Ambiente e Natura

La Francia Concede Concessioni per Miniera d'Oro nella Foresta Amazzonica

Il sito minerario sfrutterebbe le risorse aurifere della Guiana

La Francia sta per aprire un altro sito minerario che sfrutterebbe le risorse aurifere della Guiana.
Al di la dei proclami e delle iniziative ufficiali che vedano la Francia tra i paesi occidentali che vorrebbero ridurre l'inquinamento climatico la realtà è ben diversa.
Un eredità proveniente dalla colonizzazione francese dell’Amazzonia risalente al XX secolo, ecco il territorio per lo più ricoperto dalla foresta amazzonica che il governo francese vorrebbe relegare a nuovo sito minerario per l'estrazione dell'oro.
Proprio l'oro spinse fin qua i primi colonizzatori spagnoli, ancora oggi dopo secoli è sempre il prezioso metallo giallo a far smuovere le nazioni.
Nel frattempo l'oro è divenuto uno dei beni rifugio più affidabili in assoluto per mantenere il valore dei capitali, come viene ben testimoniato sui mercati azionari dove la strategia finanziaria del compro oro non smette mai di essere utilizzata sia da investitori privati che governativi.
Nonostante i secoli ed i proclami ambientalisti sembra che le priorità francesi come del resto quelle di molti altri governi non sembrano cambiate.
Oro, petrolio e molte altre risorse del nostro pianeta vengano cercate con la massima priorità senza far troppa attenzione alle gravi ricadute ambientali che queste provocano.
L'industria mineraria aurifera è sicuramente tra le più inquinanti e tossiche, le esalazioni di cianuro derivanti dai processi chimici necessari per l'estrazione dell'oro risultano mortali per uomo e animali, tanto che nelle zone adiacenti a questi siti minerari viene proibito l'utilizzo dell'acqua e qualsiasi tipo di coltivazione.
Certo per il governo francese sarebbe impossibile aprire un sito minerario di questo tipo sul suolo nazionale, la protesta monterebbe immediata da parte dei francesi che non accetterebbero mai una situazione così inquinante e pericolosa a casa loro.
Per il governo francese è molto più semplice farlo nella Guiana affidando le concessioni necessarie a due multinazionali e senza che il sito minerario sia sotto gli occhi di tutti, quà la popolazione della Guiana già decimata e sottomessa dalla colonizzazione europea non pone troppa resistenza per quanto riguarda la questione ambientale e con la possibilità di nuovi posti di lavoro è facile convincere i locali.
La Francia non è certo l'unica nazione a portare avanti politiche di questo tipo a dispetto dei proclami ambientali che il governo lancia per l'opinione pubblica, ma è certo che oggi la questione dell'inquinamento globale e dello sfruttamento incontrollato delle risorse del pianeta non si può dire risolta con gli accordi internazionali attuali se ancora oggi si preferisce estrarre oro, petrolio e quant'altro pur inquinando immense riserve d'acqua mondiali.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

MBSolutions: progetti dalla parte della sostenibilità

MBSolutions: innovazione e rispetto per l'ambiente MBSolutions è uno studio di progettazione a Fidenza, in provincia di Parma, che offre servizi completi in campo architettonico e dell'edilizia.
Da sempre attento ai temi della sostenibilità e del rispetto per l’ambiente, lo studio ha per i suoi progetti un unico obiettivo: fare in modo che case, uffici e negozi commerciali si inseriscano armonicamente nel contesto ambientale circostante.
Per farl [...]

Continua a leggere

Smaltimento rifiuti acciaio: quello che devi sapere

L’acciaio è uno dei materiali più diffusi nel mondo, eppure non tutti conoscono le operazioni che sono alla base del suo smaltimento e del conseguente riciclo.
  Lo smaltimento in cifre Sono quasi 600 mila le tonnellate di rifiuti che ogni anno vengono gettate trai i rifiuti.
Una cifra davvero considerevole, se pensiamo che l’acciaio è il secondo materiale più diffuso al mondo, secondo solo al cemento.
  Smaltimento dell’acciaio: come funziona?   [...]

Continua a leggere

Inquinamento plastica: un’emergenza alimentare

La plastica dispersa nei mari diventa emergenza sanitaria oltre che ambientale

L’uomo mangia 5 grammi di plastica ogni settimana e questa sta diventando un'emergenza sempre più pressante.
Mano a mano che gli scienziati studiano il problema ci si rende conto della gravità della situazione: se fino a qualche anno fa si pensava che il problema principale fosse di natura strettamente ecologica per la vita di flora e fauna, oggi, progressivamente, ci si sta rendendo conto che l'emergenza sta trasformandosi in un problema anche s [...]

Continua a leggere