Salute e Benessere > Medicina

La chirurgia maxillo facciale come branca della chirurgia estetica: scopi e benefici

La chirurgia estetica maxillo facciale ha il ruolo di risolvere alcuni problemi di natura funzionale legati a delle malformazioni della zona orale e del volto

La chirurgia estetica maxillo facciale ha il ruolo di risolvere alcuni problemi di natura funzionale legati a delle malformazioni della zona orale e del volto, migliorando nettamente la qualità della vita delle persone che si sottopongono a questo tipo di interventi.

Il Dott. Giuseppe Spinelli , direttore del reparto di Chirurgia Maxillo Facciale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi di Firenze, ci spiega quando è necessario rivolgersi allo specialista per effettuare una visita per effettuare la diagnosi e fissare l’intervento.

La chirurgia maxillo-facciale è una branca della chirurgia estetica specializzata nel trattamento delle zone del viso, del collo e del cavo orale: fronte, blefaroplastica, zigomi, rinoplastica, labbra, mento, otoplastica, chirurgia ortognatica, lifting facciale e lipofilling facciale.

Il chirurgo maxillo facciale interviene su queste zone in particolare, in quanto è ultra specializzato nel trattamento dei tessuti molli e delle ossa del viso e può intervenire sia a livello funzionale, ripristinando la funzionalità della parte, sia a livello estetico, lasciando cicatrici invisibili o nascoste.

Nel campo della chirurgia estetica, gli interventi specifici di chirurgia maxillo facciale vengono consigliati dallo specialista laddove si riscontrano casi di difetti o malformazioni dento-facciali, come possono essere il rimodellamento delle bozze frontali e la sospensione sopracciliare, oppure i trattamenti di aging face come la chirurgia oculo-palpebrale, oppure la correzione del mento, la correzione delle malposizioni ossee dei mascellari, o ancora la correzione delle orecchie sporgenti.

Non si tratta dunque esclusivamente di problematiche legate al cavo orale o ai denti, quanto più altre tipologie di deformità molto comuni il cui intervento, spesso eseguito in day-hospital e in anestesia locale, aiuta il paziente a migliorare la qualità della vita, a riacquistare fiducia in se stesso e ad arricchire le sue relazioni sociali.

La chirurgia maxillo-facciale riguarda dunque una casistica molto ampia, in quanto è enorme il ventaglio delle cosiddette deformità dento-facciali, delle asimmetrie e dei difetti traumatici, per cui è necessario che il chirurgo che tratta questo tipo di chirurgia estetica sia particolarmente esperto nell’impiego di tecniche mini invasive e ultra avanzate, in grado di correggere la deformità sia dal punto di vista funzionale sia sotto il profilo estetico.

Il Dott. Spinelli tratta ogni zona del viso e del collo in considerazione delle specifiche esigenze del paziente e utilizza tecniche chirurgiche mini invasive al fine di conseguire ottimi risultati e di portare la persona ad essere pienamente soddisfatta della propria scelta.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Le fratture ossee

Cosa sono e come curarle

Quando si parla di frattura bisogna specificare alcune cose fondamentali come ad esempio se sono di origine traumatica o patologica ( cioè spontanea).
Le Fratture dette in parole povere non sono altro che una interruzione della struttura dell’osso.
La frattura in caso di un evento traumatico, come per esempio un incedente, si ha quando si superano i limiti di resistenza della parte ossea coinvolta.
In ogni caso c’è da considerare il fattore età, [...]

Continua a leggere

Cosa è l'acufene?

Sintomi e tipologie

L'acufene è un fastidioso brusio che alcune persone avvertono all’interno dell’orecchio. La persona interessata avverte dei suoni che non provengono dunque da una fonte esterna, e che possono presentarsi in molte forme: fruscii, sibili o ronzii, per esempio. Il suono può anche essere ad alta o bassa frequenza, continuo o intermittente, forte o appena percettibile.
A volte l’acufene può essere “pulsante”, come un battito cardiaco - mentre in altri [...]

Continua a leggere

Come combattere l’ansia con l’aiuto dello psicologo

Serena Riboni piscologa Parma

La parola ansia spesso viene utilizzata tantissimo per definire uno stato di apprensione, ad esempio quando attendiamo un risultato o nel momento in cui dobbiamo fare qualcosa di importante che appunto ci crea uno stato importante di tensione.
L’ansia però può diventare una sensazione pericolosa e da non sottovalutare, specie nel momento in cui questa si presenta con una costanza che porta a subire anche delle problematiche fisiche e psicologiche [...]

Continua a leggere