Viaggi e Vacanze > Hotels

La storia di Malta

A Malta, Patrimonio Unesco, l'Europa incontra l'Africa

A Malta non ci sono montagne, foreste e fiumi. In quest’isola posizionata tra la Sicilia e il Nord Africa, molte civiltà hanno lasciato una solida impronta. Prima ancora dei Fenici che approdarono sull'isola, vi era una civiltà di cui non si sa nulla ma che è rimasta 7000 anni, lasciando come testimonianza della loro presenza dei templi in pietra che sono tra i più antichi al mondo.

Così, nel 1980 ben tre siti maltesi hanno ottenuto ufficialmente il riconoscimento patrimonio UNESCO: La Valletta, i Templi megalitici di Malta e l' Ipogeo di ?al Saflieni.

I primi coloni di cui abbiamo notizia furono i Fenici, poi i Cartaginesi, i Romani, i Bizantini. I Vandali e i Visigoti , popolazioni germaniche , arrivarono e razziarono l'isola. Seguirono gli Arabi.

Malta è un'isola multiculturale situata nel cuore del Mar Mediterraneo

La civiltà araba, tra l'870 e il 1091, portò all'isola una sua autonomia con la rivoluzione agricola araba oltre ad arricchire la lingua maltese. Nel 1091 avvenne la conquista da parte dei Normanni ma la cultura araba lasciò un'impronta indelebile.

Nel Tredicesimo secolo fu l'intera popolazione araba dell’isola ad essere deportata , le moschee e la religione musulmana sparirono. Li sostituirono i Siciliani, poi diverse dinastie meridionali, fino a quando il re di Spagna nel 1525 donò Malta ai Cavalieri di S. Giovanni , l'Ordine di monaci guerrieri nato nel 1048 come baluardo della cristianità nel Mediterraneo: sconfitti, erano costretti ad abbandonare Rodi, dall'assalto del sultano Solimano il Magnifico.

L'Impero Ottomano era al massimo della sua potenza e Malta era considerata il bastione d'Occidente. L'assedio di Malta nel 1565 da parte del Sultano Solimano il Magnifico e la strenua difesa dell'Ordine di S. Giovanni e del suo eroico maestro Jean de La Vallette, fino al soccorso degli spagnoli, che costrinsero alla fuga l'esercito di Solimano, fu talmente importante, che La Vallette, la capitale cambiò nome in suo onore.

La Vallette "una città costruita dai cavalieri per i cavalieri"- Sir Walter Scott

I Cavalieri dell'Ordine di San Giovanni rimasero incontrastati padroni delle isole fino all'arrivo di Napoleone che scendendo a sud sulla via d'Egitto, conquistò Malta. La dominazione francese non incontrò il favore dei residenti. Già nel 1800, dopo soli due anni, furono gli Inglesi , aiutati dalla popolazione, a conquistare l'isola.

Solo con la seconda guerra mondiale l'importanza di Malta ridivenne strategica. Quando si aprì un nuovo fronte in Nord Africa nel giugno 1940, entrambe le parti del conflitto riconobbero l'isola come vitale per l'esito della guerra. Churchill definì Malta "portaerei inaffondabile", mentre Rommel dichiarò: "Senza Malta l'Asse finirà per perdere il controllo del Nord Africa".

La conseguenza fu il secondo assedio di Malta: dal 1940 al 1942, gli Alleati e l'Asse combatterono per controllare l'isola, rendendo di fatto Malta uno dei paesi più bombardati della guerra.

Malta indipendente ed europea, competitiva e strategica

La dominazione inglese è durata comunque fino al 1964, anche l'attuale Regina Elisabetta ha soggiornato a lungo nell'isola: Il 21 settembre 1964, dopo intensi negoziati col Regno Unito, Malta è diventata una nazione indipendente, il decimo più piccolo Paese del mondo e uno dei più densamente popolati: Malta è abitata da 1600 persone per chilometro quadrato, nemmeno mezzo milione di abitanti per 300 km quadrati.

Nel 1974 Malta è stata proclamata Repubblica e dal 2004 fa parte dell'Unione Europea. L’Isola continua a detenere una posizione strategica nelle politiche del Mediterraneo e, vista la sua storia merita sicuramente una visita, soprattutto nel periodo estivo per approfittare delle sue bellissime spiagge recandovisi anche in traghetto prenotando comodamente dal portale Traghetti Malta e portando eventualmente con se’ un mezzo di trasporto. Non dimentichiamo poi che, nel 2018, La Vallette è stata la capitale della cultura europea. Parliamo quindi sicuramente di una meta da non perdere e dove recarsi almeno una volta nella vita.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il residence a Lazise

Residence Corte San Carlo

Attraverso il  restauro di un’antica “residenza per villeggiatura” nasce il residence Corte San Carlo a Lazise.
Immersa nel verde delle dolci colline di Colà nell’entroterra del lago di Garda, l’edificio mantiene inalterata la sua immagine originale risalente al 1816.
Si caratterizza per una rara posizione panoramica vicina al noto Parco Termale.
All’interno del residence potrete trovare tutto quel che serve per poter vivere il piacere del relax. [...]

Continua a leggere

Come gestire un hotel: la soddisfazione dei clienti

Chiunque si rechi in una struttura alberghiera si aspetta di trovare nella propria camera condizioni vivibili e rilassanti: la presentazione della stanza è il primo decisivo biglietto da visita in tal senso.
Un ambiente pulito, moderno e adatto alle esigenze del viaggiatore è l’ideale, specialmente in un’epoca dove, tra TripAdvisor e Booking, ogni ospite è un potenziale e implacabile recensore.
I giudizi online sono la cartina tornasole della vos [...]

Continua a leggere

Over Motel

Hotel con Wellness Suite a in Brianza

Soggiornare in un albergo è ancora più piacevole quando si sa di avere a disposizione il meglio per regalarsi del comfort e del benessere che altrimenti non sarebbero raggiungibili.
In questo senso, l’Over Motel di Vimercate (MB) è uno dei più ricercati in assoluto nella zona grazie alla bellissima opportunità di poter usufruire di camere che al loro interno presentano una spa privata.
Proprio così dunque, ciascuna camera dispone di un piccolo ce [...]

Continua a leggere