Salute e Benessere

La gengivite: come si manifesta e quali sono le cure

Uno dei principali problemi che riguarda l’igiene orale è quello relativo alla gengivite, un sintomo che colpisce le gengive che si infiammano per la formazione di una placca batterica.

Questo può risultare a lungo andare un problema importante che può richiedere l’intervento di uno specialista, infatti quando si forma la placca batterica se questa non viene rimossa porta alla formazione del tartaro, che può irritare la gengiva portandola al sanguinamento. Vediamo quali sono i sintomi e le cure per la gengivite, con l’aiuto dei professionisti di uno studio dentistico Roma.

I sintomi della gengivite

La gengivite si manifesta soprattutto tra i giovani con un’età compresa tra i 18 e i 30 anni e la sua principale causa è  la scarsa igiene orale, portata dal non lavarsi con cura e  frequenza i denti.

Uno dei principali sintomi che si registrano con la gengivite è un’infiammazione che porta all’arrossamento e al gonfiore della gengiva stessa,  con la fuoriuscita di un liquido che provoca forte dolore e può portare anche al distaccamento del dente.

Un altro dei sintomi è il sanguinamento gengivale, qui il sangue esce dalla nostre gengive ogni volta che vengono spazzolati i denti  e nel caso di continua mal curanza e eccessiva formazione di placca batterica si sviluppa anche l’alitosi.

Questa patologia può essere causata anche da fattori ormonali che si manifestano durante la pubertà e la gravidanza o anche dalla mancanza di vitamine come la A, la B2 e la B12.

Come curare le gengivite

Per curare la gengivite è importante prendere accorgimenti in tempo chiedendo consigli ad un esperto in igiene dentale.

La prima cosa da fare è quella di spazzolare nel miglior modo possibile i denti almeno 2–3 volte al giorno dopo i pasti, utilizzando dei dentifrici antiplacca e nel caso in cui la situazione delle gengive risulti molto infiammata va usato anche il filo interdentale e il collutorio senza alcool.

Nei casi  in cui la vostra gengivite si aggravi tanto e la placca risultasse molto dura e difficile da rimuovere con il semplice spazzolamento dei denti, bisogna rivolgersi ad un dentista che procederà ad un trattamento, che prevede la lisciatura e lucidatura di quelle che sono le superfici dentali più colpite dal tartaro come la corona e la radice.

La cura prevede diverse sedute e finite queste  è molto importante curare tutti i giorni i  propri denti e fare dei controlli continui dall’odontoiatra.

A volte il medico dentista può ricorrere alla prescrizione di alcuni antibiotici che servono per alleviare il dolore e cicatrizzare la gengiva sanguinante.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

La casa di riposo di Roncobilaccio più ospitale e a misura di anziano

Scopri tutti i plus di Villa del Sole

Le case di riposo purtroppo potrebbero essere viste come dei luoghi in cui è facile annoiarsi e vivere giornate praticamente tutte uguali l’una all’altra.
È anche per questo motivo che, tanto gli anziani quanto le loro famiglie, non considerano con particolare favore la prospettiva di un ricovero all’interno di una di queste strutture.
È doveroso però ricordare che non tutte le residenze per anziani comportano questo tipo di permanenza; al contra [...]

Continua a leggere

Depressione negli anziani, i sintomi che aiutano a riconoscerla

Individuare la depressione negli anziani è spesso complesso soprattutto perché non amano parlare del loro stato d’animo o delle loro preoccupazioni.
Non è raro che affermino di stare bene quando si chiede loro se si sentano tristi o depressi anche quando effettivamente è così.
Spesso tutto ciò accade perché gli anziani non vogliono essere un peso per le persone che amano e preferiscono affrontare da soli le loro battaglie.
La depressione per gli [...]

Continua a leggere

Declino cognitivo anziani: il test del disegno dell’orologio

Un semplice test da poter fare a casa per verificare la salute mentale di una persona anziana

Il test del disegno dell’orologio è un semplice test che viene utilizzato spesso per diagnosticare la presenza di problemi neurologici nelle persone e, in particolare, negli anziani la presenza di demenze o Alzheimer.
In ambito medico viene utilizzato in combinazione con altri test volti a uno screening più approfondito ma anche se utilizzato da solo può riuscire a fornire indicazioni molto utili sulle abilità cognitive di una persona.
Come viene [...]

Continua a leggere