Economia e Lavoro > Finanza

La dichiarazione di successione

Cosa fare per pagare l'imposta di successione

LA legge n. 286 del 2006 ha reintrodotto ( in quanto in precedenza era stata abolita) l'imposta di successione. I soggetti passivi in questo caso sono i contribuenti che hanno ricevuto in eredità o in legato una determinata somma (non essenzialmente denaro, in quanto sono tassati tutti i beni patrimoniali).

Chi riceve l'eredità è chiamato a presentare una dichiarazione di successione presso l'ufficio competente dell'Agenzia delle entrate. Il contribuente risponde solidalmente dell'imposta da versare nei limiti della quota da esso ereditata. Entro un anno occorre presentare tale dichiarazione riportando l'imposta da pagare e versando quanto dovuto ( sono esonerati dal apgamento alcuni particolari enti, come onlus o cooperative).

In ogni caso per il calcolo dell'imposta occorrerà tenere conto delle aliquote e delle franchigie stabilite dalla legge. In particolare nel caso di parenti più prossimi (figi e parenti in linea retta) la franchigia è maggiore ( 1 milione di euro) mentre per fratelli e sorelle è minore ( 100 mila euro); tutelati anche gli ereditari disabili con franchigie maggiorate.

A cambiare è anche l'aliquota di tassazione che per conigue e fratelli e sorelle è pari al 4 % mentre nel caso di estranei occorrerà pagare l'8 % sul valore patrimoniale di quanto ereditato.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il Lussemburgo non è solo una piazza della finanza

Il Granducato di Lussemburgo è uno dei più piccoli in termini di superficie degli Stati membri dell'Unione europea e la popolazione del Lussemburgo è solo di circa 525.000.
Ma in altre aree il Lussemburgo sa come impressionare.
Uno sguardo agli indicatori economici rivela ciò che è veramente  questo stato, ovvero che il Lussemburgo è un paradiso fiscale.
Ad esempio, il PIL pro capite del mondo è il terzo più alto.
Il reddito medio in Lussemburgo [...]

Continua a leggere

Aprire un conto estero

La situazione macroeconomica in vari paesi e la crisi fanno si che ci sia una fuga di capitali enorme.
Le persone infatti stanno optando per cercare un modo per salvaguardare i propri risparmi e aprire un conto corrente all'estero.
  Germania, Lussemburgo e Svizzera sono i paesi preferiti per aprire un conto bancario.
In teoria, ogni persona che sia maggiorenne può aprire un conto bancario in qualsiasi paese dell'Unione europea e anche fuori senz [...]

Continua a leggere

Che cosa è un paradiso fiscale?

Un paradiso fiscale è un paese dove c'è un regime fiscale in cui le tasse sono più basse o inesistenti,  comunemente applicato in altri paesi come regola.
In questi territori di solito ci sono di solito due diversi sistemi fiscali, uno per i cittadini e le imprese del paese, e un altro per gli stranieri.
Benefici fiscali che caratterizzano questi paradisi sono in particolare per gli stranieri.
I residenti in questi paesi spesso pagano le tasse co [...]

Continua a leggere