Economia e Lavoro > Finanza

La tassazione ad Hong Kong

La città di Hong Kong è conosciuta come uno dei paradisi fiscali più favorevoli in tutto il mondo, vediamo perché e quali sono le situazioni che hanno reso possibile questa situazione economicamente proficua.

Prima di tutto occorre conoscere la motivazione che ha portato Hong Kong a diventare un vero e proprio paradiso fiscale. Infatti nel 1997 fu deciso tramite accordi con la Gran Bretagna che questa regione avrebbe dovuto essere autonoma dal punto di vista legislativo e fiscale (ma anche sociale ed organizzativo) rispetto alla Repubblica popolare Cinese; questo accordo ha una durata di 50 anni secondo la legge, perciò fino al 2047 rimarrà un luogo autonomo, donando agli abitanti la possibilità di godere della quasi assenza di tasse a Hong Kong.
 
Ad essere favorevole non è solamente una sola imposta o una sola legge, vi sono infatti un insieme di elementi legislativi che concorrono a rendere Hong Kong un paese privo del peso di imposte e tasse.
Le tasse a Hong Kong che riguardano l'aliquota infatti, sfiorano il 17% di somma da pagare pesato sul reddito della persona fisica. Questa percentuale risulta infatti essere estremamente bassa se comparata alle cifre dell'aliquota che è possibile trovare in Europa.
Inoltre, vengono pagate le imposte solamente se il reddito oppure il profitto è generato all'interno del territorio di Hong Kong: imprenditori che concludono affari in tutto il mondo quindi potranno solamente pagare le tasse relative al fatturato che ha avuto luogo nel territorio di Hong Kong.
 
Comprare una casa ad Hong Kong risulta essere ugualmente facile ed economica come operazione: è da tenere a mente che se si vuole comprare un appartamento, questo è privo di imposte da pagare, se non una marca da bollo del valore del 4-5% del valore della casa nel momento dell'acquisto. Solamente nel caso in cui l'appartamento venisse rivenduto prima di 24 mesi dalla data di acquisto, questa marca da bollo sale dal 5% al 15%, per evitare ovviamente fini speculativi.
 
Un ulteriore aspetto che molti non sopportano, in Europa come nel resto del mondo è l'IVA. Ad Hong Kong questa non esiste, rendendo possibile poter pagare i prodotti solamente per il loro valore e non per il valore e l'aggiunta di un'ennesima tassa; questo ulteriore aspetto riesce a rendere ancora più appetibile la situazione favorevole delle tasse a Hong Kong.  
 
La regione di Hong Kong quindi risulta essere un terreno fertile e vantaggioso per persone come imprenditori, che vi si trasferiscono e investono in progetti non solo del luogo, ma anche esteri (sui quali è giusto ribadire che non vengono imposte tasse). Questa situazione rimarrà stabile sicuramente fino all'anno 2047, data di scadenza del patto firmato con la Gran Bretagna, dopo il quale sarà necessario capire se Hong Kong rimarrà un paese senza tasse oppure dovrà conformarsi alla Repubblica Cinese.

 


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Costituzione di una società in Romania

Tempi e costi notevolmente inferiori rispetto l'Italia

La costituzione società in Romania è una pratica decisamente più rapida e semplice rispetto ciò che siamo abituati a pensare in Italia: la burocrazia in Romania è infatti più snella ed evita all’imprenditore lungaggini legate alla produzione di inutili documenti, così come il dover far fronte a tasse eccessive.
È sufficiente infatti recarsi presso uno studio commercialista e fornire un documento d’identità in corso di validità, un indirizzo di po [...]

Continua a leggere

Bitcoin il Nuovo Oro Digitale che Conquisterà il Mondo

Alcuni esperti del settore pensano che il valore potenziale del Bitcoin si aggiri intorno ai 100 mila dollari, una cifra ben lontana anche da quella del record storico attuale.

Il Bitcoin sarà il nuovo oro digitale, nonostante la criptovaluta più famosa alterni quotazioni record a crolli altrettanto verticali molti analisti pensano che il percorso di bitcoin sia irreversibile e soprattutto che il loro valore attuale sia potenzialmente inespresso rispetto a quello che potrebbe raggiungere nel lungo periodo.
Alcuni esperti del settore pensano che il valore potenziale del Bitcoin si aggiri intorno ai 100 mila dollari, una [...]

Continua a leggere

Prezzo Oro 2018, Stabile o in Crescita ?

Come tutti gli anni a gennaio i primi a fare previsioni sul prezzo dell'oro sono gli analisti finanziari, che abbiano da gestire un proprio patrimonio di investimenti o quello di qualche banca.

Come tutti gli anni a gennaio i primi a fare previsioni sul prezzo dell'oro nel 2018 sono gli analisti finanziari, che abbiano da gestire un proprio patrimonio di investimenti o quello di qualche banca o società la domanda è sempre la stessa: Cosa farà il Prezzo dell'Oro in questo anno ? La risposta non può mai essere certa viste le tante variabili finanziarie in gioco dove possono oltretutto possono entrare in gioco nuovi fattori derivanti dall' [...]

Continua a leggere