Servizi

La privacy in azienda

Gestire la privacy in azienda

All'interno delle realtà industriali esistono norme severe su come gestire la privacy dell'azienda in merito ai dati personali dei dipendenti e delle persone giuridiche.
Gli obblighi sono molto ferrei tanto è vero che il legislatore ha dovuto emettere dei decreti legislativi, in particolare l'196/2003', per regolamentare dei casi specifici che prevedono anche sanzioni verso chi non adempie alle norme e ai documenti programmatici di sicurezza.
Il codice della privacy evidenzia un percorso utilissimo in ambito aziendale ed impone alle aziende di gestire i dati personali, rispettando ogni piccola postilla citata nei suddetti decreti.
Alcune disposizioni sono volte a regolamentare le proposte commerciali che arrivano giornalmente per via posta elettronica o per telefono.
Precedentemente al decreto in atto, fu emesso un altro decreto il '138/2011' che ha precisato delle semplificazioni per quelle aziende che ricevono candidature spontanee.
Il curriculum dei candidati è di solito munito di una liberatoria per il trattamento dei dati.
Tale liberatoria però, non libera la ditta che riceve il curriculum dagli obblighi legislativi previsti dal decreto.

La normativa europea

Il parlamento europeo e il consiglio europeo hanno disposto delle leggi in materia di privacy e di protezione che riguardano le persone fisiche presenti in una realtà industriale.
Il codice definito 'Codice privacy', regolamenta la riservatezza dei dati personali a livello comunitario.
Il decreto a livello europeo si è reso necessario affinché le aziende possano gestire la privacy in azienda seguendo regole europee che agevolino lo sviluppo tra tutti gli individui presenti nella comunità europea.
Il decreto europeo mette in luce la tutela dei diritti e della libertà che sono basilari per le persone fisiche e per la loro vita personale.
Questo è il motivo fondamentale per cui la legge europea pone divieto a ogni stato membro di adottare restrizioni per la circolazione dei dati personali.
E' bene sottolineare che per dato personale, si intende qualsiasi informazione che concerne una persona fisica facilmente identificabile.

La normativa italiana

In risposta alla normativa europea, l'Italia ha emanato il decreto 'n. 196 del 30 giugno 2003' che ha il fine di garantire il trattamento dei dati personali in modo che esso si svolga nel pieno rispetto della legge e della libertà dell'essere umano, con particolare riferimento alla privacy, alla riservatezza e alla dignità.
Tale normativa ha il vantaggio che gli interessati possono chiedere in qualsiasi momento, la conferma dell'esistenza di dati personali con la possibilità di richiedere aggiornamenti, rettifiche o cancellazione dei dati.
Per poter accedere a tutto questo, bisogna fare specifica richiesta al responsabile del trattamento con i normali mezzi a nostra disposizione quali fax, raccomandata o casella di posta elettronica.
Il responsabile dopo aver verificato l'identità del richiedente è tenuto ad assolvere alle sue richiesta usando software elaborati.
Con le normative europee ed italiane ed i vari decreti emanati, si può gestire la privacy in azienda correttamente e senza incorrere in sanzioni.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Uscite di sicurezza: le manutenzioni indispensabili

Scegli Farma per un servizio completo e affidabile

Gli incidenti e gli infortuni sono eventualità negative che non si vorrebbe si verificassero mai nelle attività produttive e sui luoghi di lavoro e, per non lasciare nulla al caso e scongiurare anche il minimo rischio, occorre puntare al massimo sulle attività di prevenzione.
Tali attività riguardano in particolare la formazione dei dipendenti, affinché essi sappiano cosa fare in caso di necessità, ma anche la messa in sicurezza degli impianti, l [...]

Continua a leggere

Strumento per la verifica banconote false

Le banconote sono stampate su carta speciale, quindi assicuratevi di controllare come appare la carta se avete il dubbio di trovarvi di fronte a un falso.
Una banconota autentica ha una sensazione simile a quella del tessuto, mentre una nota falsa si sentirà più simile alla carta.
Se non avete lo strumento per la verifica banconote false passate il dito sulla carta e, se è autentica, dovreste sentire la stampa sollevata su aree come la parola "Ba [...]

Continua a leggere

Come leggere un preventivo per impresa di pulizie

Quando si decide di affidare la casa, l’ufficio, il condominio alle cure di un’impresa di pulizie, oltre alla qualità del servizio, ai materiali impiegati e alla sicurezza, si guarda con particolare attenzione anche al prezzo.
In Italia, nel 76% dei casi, i prezzi delle imprese di pulizia oscillano tra € 120 e oltre € 650.
Perché una forbice così ampia? Cosa fa la differenza? Una cosa è certa: i listini sono sempre molto indicativi e il prezzo è [...]

Continua a leggere