Economia e Lavoro

Lavorazione acciaio: come funziona la macchina per il taglio al plasma?

Le innovazioni tecniche in materia di taglio al plasma hanno portato tale tecnologia a raggiungere livelli di precisione simili a quelli normalmente accostati al taglio laser.

Tra le varie tecnologie a disposizione nel settore del taglio lamiera, sono le macchine per il taglio al plasma ad aver raggiunto una grande notorietà. Questo per merito della capacità di garantire lavorazione precise e in grado di adattarsi perfettamente alla flessibilità, alla velocità d’operazione e alla qualità del taglio. Caratteristiche che hanno portato tantissime imprese a scegliere questi modelli per lavorare lamiere di diverse dimensioni e spessori.

Prima di entrare nello specifico degli elementi essenziali delle macchine per il taglio plasma, è corretto precisare come sia l’energia termica che proviene da un fascio di gas ionizzato (liberamente direzionabile), a consentire il taglio di diverse varietà di acciaio e di leghe. La qualità dei risultati è evidente non solamente su fogli dello spessore di pochi millimetri ma anche su lamiere di spessore più grande.

Le innovazioni tecniche in materia di taglio al plasma hanno portato tale tecnologia a raggiungere livelli di precisione simili a quelli normalmente accostati al taglio laser. Nei primi anni l’oggetto dei tagli erano soprattutto materiali elettroconduttivi. L’efficienza dimostrata nel tempo e la possibilità di variare il gas a seconda del materiale, hanno portato le macchine taglio plasma ad essere usate anche su vetro e calcestruzzo.

Tra gli elementi fondamentali della macchina per il taglio del plasma rientrano:

  • Tubo aria compressa
  • Torcia al plasma
  • Morsetto

Una volta avviata la macchina, è un trasformatore inverter che cambia la tensione della corrente da alternata a corrente continua. A quel punto la può raggiungere la torcia grazie al tubo presente e il tubo stesso consente anche il passaggio dell’aria compressa. Corrente e aria compressa, pur passando nello stesso tubo, non entrano mai in contatto tra loro. Sono tutti e due questi elementi a trasformare l’aria, che da gassosa raggiunge lo stato di plasma. Il plasma, bruciando ad altissime velocità (circa 2000 km/h), e arrivando a una temperatura pari a 10000 gradi centigradi, garantisce tagli molto precisi.

Per maggiori informazioni sui procedimenti delle lavorazioni metalliche, è opportuno rivolgersi ad aziende con grande esperienza nel settore. Per questa ragione vi segnaliamo Tecnomeccanica Fidenza, azienda leader dal 1980 nel campo della carpenteria metallica ed esperta in taglio al plasma a Parma e provincia.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Il report Machine Tools e il mercato delle macchine utensili 2018

Il mercato globale delle macchine utensili analizza gli attuali trend del mercato e quelli dal futuro, precisamente dal 2018 al 2023.
Lo studio di ricerca aiuta ad analizzare il cambiamento delle dinamiche di mercato, il volume del mercato regionale, le innovazioni tecnologiche e le opportunità di business delle macchine utensili nei prossimi anni.
Il report aiuta inoltre a comprendere il mercato mondiale delle macchine utensili e, per una miglio [...]

Continua a leggere

Come aprire un negozio? Alcune procedure

Ecco le procedure più importanti per aprire un negozio di successo e che possa vendere.

Avete intenzione di aprire un negozio ma non siete ancora coscienti di quali siano le cose da fare e le procedure da rispettare in modo da eseguire il tutto nel migliore dei modi? Sappiamo bene che al giorno d’oggi non è semplice gestire una nuova apertura: bisogna valutare la burocrazia, tempistiche molto lunghe e considerare anche la tipologia di concorrenza da fronteggiare.
Tuttavia, niente panico! Con un pizzico di pazienza e seguendo i nostr [...]

Continua a leggere

Progettare una scaffalatura: cosa serve?

Le regole che definiscono e stabiliscono gli standard per l’installazione e l’utilizzo di sistemi di scaffalature metalliche ed industriali sono inserite all’interno del documento EN 15635:2008, elaborato dal Comitato Europeo per la Standardizzazione nell’ambito del tavolo tecnico 344.
La segreteria è stata affidata quindi all’Uni, Ente Nazionale di Normazione.
Le norme, valevoli per i paesi all’interno dell’Unione Europea e per quelli dell’EFTA [...]

Continua a leggere