Ambiente e Natura

Lasciare il gatto a casa da solo non va bene

Il gatto si affeziona ai padroni oltre che alla casa

Se si possiede un gatto e si deve andare in ferie per qualche giorno in un posto dove non è concesso portare animali si opta per lasciarlo a casa. Il gatto è abitudinario, è affezzionato al posto dove abita e starà meglio a casa. Forti della consapevolezza che eventi come il trasloco sono tra le maggiori cause di stress per un gatto, lo lasciamo a casa, magari affidandoci ad una persona fidata che gli vada a dare da bere e da mangiare.
Sono molti a credere che i gatti non provino sentimenti, in particolar modo chi possiede un cane.
Per capire se è vero che è meglio lasciarli a casa, basta vedere la loro reazione quando, dopo una assenza di qualche giorno, ci vedono rientrare: ce la faranno pagare cara per il disagio!
Come prima reazione verremo ignorati, l'atteggiamento del gatto sarà offeso per essere stato lasciato da solo.
Infatti nella maggior parte dei casi, i gatti quando rientra il loro padrone da una lunga assenza, hanno un atteggiamento freddo, tengono quasi il muso. E questo atteggiamento non dura solo pochi minuti, maggiore è stato il periodo di assenza e maggiore sarà il tempo che rimarranno imbronciati.
Si tratta di una reazione d'impulso, infatti il gatto non è assolutamente un animale vendicativo. si tratta della reazione per aver dovuto attendere tanto prima di rivederci, gli servirà del tempo per perdorarci.
Non lo da a vedere, ma è assai felice di vederci, è rimasto in pena per interi giorni non vedendoci rientrare e si chiedeva dove eravamo finiti. Essendo un animale orgoglioso non lo da a vedere.
Questo tipo di atteggiamento dimostra, oltre ad intelligenza e sensibilità, anche un grande attaccamento affettivo al padrone.
E' chiaro perciò che la convinzione molto diffusa che il gatto non si affeziona al padrone ma alla casa ed all'ambiente in cui vive non è vera. Bisogna imparare a conoscere il linguaggio del nostro gatto che ha un modo tutto suo per dimostrarci il suo affetto.
L'atteggiamento che ha rivedendoci dopo molti giorni ci fa capire lo stato ansioso in cui era non vedendoci tornare. E' vero che si affeziona molto al territorio ma si affeziona ancor di più al padrone e non avrebbe problemi a seguirlo ovunque.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il cibo umido per cani di qualità

Molti di noi oggigiorno hanno un cane in casa, e di sicuro tutti ci siamo posti la domanda di quale sia il cibo migliore da dare al nostro cane, che sia arrivato da noi quando era un cucciolo oppure che sia già adulto, dato che siamo noi che gli forniamo il cibo dato che non può procurarselo da solo perchè vive in casa o in appartamento.
Qual è il miglior cibo per cani? La risposta a questa domanda dipende dal tipo di cibo che stai cercando e dal [...]

Continua a leggere

Tutto quello che c'è da sapere sui pannelli solari

I pannelli solari sono una forma sicura e totalmente sostenibile per accumulare energia.
Con il tempo, questa tecnologia si è sviluppata e migliorata,  tanto che il tasso di  installazione di pannelli solari sta aumentando di anno in anno anche in Italia.
L’investimento iniziale di acquisto e posizionamento è infatti molto basso, e si ha la sicurezza di avere energia sufficiente per riscaldare l’acqua sanitaria.
Analizzando più nello specifico gl [...]

Continua a leggere

Il fiume Tevere - Un lungo viaggio dalla Romagna

Un fiume storico che ha accompagnato una grande civiltà

Il lungo viaggio Il prestigioso fiume che tutti noi siamo soliti associare alla Capitale trova origine nell’Appennino tosco-romagnolo.
È dal Monte Fumaiolo infatti che esso sfocia per giungere fino a Roma; con i suoi 405 km di lunghezza è il terzo fiume più lungo d’Italia.
Ora che abbiamo dato un’occhiata “da lontano”, scendiamo più nel dettaglio per conoscere da vicino la storia di questo fiume incredibile.
Le origini del nome La storia ci racco [...]

Continua a leggere