Casa

Lavori di ristrutturazione del bagno

Quando si acquista o si va a vivere in una nuova casa una delle prime cosa da guardare sono le condizioni generali del bagno, della cucina e dell’impianto elettrico. Per ottenere un lavoro di ristrutturazione bagno roma è necessario che questo sia eseguito da una ditta specializzata nel settore, in modo che vengano rispettate una serie di norme previste dalla legge e soprattutto si ottenga il risultato sperato, vale a dire un bagno perfettamente funzionante e che non abbia nel tempo bisogno di ulteriore manutenzione.


Informazioni utili
Com’è stato già detto in precedenza è preferibile affidare i lavori di ristrutturazione del bagno ad una ditta specializzata per evitare soprattutto di dover, dopo poco tempo, intervenire per riparare eventuali danni a terzi o a se stessi. Di seguito sono illustrate alcune informazioni utili su questo genere di lavoro.
Nel caso in cui i lavori di ristrutturazione di un bagno prevedano la creazione di uno spazio più grande rispetto a quello già esistente o la realizzazione di un altra toilette bisogna rispettare dei valori di dimensioni previsti dalla normativa di ogni Comune. Tali informazioni possono essere facilmente reperite presso l’ufficio tecnico preposto del Comune dove si trova l’immobile. E’ importante sapere che secondo alcuni regolamenti è possibile creare anche un bagno senza la finestra, che però dovrà essere dotato di un sistema di aerazione meccanica.
Secondo i regolamenti vigenti in alcuni Comuni l’ambiente del bagno deve essere obbligatoriamente separato dalla cucina da almeno un vano, che può essere anche rappresentato da un corridoio, un atrio o un apposito antibagno.
Le prese elettriche che si trovano nelle vicinanze dei lavandini devono essere dotate di un interruttore differenziale da incasso.
E’ consigliabile realizzare gli impianti idraulici ed elettrici a pavimento, in modo da poter rendere libere le pareti da componenti tecniche. Prima di realizzare i sottofondi è bene scattare alcune fotografie degli impianti realizzati, che potranno essere utili in futuro nel caso in cui ci fossero dei guasti e bisognasse intervenire. In questo modo si saprebbe l’esatta posizione di ogni impianto precedentemente realizzato.
Generalmente il bidet è posizionato vicino al vaso igienico, nel caso in cui questo spazio non fosse presente, è possibile posizionarli uno di fronte all’altro, ma bisogna prestare particolare attenzione allo scarico del bidet, che deve essere collegato a quello del vaso con un tubo che abbia la pendenza di 1 cm per ogni metro lineare.


© Fai Informazione by gnubik.itt

Articoli Simili

Rendi la tua casa più sicura, elimina l'amianto

Laddove si dovesse riscontrare nella propria abitazione la presenza di amianto, materiale noto anche come asbesto, è fondamentale eliminarlo con tempestività affidandosi a un'azienda specializzata.
L'amianto e la sua pericolosità In un passato non lontano l'amianto è stato largamente impiegato in edilizia, soprattutto per quanto riguarda la coibentazione dei tetti: questo materiale presentava caratteristiche molto interessanti sul piano tecnico, [...]

Continua a leggere

I dispenser di sapone liquido per scuole e luoghi frequentati da bambini

Scopri le alternative colorate e originali di B24 Store

La primavera e l’estate rappresentano dei richiami irresistibili per i bambini, che amano trascorrere il loro tempo libero all’aria aperta.
Nei loro giochi e avventure è inevitabile che i piccoli si sporchino le mani, ed è perciò importante insegnare loro le corrette abitudini igieniche sin dai primi anni di vita.
La stragrande maggioranza delle infezioni, infatti, si propaga per contatto diretto: lo rivela l’organizzazione statunitense WebMD spe [...]

Continua a leggere

Coi deodoranti per auto stop ai cattivi odori invernali

Scopri i "Profumotti", i profumatori di Eurotessuti

Gli odori sgradevoli che tendono a formarsi all’interno delle automobili, soprattutto di quelle più vissute, possono variare di intensità da stagione a stagione.
Quando fa caldo, ad esempio, le temperature sono favorevoli allo sviluppo dei microorganismi che causano i cattivi odori, ma è anche vero che si possono tenere aperti a lungo i finestrini per far fuoriuscire sia l’umidità – che ne promuove la proliferazione – che gli stessi effluvi sgrad [...]

Continua a leggere