Edilizia e Costruzioni

La tecnologia per mettere in sicurezza vecchie infrastrutture

Durante gli anni ’70 furono realizzati numerosi capannoni dotati di ampie coperture, prodotte in cemento armato precompresso costituite da sezioni estremamente snelle, una parte dei carichi doveva essere sorretta da apposite strutture ad arco create sopra la copertura e collegate agli altri elementi mediante tiranti in acciaio. Queste strutture, col passare del tempo e con le sollecitazioni metereologiche sono portate ovviamente a deteriorarsi, richiedendo, gioco forza, opere di manutenzione che comportino un adeguato rinforzo strutturale. FPT fornisce tutte le attrezzature idrauliche e martinetti atti ad effettuare questo tipo di interventi. Per la messa in sicurezza degli archi vengono utilizzate delle barre SAH tipo S670 zincate a caldo con diametro nominale di 50 mm e con carico di rottura certificato a 1570 kN. La funzione delle barre è quella di elemento di soccorso nell’eventualità di un collasso dell’arco. In questo caso, la posa in opera richiede un precarico del sistema in modo da allineare in maniera precisa le barre ed eliminare l’eventualità di possibili “giochi di accoppiamento” tra le singole parti del sistema, cosa che avviene tipicamente tra le barre e i manicotti di giunzione, nonché nei dadi di bloccaggio. Il carico richiesto è trai 70 e 100 kN, un carico limitato, pertanto FPT ha avanzato la proposta di utilizzare un cilindro forato a doppio effetto modello CRI-30/100-FO con portata ridotta, in modo da permettere la messa in tensione attraverso una pompa manuale PDS20DE, comprendente un manometro con fondo scala 1000 bar ed una pressione di esercizio abbastanza elevata da potere essere letta correttamente (dunque tra 166 e 237 bar). Il lavoro è stato completato in modo agevole e sicuro grazie all’adozione di un manicotto di riduzione (da 50 a 32 mm), di una barra ad alta resistenza diametro 32 mm e di un adeguato dado di contrasto. Qualora fosse adottato un cilindro con lo scopo di accogliere la barra prevista, con un diametro massimo in corrispondenza della filettatura di 55 mm, sarebbe necessario l’utilizzo di un cilindro da 100 ton di tiro massimo, modello FPT CRI-100/75-FO di peso decisamente maggiore e con pressioni comprese tra 35 e 56 bar, evidentemente di più difficile “gestione” in un range di valori così limitato. L’attrezzatura che fornisce FPT – Fluid Power Technology, specializzati anche in attrezzature per il serraggio è infine completata da una chiave poligonale per esagono da 80 mm da azionare mediante tommy bar che consente di ridurre al minimo le dimensioni della sella di tiro.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Scaffalature industriali e magazzini automatici: da chi acquistare?

Dovete far fronte ad un improvviso aumento dei volumi di merce in magazzino e non sapete a chi rivolgervi per l’acquisto dei materiali? La soluzione è Ungari Group!

Le aziende che movimentano merce sanno quanto sia importante mantenere la flessibilità giusta per adeguarsi ai repentini cambiamenti del mercato: una maggiore richiesta di prodotti, così come una sua diminuzione, richiedono una modifica sostanziale del magazzino.
Può capitare che ci sia necessità di aumentare e/o modificare la tipologia di scaffalature del deposito merce, per permettere un migliore stoccaggio e facilitare quindi le operazioni di [...]

Continua a leggere

Come sturare il proprio lavandino?

Sicuramente a tutti è capitato di avere dei problemi con lo scarico del proprio lavandino, infatti questo è il tipico problema domestico che tutti ci troviamo regolarmente ad dover affrontare.
Spesso le tubature si intasano in quanto all’interno del rubinetto sono caduti anelli, orecchini forcine oltre che a grandi quantità di capelli, ed in tutti questi casi l’acqua incontra delle difficoltà a passare.
Come fare a comportarsi in questi casi? La [...]

Continua a leggere

Anche il Caseificio Bolide ha scelto la professionalità di Dalmine LS

Il Caseificio Bolide Eredi Bonetta, con sede ad Alfianello in provincia di Brescia, è uno degli storici associati del Consorzio dei Produttori di Grana Padano.
Il nome “Bolide” è legato alla famosa caduta di un grosso meteorite, avvenuta nel 1883 proprio ad Alfianello.
Fu un evento formidabile che riempì le pagine dei giornali dell’epoca e che inevitabilmente segnò la storia di questi posti e la vita dei suoi abitanti.
Circa 50 anni dopo, in memo [...]

Continua a leggere