italia, diffusione e prodotti

Nel nostro Paese se ne servono tante persone, dai professionisti fino ai semplici appassionati di bricolage e "fai da te", i negozi di ferramenta rappresentano un punto di riferimento per tutti coloro che devono svolgere lavori di vario genere e necessitano quindi di prodotti o utensili per effettuarli.
Si ritrovano dalle grandi città come Roma, come ad esempio con Tecnoferr nella Capitale, fino alle più piccole località della penisola.
Un tipo d [...]

Continua a leggere

Spedizioni isotermiche di farmaci: più sicurezza in 5 step

Come tutte le attività di logistica del freddo, anche le spedizioni isotermiche di farmaci devono essere organizzate alla perfezione.

Se la catena del freddo si chiama catena, un motivo c’è: ogni parte è collegata e la sicurezza dell’intero percorso dipende dalla capacità di ogni sua componente.
Questo vale anche per le spedizioni isotermiche di farmaci, trasporto davvero delicato e che rischia di avere effetti disastrosi se effettuato in modo scorretto.
  Vediamo quindi quali sono i passaggi fondamentali per realizzare un sistema di trasporto perfetto.
  Definire i passaggi lo [...]

Continua a leggere

Perché lo stipendio si può definire “salario”

Lo stipendio, ovvero la retribuzione che spetta ad un lavoratore dipendente, viene spesso definita anche con la parola “salario”.
Questo termine nasce da una parola latina, ovvero salarium, che significa razione di sale e anche indennità.
Questa è soltanto una delle parole che derivano da questa stupefacente etimologia e possiede anche un significato storico molto particolare, infatti, anticamente, ai tempi dell’Impero Romano, una parte dello sti [...]

Continua a leggere