Ambiente e Natura

La Francia Concede Concessioni per Miniera d'Oro nella Foresta Amazzonica

Il sito minerario sfrutterebbe le risorse aurifere della Guiana

La Francia sta per aprire un altro sito minerario che sfrutterebbe le risorse aurifere della Guiana.
Al di la dei proclami e delle iniziative ufficiali che vedano la Francia tra i paesi occidentali che vorrebbero ridurre l'inquinamento climatico la realtà è ben diversa.
Un eredità proveniente dalla colonizzazione francese dell’Amazzonia risalente al XX secolo, ecco il territorio per lo più ricoperto dalla foresta amazzonica che il governo francese vorrebbe relegare a nuovo sito minerario per l'estrazione dell'oro.
Proprio l'oro spinse fin qua i primi colonizzatori spagnoli, ancora oggi dopo secoli è sempre il prezioso metallo giallo a far smuovere le nazioni.
Nel frattempo l'oro è divenuto uno dei beni rifugio più affidabili in assoluto per mantenere il valore dei capitali, come viene ben testimoniato sui mercati azionari dove la strategia finanziaria del compro oro non smette mai di essere utilizzata sia da investitori privati che governativi.
Nonostante i secoli ed i proclami ambientalisti sembra che le priorità francesi come del resto quelle di molti altri governi non sembrano cambiate.
Oro, petrolio e molte altre risorse del nostro pianeta vengano cercate con la massima priorità senza far troppa attenzione alle gravi ricadute ambientali che queste provocano.
L'industria mineraria aurifera è sicuramente tra le più inquinanti e tossiche, le esalazioni di cianuro derivanti dai processi chimici necessari per l'estrazione dell'oro risultano mortali per uomo e animali, tanto che nelle zone adiacenti a questi siti minerari viene proibito l'utilizzo dell'acqua e qualsiasi tipo di coltivazione.
Certo per il governo francese sarebbe impossibile aprire un sito minerario di questo tipo sul suolo nazionale, la protesta monterebbe immediata da parte dei francesi che non accetterebbero mai una situazione così inquinante e pericolosa a casa loro.
Per il governo francese è molto più semplice farlo nella Guiana affidando le concessioni necessarie a due multinazionali e senza che il sito minerario sia sotto gli occhi di tutti, quà la popolazione della Guiana già decimata e sottomessa dalla colonizzazione europea non pone troppa resistenza per quanto riguarda la questione ambientale e con la possibilità di nuovi posti di lavoro è facile convincere i locali.
La Francia non è certo l'unica nazione a portare avanti politiche di questo tipo a dispetto dei proclami ambientali che il governo lancia per l'opinione pubblica, ma è certo che oggi la questione dell'inquinamento globale e dello sfruttamento incontrollato delle risorse del pianeta non si può dire risolta con gli accordi internazionali attuali se ancora oggi si preferisce estrarre oro, petrolio e quant'altro pur inquinando immense riserve d'acqua mondiali.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Appennino FARM

Semi femminizzati cannabis light

I semi femminizzati cannabis light sono dei semi prodotti esclusivamente allo scopo di produrre nuove piante di femmina.
Di norma infatti, è possibile che un seme di cannabis light si possa sviluppare sia in una pianta femmina che in una pianta maschio, in base al tipo di cromosomi.
La procedura di femminilizzazione invece, fa si che le piante femmina ricevano il polline dalle piante maschio, per poter dare il via alla produzione di semi femmmini [...]

Continua a leggere

L'arte del riciclo creativo

Una passione che consente anche di rispettare l'ambiente

Negli ultimi anni, il riciclo creativo è riuscito a conquistare sempre più persone in Italia, affascinate dalla possibilità di poter dare una seconda vita ad oggetti e mobili che ad un primo sguardo possono sembrare non più utili o utilizzabili.
Si tratta al tempo stesso di una soluzione che consente di risparmiare sull’acquisto di nuovi oggetti e che è in grado di regalare parecchie soddisfazioni a chi riesce a “trasformare” ogni tipo di articol [...]

Continua a leggere

Rifiuti speciali: cosa sono e come trattarli

Ogni giorno, utilizziamo una miriade di oggetti, che nonostante siano tipici della nostra quotidianità, se non smaltiti correttamente, possono rappresentare un potenziale pericolo, oltre ad essere, altamente inquinanti.
Questi oggetti sono detti appunto, rifiuti speciali o particolari.
Fanno parte di questo genere di rifiuti, anche tutti quei materiali, a cui è dedicata una raccolta particolare, che si differenzia dai classici contenitori, dati p [...]

Continua a leggere