Edilizia e Costruzioni

La tecnologia per mettere in sicurezza vecchie infrastrutture

Durante gli anni ’70 furono realizzati numerosi capannoni dotati di ampie coperture, prodotte in cemento armato precompresso costituite da sezioni estremamente snelle, una parte dei carichi doveva essere sorretta da apposite strutture ad arco create sopra la copertura e collegate agli altri elementi mediante tiranti in acciaio. Queste strutture, col passare del tempo e con le sollecitazioni metereologiche sono portate ovviamente a deteriorarsi, richiedendo, gioco forza, opere di manutenzione che comportino un adeguato rinforzo strutturale. FPT fornisce tutte le attrezzature idrauliche e martinetti atti ad effettuare questo tipo di interventi. Per la messa in sicurezza degli archi vengono utilizzate delle barre SAH tipo S670 zincate a caldo con diametro nominale di 50 mm e con carico di rottura certificato a 1570 kN. La funzione delle barre è quella di elemento di soccorso nell’eventualità di un collasso dell’arco. In questo caso, la posa in opera richiede un precarico del sistema in modo da allineare in maniera precisa le barre ed eliminare l’eventualità di possibili “giochi di accoppiamento” tra le singole parti del sistema, cosa che avviene tipicamente tra le barre e i manicotti di giunzione, nonché nei dadi di bloccaggio. Il carico richiesto è trai 70 e 100 kN, un carico limitato, pertanto FPT ha avanzato la proposta di utilizzare un cilindro forato a doppio effetto modello CRI-30/100-FO con portata ridotta, in modo da permettere la messa in tensione attraverso una pompa manuale PDS20DE, comprendente un manometro con fondo scala 1000 bar ed una pressione di esercizio abbastanza elevata da potere essere letta correttamente (dunque tra 166 e 237 bar). Il lavoro è stato completato in modo agevole e sicuro grazie all’adozione di un manicotto di riduzione (da 50 a 32 mm), di una barra ad alta resistenza diametro 32 mm e di un adeguato dado di contrasto. Qualora fosse adottato un cilindro con lo scopo di accogliere la barra prevista, con un diametro massimo in corrispondenza della filettatura di 55 mm, sarebbe necessario l’utilizzo di un cilindro da 100 ton di tiro massimo, modello FPT CRI-100/75-FO di peso decisamente maggiore e con pressioni comprese tra 35 e 56 bar, evidentemente di più difficile “gestione” in un range di valori così limitato. L’attrezzatura che fornisce FPT – Fluid Power Technology, specializzati anche in attrezzature per il serraggio è infine completata da una chiave poligonale per esagono da 80 mm da azionare mediante tommy bar che consente di ridurre al minimo le dimensioni della sella di tiro.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Le scaffalature antisismiche di Dalmine LS

Negli ultimi anni abbiamo assistito a numerosi eventi sismici, alcuni dalle conseguenze disastrose per l’uomo, la sua vita e le sue attività.
Ne sono un chiaro esempio quelli de L’Aquila e dell’Emilia Romagna, due zone enormemente colpite da terremoti improvvisi a cui abbiamo solo potuto assistere impotenti.
Queste tristi circostanze hanno portato all’attenzione della collettività quanto sia importante cercare di prevenire e limitare i danni per [...]

Continua a leggere

Tutto ciò che occorre sapere sulle scaffalature antisismiche

Stai pensando di installare una scaffalatura antisismica all’interno del tuo magazzino? Ecco alcune domande e risposte per fare chiarezza in materia.

Prima di iniziare è giusto sottolineare come i grandi eventi sismici (L’Aquila e l’Emilia Romagna su tutti) abbiano portato l’attenzione sul fenomeno della prevenzione e della limitazione dei danni in abitazioni, edifici e aziende.
Che differenza c’è tra le scaffalature tradizionali e quelle antisismiche? La differenza tra un sistema di scaffalatura tradizionale e una scaffalatura antisismica risiede nella progettazione, in cui vengono considerat [...]

Continua a leggere

Idroedil Piscine

Realizzazione Piscine a Roma

La nostra vita trascorre per la maggior parte in spazi interni, che, secondo una moltitudine di studi scientifici, riducono la salute e il benessere generale dell'individuo.
Tuttavia non va sottovalutata la routine dell'uomo moderno, i cui ritmi lavorativi generalmente non consentono spostamenti frequenti né tantomeno di trascorrere porzioni abbondanti di tempo libero all'aria aperta, essenziale per il mantenimento di una vita sana e una corretta [...]

Continua a leggere