Salute e Benessere > Medicina

La chirurgia maxillo facciale come branca della chirurgia estetica: scopi e benefici

La chirurgia estetica maxillo facciale ha il ruolo di risolvere alcuni problemi di natura funzionale legati a delle malformazioni della zona orale e del volto

La chirurgia estetica maxillo facciale ha il ruolo di risolvere alcuni problemi di natura funzionale legati a delle malformazioni della zona orale e del volto, migliorando nettamente la qualità della vita delle persone che si sottopongono a questo tipo di interventi.

Il Dott. Giuseppe Spinelli , direttore del reparto di Chirurgia Maxillo Facciale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi di Firenze, ci spiega quando è necessario rivolgersi allo specialista per effettuare una visita per effettuare la diagnosi e fissare l’intervento.

La chirurgia maxillo-facciale è una branca della chirurgia estetica specializzata nel trattamento delle zone del viso, del collo e del cavo orale: fronte, blefaroplastica, zigomi, rinoplastica, labbra, mento, otoplastica, chirurgia ortognatica, lifting facciale e lipofilling facciale.

Il chirurgo maxillo facciale interviene su queste zone in particolare, in quanto è ultra specializzato nel trattamento dei tessuti molli e delle ossa del viso e può intervenire sia a livello funzionale, ripristinando la funzionalità della parte, sia a livello estetico, lasciando cicatrici invisibili o nascoste.

Nel campo della chirurgia estetica, gli interventi specifici di chirurgia maxillo facciale vengono consigliati dallo specialista laddove si riscontrano casi di difetti o malformazioni dento-facciali, come possono essere il rimodellamento delle bozze frontali e la sospensione sopracciliare, oppure i trattamenti di aging face come la chirurgia oculo-palpebrale, oppure la correzione del mento, la correzione delle malposizioni ossee dei mascellari, o ancora la correzione delle orecchie sporgenti.

Non si tratta dunque esclusivamente di problematiche legate al cavo orale o ai denti, quanto più altre tipologie di deformità molto comuni il cui intervento, spesso eseguito in day-hospital e in anestesia locale, aiuta il paziente a migliorare la qualità della vita, a riacquistare fiducia in se stesso e ad arricchire le sue relazioni sociali.

La chirurgia maxillo-facciale riguarda dunque una casistica molto ampia, in quanto è enorme il ventaglio delle cosiddette deformità dento-facciali, delle asimmetrie e dei difetti traumatici, per cui è necessario che il chirurgo che tratta questo tipo di chirurgia estetica sia particolarmente esperto nell’impiego di tecniche mini invasive e ultra avanzate, in grado di correggere la deformità sia dal punto di vista funzionale sia sotto il profilo estetico.

Il Dott. Spinelli tratta ogni zona del viso e del collo in considerazione delle specifiche esigenze del paziente e utilizza tecniche chirurgiche mini invasive al fine di conseguire ottimi risultati e di portare la persona ad essere pienamente soddisfatta della propria scelta.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

La chirurgia del polso

L'importanza di una corretta gestione post chirurgica

Su lachirurgiadelpolso.it trovi le risposte alle tue domande circa i dolori che avverti al polso e che non hai ancora deciso di iniziare a curare.
La tempestività di una diagnosi è infatti molto importante perché consente certamente un recupero più veloce ed evita che una situazione preesistente possa peggiorare o cronicizzarsi.
Quella del polso è infatti una struttura molto complessa, e le patologie che possono presentarsi possono interessare ar [...]

Continua a leggere

Riabilitazione della mano

Gli esercizi con la pallina sono veramente efficaci?

Ogni patologia che interessi la mano necessita di un adeguato trattamento riabilitativo con lo scopo di consentirle di acquisire nuovamente il miglior range articolare, nonché il massimo scorrimento tendineo.
Nel periodo immediatamente successivo all’immobilizzazione della mano o all’intervento chirurgico, il terapista dovrà gestire diverse problematiche relative alla patologia quali ad esempio una certa rigidità articolare o gonfiore della mano. [...]

Continua a leggere

La malattia di Peyronie

Cause e cure

La malattia di Peyronie è una patologia benigna che interessa il pene, della quale ancora si ignora l’origine.
In particolare, questa condizione altro non è che una alterazione del rivestimento del tessuto erettile, sulla quale si forma una placca che può essere facilmente scoperta al tatto.
Questa condizione è in grado di causare del dolore durante l’erezione a causa della deformazione all’asta del pene che essa comporta.
In determinati casi è p [...]

Continua a leggere